venerdì 19 aprile 2013

Petrolio, primo no alla moratoria

La Regione Campania, guidata dal berlusconiano Caldoro, resta sorda alle richieste che provengono dalle aree interne di stoppare i permessi per le trivellazioni nel Sannio e in Irpinia. Nei giorni scorsi è stato bocciato un emendamento alla legge di Bilancio, con cui si chiedeva una moratoria, una sospensione, in tal senso. E così, invece, di dare un segnale concreto alle preoccupazioni dei cittadini irpini e sanniti si preferisce ancora una volta assecondare gli interessi delle multinazionali dell'oro nero. Leggetevi, qui di seguito, l'articolo apparso sul quotidiano online Ottopagine.

Le fibrillazioni politiche che condizionano il governo regionale si riflettono anche sulla battaglia delle zone interne e costiere non metropolitane contro l’industria petrolifera. Le divisioni nella maggioranza di palazzo Santa Lucia complicano l’iter dell’emendamento presentato in commissione dai consiglieri regionali irpini, su iniziativa di Rosetta D’Amelio, dopo che un asse trasversale composto da deputati napoletani e casertani ha di fatto imposto il rinvio della questione al dibattito in aula. Suscita perplessità il mancato accoglimento di un emendamento alla legge di Bilancio che gli analisti giudicano nella sostanza una moratoria per i permessi rilasciati dal Ministero dello Sviluppo Economico dal 2008 in poi.

La decisione di non integrare nel testo la norma proposta appare incomprensibile per gli esponenti irpini, che nel contrastare i progetti di perforazione e trivellazione hanno semplicemente messo per iscritto quanto già sostenuto dall’assessore all’Ambiente della Regione, Giovanni Romano, nel corso di un’audizione: «Le ricerche di idrocarburi contrastano con le previsioni stabilite dal Ptr della Campania dal 2008 per l’Alta Irpinia, la Valle dell’Ufita e il Sannio», aveva sostenuto, individuando peraltro una presunta falla nell’iter autorizzatorio delle ricerche petrolifere nella zona di Nusco.

La conferenza dei servizi negli uffici romani dell’Unmig deliberò un permesso di ricerca petrolifera “rilasciabile con prescrizioni e limitazioni per la compatibilità ambientale” ad un mese dall’approvazione del Ptr, strumento che sanciva la vocazione naturalistica delle zone oggetto dell’interesse minerario. Secondo i consiglieri irpini la circostanza impone l’apertura di un confronto tra governo regionale e nazionale, riaprendo la partita sull’istanza mineraria a vantaggio delle province di Avellino, Benevento e Salerno.

avellino.ottopagine.net

mercoledì 17 aprile 2013

Critical mass contro le trivelle

martedì 16 aprile 2013

L'ultimo Consiglio Provinciale è contro le trivellazioni petrolifere


Approvata all'umanimità la delibera contro la ricerca di idrocarburi e le eventuali trivellazioni petrolifere nel Sannio, in consiglio provinciale a Benevento. La seduta, che si è conclusa da pochi minuti e potrebbe essere l'ultima della Giunta Cimitile, ha deliberato all'umanimità anche l'immediata esecutività del provvedimento. Nella delibera, letta a fine dei lavori dal presidente del consiglio provinciale, Giuseppe Maturo, si specifica che la contrarietà della Provincia di Benevento è su tutti e quattro i permessi di ricerca richiesti dalle società petrolifere in questione, inclusi quelli della Delta Energy Ltd, la società britannica interessata alla ricerca di idrocarburi nel Fortore e nel Tammaro con i progetti denominati "Case Capozzi" e "Pietra Spaccata". (per continuare a leggere clicca qui sotto)

L'ultimo Consiglio Provinciale è contro le trivellazioni petrolifere: Approvata delibera all'umanimità - ilQuaderno.it

lunedì 15 aprile 2013

15 APRILE 1967, MORIVA TOTÒ



Oggi è l’anniversario della morte di Totò. Di seguito un estratto del ricordo di Eduardo De Filippo sulle pagine di Paese Sera.

"Erano più colorate le strade di Napoli, più ricche di bancarelle improvvisate di chioschi di acquaioli, più affollate di gente aperta al sorriso allora, quando alle dieci di mattina le attraversavo a passo lesto avevo quattordici anni per trovarmi puntuale al teatro Orfeo, un piccolo, tetro, e lurido locale periferico, dove, in un bugigattolo di camerino dalle pareti gonfie di umidità, per fare quattro chiacchiere tra uno spettacolo e l’altro, mi aspettava un mio compagno sedicenne che lavorava là… Oggi è morto Totò. E io, quattordicenne di nuovo, a passo lento risalgo la via Chiaia, e giù per il Rettifilo, attraverso piazza Ferrovia. Entro per la porta del palcoscenico di quello sporco locale che a me pare bello e sontuoso, raggiungo il camerino, mi siedo e mentre aspetto ascolto a distanza la sua voce, le note della misera orchestrina che lo accompagna e l’uragano di applausi che parte da quella platea esigente e implacabile a ogni gesto, ogni salto, ogni contorsione, ogni ammiccamento del “guitto”. Do un’occhiata attorno; il fracchettino verde, striminzito, è lì appeso a un chiodo: accanto c’è quello nero. Quello rosso glielo vedrò indosso tra poco, quando avrà terminato il suo numero. I ridicoli cappellini… A bacchetta, a tondino… e nero, marrone, e grigio… sono tutti allineati sulla parete di fronte. ..Manca il tubino: lo vedrò tra poco. Il bastoncino di bambù non c’è: lo avrà portato in scena".
Google