giovedì 28 marzo 2013

Fortorina, il sindaco Canonico scrive a Grillo

Il sindaco di Baselice, Domenico Canonico, richiama l’attenzione su un problema che angoscia ormai da anni, la realtà della Val Fortore, vale a dire, si pone oggi l’accento, ancora una volta, sulla strada denomina ‘Fortorina’, e lo fa scrivendo direttamente a Beppe Grillo, leader del M5S.

Canonico descrive la zona in cui si trova il piccolo centro del Fortore, come si legge dalla lettera, “una zona da sempre martoriata e bistrattata dalla politica regionale e nazionale tanto che, la valle stessa –Val fortore – comprendente anche i comuni di San Bartolomeo in Galdo, Castelvetere, Foiano, Montefalcone, non ha ancora una strada di accesso a scorrimento veloce per il solo fatto che, a dire dell’Anas, la popolazione risiedente è di qualche decina di migliaia di persone, e dunque non ha peso elettorale tale da giustificare l’investimento”, un investimento questo di circa cinquantamila euro, che l’Anas non ha al momento, a disposizione. Già tante le polemiche sulla strada in questione, si ricorderà la passata protesta dei sindaci fortorini proprio su questo argomento. Così oggi, Canonico, ha deciso di rivolgersi proprio a Beppe Grillo in quanto, si legge ancora “ho appreso dagli organi di stampa la disponibilità da parte del suo Movimento di destinare il rimborso elettorale delle ultime elezioni politiche per scopi sociali, e dato che il suo movimento ha ottenuto molti voti, tanto da essere la lista più votata nel comune da me amministrato, le chiedo di finanziare tale disponibilità per la realizzazione di questa arteria stradale che farebbe uscire i nostri comuni dall’atavico isolamento, e permettere così un futuro sviluppo socio – economico delle nostre realtà marginali e periferiche”. Da sempre questi centri hanno problemi non di poco conto a causa delle strade.

Molti i giovani universitari che sono costretti a vivere a Benevento perché tutti i giorni diventa difficile viaggiare e al contempo studiare, date le condizioni attuali della strada, e i tempi di percorrenza – circa un’ora per raggiungere Benevento – e questo è un peso per le famiglie le quali, in un periodo tanto difficile quale quello attuale, si trovano a pagare un ulteriore affitto e le diverse spese dei figli studenti. Allo stesso modo anche chi lavora fuori ha difficoltà a raggiungere il posto di lavoro ogni giorno. Così Canonico conclude la lettera affermando “una tale e nobile dimostrazione di sensibilità verso la mia popolazione può finalmente contribuire a dare una speranza ai nostri giovani e permettere loro di rimanere nei luoghi di origine”. Si presenta così, con Beppe Grillo, una nuova occasione per i centri fortorini, i quali si sono sentiti lasciati soli e delusi da anni di attesa per la realizzazione di questa strada, alla quale il Fortore sembra aver dato solo il nome “la nostra speranza – dice Canonico – è che questa lettera venga presa in considerazione. La fiducia che il popolo di Baselice ha dimostrato nei confronti di Grillo nelle ultime elezioni, è evidente. Mi auguro davvero che questo appello non passi inosservato”.

beneveno.ottopagine.net

martedì 26 marzo 2013

Petrolio nel Sannio, ribadito il 'no'

Provincia di Benevento, esponenti regionali, universitari e comitato. Il fronte del "no" alle trivellazioni petrolifere ed alle relative ricerche di idrocarburi nel sottosuolo del Sannio, finalmente si compatta, senza se e senza ma. Il tutto è stato ribadito ieri al termine dell'incontro che si è tenuto presso la struttura del Centro Studi della Rocca, al Musa di contrada Piano Cappelle. Presenti, non solo il presidente provinciale Aniello Cimitile e gli assessori ad ambiente ed energia, Gianluca Aceto e Romeo Melillo, ma anche il presidente della Commissione Ambiente in Regione Campania, Luca Colasanto e, causa assenza dell'assessore regionale all'ambiente Giovanni Romano, impegnato altrove, era in sala il dirigente regionale Domenico Sportiello.

La politica sembra prendere posizione, in attesa di ulteriori chiarimenti da qualche amministratore locale che resta in posizione ambigua (una minoranza fortunatamente, visto che qualche giorno fa a Campolattaro i sindaci sanniti hanno firmato e presentato il loro ricorso contro i progetti della Delta Energy al Capo dello Stato) e di maggiore chiarezza da parte del Governatore Stefano Caldoro (la dichiarazione "no alle trivellazioni ma le ricerche geologiche sono un'altra cosa" pronunciata proprio a Benevento a pochi giorni dal voto delle Politiche, merita qualche approfondimento in più). A questo proposito non è passata di certo inosservata l'assenza di una larga fetta di amministratori, proprio quelli direttamente coinvolti dai progetti della Delta Energy. Va bene il fronte comune siglato a Campolattaro, ma forse la presenza al "Musa" era doverosa e necessaria.

Al "no" della politica si è aggiunto quello autorevole degli esperti di impatto ambientale, come, ad esempio, Angelo Valente dell'Unisannio che, nel suo intervento, non ha avuto troppi dubbi al riguardo. Troppo alto il pericolo di contaminare zone agricole attive, considerando inoltre che bucherellare il territorio significherebbe mettere a dura prova la stabilità di una vallata, specialmente quella del Fortore, ha già quotidianamente deve fare i conti con frane e smottamenti. A rinforzare la tesi di Valente c'ha pensato Domenico Cicchella dell'Unisannio, che da diverse settimane oramai ha sposato la causa del comitato "No Triv" e quella di Sabatino Ciarcia.

Promosso dalla Provincia, il Seminario sarà seguito da altre iniziative con le quali la Provincia intende rimarcare la propria opposizione ad un programma che Cimitile ha definito devastante sotto tutti i profili per il territorio e l'assessore all'ambiente Gianluca Aceto ha indicato come l'esatto contrario del modello di sviluppo che la Provincia intende perseguire. Alla riunione del Musa era presente anche il segretario provinciale della Cgil Antonio Aprea, contrario anch'egli al programma. Colasanto ha annunciato la presentazione di un emendamento alla legge di Bilancio regionale per la moratoria delle trivellazioni in Sannio ed in Irpinia. Al termine del dibattito che non è certo stato privo di accenti anche molto polemici, il presidente Cimitile ha annunciato la prossima convocazione di una Assemblea dei Sindaci oltre che una riunione monotematica del Consiglio provinciale.

www.ilquaderno.it
Google