venerdì 8 settembre 2017

Scuole del Fortore, la protesta continua

Il "Comitato di mobilitazione in difesa delle scuole del Fortore", a seguito dell' incontro avuto con i sindaci di San Bartolomeo in Galdo e Baselice il giorno 6 settembre, ha deciso all'unanimità di rinviare a data da destinarsi la manifestazione, annunciata per il prossimo 14 settembre, per protestare contro la mancata nomina del Dirigente scolastico per l'Istituto Comprensivo "Leonardo Bianchi".

giovedì 7 settembre 2017

Scuole senza dirigenti, verso la mobilitazione generale

Il comitato di mobilitazione in difesa delle scuole nel Fortore si prepara ad organizzare una mobilitazione generale per il primo giorno di attività scolastiche, il prossimo 14 settembre, se le richieste di una dirigenza stabile rispettivamente per l’ISS Medi-Livatino e l’IC Bianchi non dovessero essere accolte dall’ufficio scolastico regionale.

mercoledì 6 settembre 2017

Il blog Antonio Bianco spegne la decima candelina

Il blog spegne la decima candelina. Era il settembre del 2007, quando in sordina e con la curiosità di sperimentare un nuovo mezzo di comunicazione (medium, lo definisce il sociologo Mc Luhan), iniziammo le prime pubblicazioni. Da allora ne sono passati di bit sulla piattaforma.


martedì 5 settembre 2017

Scuole senza dirigenti, il comitato si appella alle istituzioni

I cittadini di San Bartolomeo in Galdo e Baselice, riuniti nel Comitato di mobilitazione in difesa delle scuole del Fortore, unitamente alle associazioni presenti sul territorio, a causa del perpetrarsi per il quarto anno consecutivo della mancanza di una dirigenza stabile per l’Istituto Comprensivo “Bianchi”, condizione aggravata dalla messa in reggenza anche dell’Istituto Superiore “Medi-Livatino”, onde evitare di acuire ulteriormente le condizioni di isolamento e di sottosviluppo delle aree interne del Sannio, ed in particolare dell’alto Fortore, chiedono che le Amministrazioni del territorio interessato possano attivarsi presso tutti gli organi competenti affinché questa situazione incresciosa venga risolta rapidamente.

lunedì 4 settembre 2017

Fornitura elettrica, ma quanto ci costi?


di  Angelo Iampietro

Risulto intestatario di una seconda casa, lasciatami dai miei genitori, posta nell’entroterra appenninica di una zona dove molti servizi tuttora mancano. Uno di questi è la sanità che, in zona, ha come funzionamento, oltre alla medicina di base, solo alcuni ambulatori all’interno di una struttura che sarebbe dovuta essere un ospedale, mai entrato in funzione. Il nosocomio è fruibile solo nel capoluogo di provincia che dista più di 50 km.