giovedì 30 aprile 2015

Baselice, pubblicato l'appalto per Palazzo Lembo

Il Comune di Baselice procede spedito: vuole portare a casa il finanziamento di 1.341.438 euro - sbloccati dal Cipe - per il recupero di palazzo Lembo. 

È di queste ore la notizia che l’ufficio tecnico ha pubblicato la determina, con la quale, appunto, si determina di "procedere all’appalto dei lavori medesimi per l’importo complessivo a base d’asta di 1.025.000 di euro”.

“Cantieri in Comune”  riguarda cinque paesi del Sannio e i relativi progetti devono essere appaltabili entro oggi, 30 aprile, e cantierabili entro il 31 agosto. Il primo scoglio sembra superato.

IL SUD FINALMENTE SI MUOVE: MO O MAI PIU'

Il Sud finalmente si muove: MO! O mai più. E' questo il succo dell'appello che vede come primi firmatari due straordinari intellettuali, il giornalista e saggista pugliese Lino Patruno e il docente antimafia calabrese Giancarlo Costabile. Questo blog ha aderito all'appello di Patruno e Costabile
L’uscita del Mezzogiorno dall'agenda del governo rischia di cancellare con un tratto di penna il problema principale del Paese. E nel frattempo le politiche nazionali non solo non tengono conto dei diritti del Sud, ma continuano a danneggiarlo.

Così la ripresa economica stenta a riavviarsi al Sud, dopo che il Sud ha pagato il prezzo principale della lunga crisi. Ma nessuna ripresa sarà duratura e consistente se non si tiene conto che i margini maggiori di crescita sono proprio nel Sud, che l’Italia può ripartire solo dal Sud.
Di fronte a questa ineguaglianza e ingiustizia senza pari nei Paesi occidentali, non si coglie nessun cenno di reazione neanche da parte della classe politica meridionale. Il cui asservimento agli indirizzi dei partiti di appartenenza è pressoché totale rispetto all’aspettativa di difesa e rappresentanza dei territori da cui proviene e che la ha votata.

Una situazione non nuova nella storia del Paese, mentre al Sud invece si vive la nuova situazione di una coscienza civile che cresce insieme alla domanda sempre più pressante ma senza risposta di un cambiamento che cominci anzitutto dagli uomini.
Per questo riteniamo di poter considerare una svolta la discesa in campo di cittadini che per la prima volta interpretano dal basso la voglia di reazione e di azione del Sud. E che perciò vada salutato con grande fiducia quanto sta avvenendo in Campania, regione simbolo con la sua resistenza popolare allo scandalo della Terra dei Fuochi oltre che regione fra le più schiacciate dalla cattiva politica.
La candidatura del nuovo movimento MO! alle prossime elezioni regionali va in questa direzione. Una candidatura nata dalla gente e fra la gente e non imposta come finora dall’alto con tutte le conosciute conseguenze. Una candidatura senza gli abituali professionisti della politica. E una candidatura che può essere il primo passo e un esempio per altre regioni del Sud e per tutti i successivi appuntamenti elettorali, come le adesioni che sta ottenendo conferma.
Il Sud finalmente si muove. Riteniamo che questa sia una buona notizia non solo per il Sud. E riteniamo che lo slogan “MO! O mai più” è quanto la storia non solo recente d’Italia si aspetta da tempo. E che per questo vada sostenuto e condiviso. Riprendiamoci il Sud e risolleveremo l’Italia.
Primi firmatari
Lino Patruno
Giancarlo Costabile
Per aggiungere la tua firma scrivi a:
appelloxMo@mosud.org

mercoledì 29 aprile 2015

Eolico, nel Fortore arrivano i cinesi

Visita ufficiale, ieri, della China Power nel Fortore. 

"L'intento della missione degli uomini di Shangai è la verifica per futuri investimenti nelle fonti rinnovabili e nella realizzazione di infrastrutture elettriche nel Sannio e in particolare nel Fortore, in un'area compresa fra San Marco dei Cavoti, Foiano di Val Fortore e San Bartolomeo in Galdo", si legge in una nota del Comune di Foiano, che però non specifica a quale tipologia di fonte energetica pulita - eolico, solare, eccetera -  sono interessati i cinesi.

A chiarire i contorni della vicenda ci pensa oggi però il vicesindaco di Foiano, 
Giuseppe Ruggiero, che 
 - dalla propria pagina Facebook -  parla di "progetti eolici".  

Gli uomini del colosso energetico cinese, dopo una serie di sopralluoghi, hanno incontrato il sindaco Michelantonio Maffeo e lo stesso Ruggiero.

Il presidente Wang Hugen ha affermato che uno degli interessi prioritari della China Power sarà l’ammodernamento delle attuale rete di distribuzione elettrica al fine di potenziare gli investimenti nel settore delle energie rinnovabili che il colosso cinese intende intraprendere.

Fra gli interessi della China Power, ci sarebbe anche la Diga di Campolattaro, infatti questa mattina c’è stato un incontro presso il ministero delle Infrastrutture insieme al sottosegretario Umberto Del Basso De Caro.

La delegazione cinese con a capo il presidente Wang ha invitato l’amministrazione di Foiano per una visita ufficiale presso gli stabilimenti e gli uffici di Pechino e Shangai per il mese prossimo.

(foto tratta dalla pagina Facebook del Comune di Foiano)

martedì 28 aprile 2015

Montefalcone e i dipendenti comunali pagati con i soldi dell’eolico

La notizia ha dell'incredibile. Lo stipendio ai propri dipendenti il piccolo comune di Montefalcone di Valfortore lo paga con i proventi dell’eolico e non con i trasferimenti dello Stato centrale, che ritardano ad arrivare. E dunque senza il privato l'ente sarebbe già in default.

La denuncia  arriva dell’assessore comunale
Rocco Ciarmoli. 

“Ormai i trasferimenti statali – accusa l'amministratore dalle pagine del quotidiano online
ottopagine.it  – non bastano nemmeno a pagare i dipendenti comunali e le utenze. Se non ci si dota di entrate extra statali siamo destinati al dissesto finanziario, destinati a scomparire come la maggior parte dei piccoli comuni italiani. Qui non stiamo parlando di un azienda o di una cooperativa, stiamo parlando dello Stato che non ha i soldi”.

E il tutto a discapito – sono parole dell’assessore – dei 30 operatori impiegati nelle cooperative di servizio, che da dicembre non vedono un euro.

Montefalcone incassa circa 300mila euro all’anno dalle pale eoliche. 
“Questi soldi vengono spesi per offrire dei servizi alla popolazione, come museo, biblioteca, assistenza agli anziani, assistenza ai disabili, mensa scolastica, trasporto alunni eccetera”, afferma Ciarmoli.
E aggiunge: “Trovo semplicemente vergognoso che queste persone pur svolgendo dignitosamente il proprio lavoro e ricevendo dei miseri stipendi, siano proprio quelle che debbano pagare le conseguenze di uno stato che ritarda ad immettere liquidità nei comuni”.
Quando l’austerità uccide i piccoli comuni. E come se non bastasse il comune fortorino si è visto quest’anno decurtare i trasferimenti di altri 80mila euro. Una mannaia che per questi piccoli paesi a volte significa sopravvivenza.

L’assessore però un’idea per fare uscire i piccoli  comuni dalla crisi ce l’ha: adottare una moneta complementare. 
“In questo modo si aumenterebbe – spiega al quotidiano online – il potere d’acquisto di cittadini, commercianti e produttori locali. Maggiore sarà l’area di accettazione della moneta maggiore l’aumento del pil locale”.

lunedì 27 aprile 2015

No triv bike tour, si parte

Una staffetta simbolica di cinque giorni in bicicletta, ma anche insieme agli asini e a piedi che parte dal Sannio, ai confini con il Molise, e fa tappa in Irpinia, nell’Alta Basilicata, nel Vallo di Diano e termina in Val d’Agri, la più estesa piattaforma petrolifera europea su terraferma.

Si inizia il 29 aprile da Santa Croce del Sannio per arrivare in giornata a Benevento. Il 30 aprile, dopo aver attraversato tre permessi di ricerca – Santacroce, Case Capozzi e Pietra Spaccata – tappa a  Gesualdo, nel Permesso Nusco, in Irpinia. 

Il primo maggio sosta a Muro Lucano, in Alta Basilicata, per passare il giorno dopo ad Atena Lucana, nel Vallo di Diano dove insistono i permessi Tardiano e Monte Cavallo. 

Da Atena partirà il Cammino silenzioso insieme ad asini e muli che si ricongiungerà a Viggiano al Ciclonauta, e ai ciclisti, raccogliendo dai territori attraversati le sementi e i doni dei contadini per la Madonna nera, in occasione della festa del 3 maggio.

Dopo un passaggio simbolico al Centro oli di Viggiano si chiude a Villa d’Agri. 

Google