sabato 7 marzo 2015

La Falanghina de La Guardiense è il miglior vino italiano

Nella tappa finale de “I Migliori vini Italiani 2015” a spuntarla è stata la Falanghina “Senete” del Sannio Dop 2013 di La Guardiense, nota casa vinicola di Guardia Sanframondi in provincia di Benevento. La rassegna enologica, organizzata presso il complesso monumentale del Santo Spirito in Sassia a Roma, allestita allo scopo di valorizzare le eccellenze vitivinicole italiane ha premiato così uno dei prodotti campani per antonomasia.

I vini premiati sono stati selezionati da Luca Maroni, una delle firme dell’ enologia italiana più prestigiose al mondo, secondo il metodo di degustazione scientifico, basato sull’ analisi sensoriale, attraverso i parametri di consistenza, equilibrio e integrità.

Lo stesso Luca Maroni ha guidato gli ospiti in un interessante viaggio dedicato al nettare degli dei, terminato con la premiazione dei prodotti più meritevoli elencati in questa XXII edizione dell’Annuario dei Migliori Vini Italiani 2015. Ospiti della manifestazione, oltre ai produttori premiati, sono stati numerosissimi giornalisti della stampa specializzata, personalità delle istituzioni e del mondo dello spettacolo.

Ancora una volta la Falanghina e il Sannio tra i più grandi nomi dell’ enologia italiana. D’altronde questo poliedrico e florido vitigno rappresenta ormai un volano importantissimo della viticoltura e dell’ economia del nostro territorio. Un contributo importante a quel pezzo di Mezzogiorno che funziona ma che dev’essere maggiormente conosciuto e diventare orgoglio delle nuove generazioni.
La Falanghina de La Guardiense è il miglior vino italiano | ècampania

giovedì 5 marzo 2015

Baselice, Giuseppe Del Vecchio inventore dell'apparecchio per la cottura uniforme di alimenti alla griglia

Non sempre il Sud è sinonimo di arretratezza (come vuole farci credere la vulgata corrente), ma spesso esprime intelligenze e capacità sbalorditive nel campo delle innovazioni. E' il caso di una baselicese doc, ma non vogliamo tediarvi con i nostri commenti. Basti leggere l'articolo postato qui sotto e apparso su Realtà sannita per rendersene conto

Giuseppe Del Vecchio nato a Baselice (Bn) il 27 aprile 1957 è un acuto innovatore-inventore erede di una tradizione artigianale familiare esemplare. Il padre, Antonio Del Vecchio, nato il 20 gennaio 1927, è stato una figura 'eroica' dell'artigianato di Baselice.

Con il contributo di Michele Marucci è stato possibile osservare da vicino non solo il brevetto che descriveremo di seguito ma anche raccogliere i tratti originali di una attività artigianale come quella della lavorazione del ferro. La visita all'officina consente di cogliere, con sorpresa, una innata vocazione di lunga data all'innovazione. La descrizione dettagliata delle tempere diverse da utilizzare per le singole parti di un'ascia rappresentano una vera lezione di tecnologia e di approccio culturale innovativo.

Tutto ha origine con la passione e i sacrifici di Antonio Del Vecchio. Il racconto della fornitura dei metalli per l'officina lascia sbalorditi. Antonio si recava a Napoli ad acquistare i metalli necessari in bicicletta: 8 ore all'andata e ben 12 ore al ritorno con la bicicletta sovraccarica dei metalli. Degno erede è risultato Giuseppe.

L'apparecchio ideato, brevettato e realizzato, rappresenta una svolta nel campo della sicurezza alimentare. Non descriveremo i dettagli tecnici del brevetto, per mettere al riparo da clonazioni illegali l'autore, ma è utile sottolineare i positivi effetti salutistici che il nuovo apparecchio consente. E' noto agli studiosi di scienze alimentari dei rischi connessi alla cottura dei cibi ed in particolare della carne alla griglia: produzione e sedimentazione di residui nocivi alla salute.

Il sistema inventato, geniale, evita alla radice il problema eliminando ogni possibilità di contatto dei residui con gli alimenti. Le potenzialità di questa invenzione per migliorare il rapporto alimentazione e salute sono considerevoli sia per i grandi numeri (ristoratori) e sia per uso familiare.

L'auspicio è che al più presto si trovino le risorse e gli interessati ad investire nella valorizzazione industriale degli apparecchi (produzione e commercializzazione) in modo da coniugare più salute anche con più lavoro. Sarebbe auspicabile un interessamento anche delle istituzioni ed in particolare della Camera di Commercio ad accompagnare e sostenere l'attività meritoria di Giuseppe Del Vecchio.

Varie - Giuseppe Del Vecchio inventore dell'apparecchio per la cottura uniforme di alimenti alla griglia (04/03/2015)

Microcredito, assegnati 150mila euro al Comune di Baselice

Il Comune di Baselice ha pubblicato sul proprio sito web un manifesto con il quale comunica di aver partecipato con esito positivo all’avviso per la selezione di Progetti integrati dei piccoli comuni (Pico) per un importo pari a 150mila euro.

"In questo modo intende rafforzare l’azione a sostegno dello sviluppo delle capacità imprenditoriali, contrastare i fenomeni di spopolamento, di difficoltà di accesso al credito da parte delle imprese, e promuovere parallelamente la propensione dei territori locali ad attrarre nuovi investimenti. Il Pico ha l’obiettivo primario di promuovere opportunità lavorative per i disoccupati ed inoccupati, in particolare giovani, donne e immigrati", si legge in una nota dell'esecutivo guidato da Canonico.

mercoledì 4 marzo 2015

Politiche digitali, Italia agli ultimi posti in Europa

Correva l’anno 2014 e Renzi annunciava in pompa magna una svolta epocale nel campo dell’innovazione tecnologica (“L’Italia deve cambiare faccia, anzi deve cambiare interfaccia”). Da una Venezia estiva il premier insisteva sul superamento del gap digitale e sulla creazione di nuovi posti di lavoro nel settore. Secondo il Censis lo spread digitale, infatti, costa al Belpaese 3,6 miliardi all’anno di mancata crescita economica.

E così a bacchettare la Penisola in tema di politiche digitali ci ha pensato l'Unione europea. Secondo il rapporto Digital economy and society index 2015, presentato nei giorni scorsi e quasi ignorato dalla stampa, l’Italia è soltanto al venticinquesimo posto nella classifica elaborata dalla Commissione europea. Siamo in compagnia di Paesi definiti a basse prestazioni quali Ungheria, Slovacchia, Slovacchia, Cipro, Polonia. Peggio hanno fatto solo Grecia, Romania e Bulgaria.

Tutt’altro discorso per i Paesi ad alte prestazioni digitali. In cima alla classifica svettano quelli che hanno saputo investire in innovazione tecnologica: Danimarca, Svezia, Paesi Bassi, Finlandia.

Ma quali sono le ragioni del nostro ritardo? L’Italia paga innanzitutto lo scotto di non aver creduto nelle potenzialità della rete. Siamo ultimi in Europa per connessione a internet veloce (la media è di 9,18 Mbps): solo il 21 per cento delle famiglie ne fa uso.

Un altro dato negativo è l’abbonamento del 51 per cento delle famiglie italiane alla banda larga fissa. Mentre gli abbonati alla banda larga superiore (30 Mbps) sono pari al 2,2 per cento. Basti pensare che la media UE è del 22 per cento per capire come il ritardo nell’Agenda digitale penalizzi fortemente aziende e cittadini.

“Lo sviluppo dell'economia digitale sembra essere frenato dal basso livello di competenze digitali”, si legge nel rapporto. E così solo il 59 per cento degli utenti usa abitualmente internet, mentre addirittura 31 per cento degli italiani non sa nemmeno come si accede alla rete. Non solo: il 42 per cento degli utenti utilizza i servizi bancari online e il 35 per cento fa acquisti online.

Va un po’ meglio per le imprese nel campo della gestione digitale (ventiduesimo posto), ma non si fa progressi nello sfruttare le potenzialità dell’e-commerce, qui il fatturato totale è di appena il 4,8 per cento.

L’Italia non brilla, poi, nemmeno in tema di e-Government. Per la Commissione europea, “in parte perché i servizi pubblici online non sono sufficientemente sviluppati e in parte a causa delle carenze in termini di competenze digitali”.

Sono trascorsi un po’ di mesi dalle dichiarazioni di Matteo Renzi e solo alla fine dell’anno scorso il Governo ha predisposto il Piano nazionale banda ultra larga e quello di Crescita digitale per il perseguimento degli obiettivi dell’Agenda digitale, così come previsto dall’Accordo di partenariato 2014-2020.

“Dotare l’Italia di reti a banda ultralarga è anche la premessa per avere un giorno un’Italia più veloce, più agile, meno burocratica”, si legge nei piani della presidenza del Consiglio, che – è notizie di queste ore – metterebbe sul piatto 6 miliardi di risorse da qui al 2020.

Intanto, non solo continuiamo ad essere gli ultimi per copertura a banda ultralarga “ma anche la nazione con la più estesa diffusione di aree a fallimento di mercato (aree bianche next generation) d’Europa”. Un bel risultato non c’è che dire.

martedì 3 marzo 2015

Baselice, è flop alle primarie del Pd

Un vero flop le primarie del Partito democratico a Baselice per eleggere il candidato a governatore della Campania.

In quella che una volta era la roccaforte della sinistra nel Fortore si sono recati a votare - domenica scorsa - solamente 74 elettori (dati definitivi).

La metà delle primarie del 2012 quando si recarono al voto per eleggere il segretario nazionale circa 145 simpatizzanti. In questa tornata invece 42 votanti hanno scelto Cozzolino, 32 il salernitano De Luca.

Da Baselice a Roma, la vita rurale delle donne fortorine raccontata nelle foto di Morelsa Barbato

La mostra da oggi all'8 marzo 2015 presso la Flag Room Louge del Palazzo della FAO a Roma

La vita delle donne nei contesti rurali della Val Fortore descritta con lo sguardo di una giovane fotografa di Baselice, Morelsa Barbato, sarà in mostra da oggi all'otto marzo presso la Flag Room Louge del Palazzo della FAO a Roma.

Dal titolo “Workers of the Earth” la personale fotografica, promossa in occasione della Giornata internazionale della donna, dalla rappresentanza permanente d'Italia per l'alimentazione e dalla “Women Representitives' Gender Network” co-presieduta dai rappresentanti di Mozambico, Svizzera, racconta scatti del quotidiano di giovani e anziane legate alla ruralità di una valle dalle numerose potenzialità paesaggistiche e agroalimentari. Oggi l'inaugurazione.

Da Baselice a Roma, la vita rurale delle donne fortorine raccontata nelle foto di Morelsa Barbato | Fortore | news | NTR24 - l'informazione sul web

lunedì 2 marzo 2015

Il Quaderno.it si ferma. Stop agli aggiornamenti

“Il portale di informazione 'Il Quaderno.it' non verrà aggiornato da giovedì 5 marzo a giovedì 12 marzo 2015 per motivazioni che non dipendono dalla volontà dei redattori di questa testata”. È quanto si legge in una nota della redazione apparsa oggi sul quotidiano online.

E continua: “Dopo un 2014 vissuto in totale autogestione e senza nessuna certezza sul futuro, siamo costretti, nostro malgrado, a fermarci. La sospensione temporanea potrebbe diventare definitiva, per quanto ci riguarda, se non ci saranno novità concrete sul futuro di questa testata online, a partire dal 13 marzo”.

La nota è firmata dai redattori Laura De Figlio, Nella Melenzio, Gaetano Vessichelli.

La redazione de 'Il Quaderno.it' si ferma. Dal 5 al 12 marzo nessun aggiornamento
Google