sabato 31 maggio 2014

Sindaci nuovi, paesi vecchi. Così scompare il Sannio

Non è un tema come gli altri ma il tema. La desertificazione demografica continua a mordere il Sannio consumandolo anno dopo anno. Nell’edizione di ieri (l'altro ieri per chi legge, ndb) Ottopagine ha pubblicato l’allarme di Federico D’Agostino, docente dell’Università Roma Tre, autore di una significativa ricerca sociologica sui paesi della provincia beneventana.

«Se non si invertirà rapidamente la rotta – denuncia il docente – entro cinquant’anni il Sannio sarà un deserto». Parole che suonano apocalittiche, finanche forzate. Ma se si analizzano i numeri si scopre che la cassandra non è lontana dalla realtà. Negli ultimi cinque anni la provincia di Benevento ha perso seimila abitanti pari al 2 per cento della propria popolazione. Effetto della crisi globale, certo, ma frutto anche di limiti endogeni che frenano lo sviluppo territoriale.

«Nei paesi che abbiamo studiato – citiamo ancora le parole del professor D’Agostino – ci sono pochissime attività produttive. Si sopravvive grazie al welfare e a piccole attività di trasformazione. Occorre individuare al più presto un nuovo modello di sviluppo che garantisca a queste comunità l’autosufficienza economica». E’ dunque tempo di rimboccarsi le maniche, a partire dai 28 nuovi sindaci (e i rispettivi Consigli comunali) eletti nella tornata elettorale di domenica.

A loro consegniamo i numeri del declino demografico che colpisce quasi indistintamente i municipi sanniti. La tabella che pubblichiamo evidenzia come 24 comuni su 28 hanno visto contrarsi la propria popolazione tra le ultime due consultazioni elettorali, con un sal­do negativo complessivo di duemila unità. Le situazioni più gravi si riscontrano nei comprensori più interni, Fortore in primis. San Bartolomeo in Galdo è ormai sceso stabilmente sotto quota 5.000 abitanti (4.947 all’ultima rilevazione Istat), mentre soltanto cinque anni fa poteva contare su 5.236 residenti.

Identico dire per Baselice che ha dovuto salutare 152 cittadini in un quinquennio e Montefalcone Valfortore (-97). Non fa eccezione San Marco dei Cavoti che pur considerata la più vitale tra le comunità fortorine ha comunque lasciato per strada 162 residenti. Stesso discorso nel Tammaro, nell’Alto Sannio, nel Titerno. Esempi vengono da Colle Sannita che si è privata suo malgrado di 274 abitanti, Circello (-80), Cusano Mutri (-54). Peso specifico particolarmente rilevante per le 48 unità che hanno abbandonato Pietraroja nell’ultimo lustro, pari al 8 per cento della popolazione. Ma il saldo è negativo anche in realtà meno decentrate della provincia. E’ il caso di centri prossimi al capoluogo come San Martino Sannita, Torrecuso, Casalduni, Cautano, Ponte, Fragneto Monforte, Apice, Sant’Arcangelo Trimonte, tutti in rosso nell’ultimo quinquennio.

E il segno meno precede anche il bilancio di Amorosi, Durazzano, Faicchio, Melizzano, Moiano, San Lorenzello, Tocco Caudio. Uniche eccezioni Pannarano, Paupisi, Paolisi e Forchia che dal 2009 hanno guadagnato rispettivamente 57, 52, 43 e 11 abitanti. Una emorragia demografica che nasce evidentemente dall’abbandono dei comuni sanniti da parte delle giovani leve, ormai costrette a cercarsi altrove un’ipotesi di futuro. Il tessuto sociale della provincia invecchia conseguentemente, innestando una spirale negativa che va al più presto spezzata. Come? Lo chiederemo da domani ai sindaci neoeletti dai quali deve partire la prima azione di rilancio. Se non si vuole che il Sannio diventi un deserto in capo a 50 anni.

benevento.ottopagine.net

giovedì 29 maggio 2014

FATTORIE E ORTI SOCIALI, APPROVATO IL REGOLAMENTO REGIONALE PER L’AGRICOLTURA “CHE INCLUDE”

Via libera definitivo al regolamento che renderà operativa la legge regionale del 2012 in materia di agricoltura sociale. Con l’approvazione della giunta regionale si fa chiarezza sull’applicazione di una norma che offre al primo settore un ruolo più ampio della sola produzione di cibo e tutela del territorio. Il lavoro agricolo e le aziende diventano così riferimento più ampio e si aprono a nuove opportunità.

Per agricoltura sociale s’intende l’attività agricola svolta per generare benefici inclusivi e promuovere l’inserimento socio-lavorativo di soggetti svantaggiati e a rischio di emarginazione, nonché lo sviluppo e la coesione sociale delle comunità locali. L’attività può essere svolta anche in forma associata, purché sia integrata in modo sostanziale e continuativo nell’attività agricola l’offerta di servizi attinenti alle politiche sociali per le famiglie, le persone con disabilità fisica e mentale, le persone a rischio di esclusione sociale, concertati con le pubbliche amministrazioni.

La fattoria sociale deve essere un’impresa economicamente e finanziariamente sostenibile, la cui conduzione di una o più delle attività agricole, zootecniche, forestali, florovivaistiche, di apicoltura e di acquacoltura, è condotta con etica e responsabilità verso la comunità e l’ambiente e svolge l’attività produttiva in modo integrato con offerta di servizi culturali, educativi, assistenziali, formativi ed occupazionali a vantaggio dei soggetti deboli, in collaborazione con le istituzioni pubbliche e con il terzo settore per attivare relazioni e servizi atti ad offrire risposte ai bisogni locali unitamente ad una o più attività.

Queste possono essere: attuazione di politiche attive di inserimento socio-lavorativo di persone appartenenti alle fasce deboli; svolgimento di percorsi di inserimento socio-lavorativo di tipo formativo-sociale attraverso tirocini formativi, formazione professionale ed esperienze orientate all'occupazione di soggetti appartenenti alle fasce deboli e più basso potere contrattuale; servizi di accoglienza, rivolti ad un ampio spettro di persone appartenenti a fasce deboli, con finalità socio-ricreative; servizi alla vita quotidiana: agri-asili, servizi di accoglienza diurna per anziani; riorganizzazione di reti di prossimità per la cura ed il supporto alla vita di anziani.

Gli orti sociali, infine, sono appezzamenti di terreno di proprietà o di gestione pubblica affidati per la loro coltivazione e gestione a persone singole o associate, con finalità sociali, ludico-ricreative, educative e ambientali per ottenere prodotti agricoli a scopo benefico e di autoconsumo.

A tale scopo viene istituito il registro regionale delle fattorie sociali della Campania (REFAS), per favorire la conoscenza delle attività delle fattorie sociali e la promozione dei servizi e dei prodotti agricoli da esse offerti.

Allo stesso modo è istituito il registro regionale degli Orti Sociali della Campania (REOS), a cui possono essere iscritti esclusivamente gli Enti pubblici proprietari o gestori dei terreni destinati ad orti sociali.

Il regolamento prevede anche l’istituzione di un Osservatorio regionale sull’agricoltura sociale, composto dall’assessore delegato all’agricoltura o suo rappresentante, due dirigenti o funzionari appartenenti alla direzione generale per le politiche agricole, alimentari e forestali; due dirigenti o funzionari appartenenti alla direzione generale per le politiche sociali, le politiche culturali, le pari opportunità e il tempo libero; tre rappresentanti per le organizzazioni professionali agricole regionali; tre rappresentanti per gli organismi del terzo settore.

www.corrieresannita.it

mercoledì 28 maggio 2014

Baselice, l'amministrazione uscente promossa con il 53% dei consensi

di Biagina Cece

Baselice riconferma Domenico Canonico a primo cittadino. La lista ‘La nostra terra’ fa il bis e stavolta sono 121 i voti di scarto rispetto ai 19 di cinque anni fa: “Vedersi riconfermato dopo cinque anni di duro lavoro è davvero una gran bella soddisfazione. Ci saremo ancora per cinque anni”, queste le prime parole di Canonico che ha abbracciato e salutato tutti i presenti e non sono mancate lacrime di commozione con l’amico di sempre Giuseppe Ferro.

Una parte dei componenti della lista avversaria ‘Per Baselice’ si è fermata e ha stretto la mano a Canonico e augurato a tutta la squadra buon lavoro. Una promozione quindi per la lista ‘La nostra terra’, i baselicesi hanno ridato la loro fiducia a Domenico Canonico. A recarsi alle urne sono stati 1904 baselicesi, circa 150 in meno delle comunali precedenti.

Non ce l’ha fatta dunque il diretto avversario Massimo Maddalena, già all’opposizione nei cinque anni passati. La lista vincente già dalla prima mezz’ora aveva un certo vantaggio sulla lista ‘Per Baselice’, vantaggio che è andato crescendo con il passare dei minuti, l’ultima mezzora ha così visto la vittoria di Canonico. Ritorna a sedere nella casa comunale quindi la squadra ‘La nostra terra’, già pronti per portare avanti il lavoro che si era cominciato.

(ottopagine/benevento)

lunedì 26 maggio 2014

COMUNALI, BASELICE RICONFERMA SINDACO DOMENICO CANONICO

Domenico Canonico è per la seconda volta sindaco di Baselice. Il primo cittadino è stato riconfermato alla guida del comune fortorino con 121 voti di scarto rispetto al suo sfidante Massimo Maddalena.

La lista "La nostra terra" ha preso, infatti, 997 voti (53,23%), mentre quella "Per Baselice" si è attestata a 876 (46,76%). Il più votato nello schieramento vincente risulta essere Giuseppe Ferro con 182 voti. Seguito da Salvatore Brancaccio con 126. Appena dopo Rocco Paolozza con 106. Poi Isidoro Mascia 80 voti, Romano Zeolla 77, Adelina Paolozza 66, Raffaella Colucci 64, Pasquale Stravato 56, Giancarlo Verdura 43 e Modesto Silvestri 41.

Nello schieramento perdente eclatante è stato il risultato di Antonio del Vecchio (già candidato a sindaco 5 anni fa e figlio dell'ex primo cittadino Nicolino) con 333 preferenze. A seguire Leonardo Brunetti con 77 voti. Emanuele del Grosso 70, Michele Ferro 63, Daniela Maddalena 50, Leonardo Bianco 49, Gianni Silvestri 38, Lea Marucci 35, Graziano Chiusolo 31 e Pasquale Zaccarino 10 voti.

"Ancora una volta il popolo di Baselice ha voluto premiare il cambiamento. Un grazie di cuore a tutti i miei sostenitori e a tutti quelli che mi hanno votato", il primo commento a caldo di Canonico.

Europee, a Baselice il Movimento 5Stelle primo partito

M5S
MoVimento 5 Stelle 555 (34,9 per cento)

PD
Partito Democratico 547 (34,4)

FORZA ITALIA 179 (11,2)

FRATELLI D'ITALIA
Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale 100 (6,3)

NCD-UDC
Nuovo Centro Destra - Unione di Cent 74 (4,7)

IDV 56 (3,15)

LISTA TSIPRAS 48 (3.0)
Google