giovedì 28 febbraio 2013

LO TSUNAMI 5STELLE TRAVOLGE IL FORTORE

Il terremoto politico che ha stravolto l’Italia non ha risparmiato neanche il Fortore e il Tammaro, anzi in alcuni gli effetti sono stati anche più clamorosi. Baselice e San Marco sono l’emblema di questo tsunami chiamato Grillo. Nel primo comune il Movimento 5 Stelle, dopo anni di assoluto dominio del centrosinistra, non solo è riuscito a diventare il primo partito ma con i voti ottenuti ha superato anche le due coalizioni principali. Con 513 voti alla Camera e 438 al Senato ha stravolto lo scenario politico. Altro dato significativo per quanto riguarda il voto baselicese è il tracollo del centrodestra e del suo principale partito. Per i berlusconiani solo il 17,62 al Senato e 15,99 alla Camera. Nel 2008 i voti per Silvio Berlusconi erano stati 532 pari al 31,7% alla Camera.

Anche nel secondo comune il risultato dei grillini è, sorprendentemente, esaltante. Anche qui il Movimento 5 Stelle non solo è il primo partito ma prende più voti delle coalizioni di centrodestra e centrosinistra. Il dato delle politiche sammarchese è controtendenza rispetto al voto sannita e campano, proprio come quello di Baselice. Vince Grillo, secondo arriva la coalizione di centrosinistra, mentre i berlusconiani si piazzano al terzo posto perdendo oltre il 60% dei voti conquistati nel 2008, dove arrivarono primi.

Successi di Grillo anche nel Tammaro. Il Movimento 5 Stelle conquista il primato a Circello, sia al Senato che alla Camera, battendo la coalizione berlusconiana che nel 2008 aveva ottenuto il 50% dei voti. Anche a Colle Sannita vince il partito dell’antipolitica, nonostante il sindaco fosse candidato nella lista “Monti”. Lista monti che comunque nel comune di Giorgio Nista ottiene il miglior risultato della provincia sannita. Il M5SS che diventano il primo partito di riferimento a Colle Sannita, al Senato arrivano secondi, dietro l’alleanza che appoggiava Berlusconi, per soli 9 voti, mentre alla Camera si piazzano al primo posto.

Risultato a due facce per Morcone. Al Senato vince il centrodestra, mentre alla Camera si afferma il centro sinistra. In entrambi i casi il partito di Grillo arriva al terzo posto ma con una manciata di voti di scarto dalle due coalizioni principali. Il Movimento 5 Stelle al Senato è il secondo partito, mentre alla Camera è il primo alle spalle del Pdl, mentre alla Camera il primo.

San Bartolomeo in Galdo si conferma una roccaforte del centrodestra. L’alleanza berlusconiana ottiene la vittoria sia al Senato che alla Camera con il doppio dei voti sul Movimento 5 Stelle che diventa il secondo partito del principale centro fortorino. Il Pdl & Company ottengono poco più di 1100 voti mostrando un calo importante rispetto al 2008 quando alla Camera conquistò oltre 1800 voti. Ancora una volta il centro sinistra sanbartolomeano è costretto a registrare una sconfitta.

Buon risultato del Pdl e della coalizione di centrodestra anche Catselfranco in Miscano che vedeva in corsa anche il suo sindaco, Pio Antonio Morcone, candidato nelle liste del Popolo delle Libertà. Il centrodestra ottiene il 52,7% dei voti, il 6% comunque in meno rispetto al 2008. Nel comune di Pio Antonio Morcone i grillini ottengono un risultato negativo, rispetto al resto del territorio. Il M5SS si piazza addirittura al quarto posto, alle spalle del centrosinistra e della coalizione montiana. Stesso risultato, per il partito di Grillo, ottenuto a Ginestra. Nel comune guidato da Zaccaria Spina vince il centrosinistra, davanti a Berlusconi e alla lista “Monti”. Resistono le roccaforti del Pd di Molinara e Montefalcone. Nel primo il centrosinistra conquista il primato davanti al Movimento 5 Stelle, perdendo però il 6% dei voti rispetto al 2008, terzo il centrodestra. A Montefalcone vince il centrosinistra davanti alla coalizione di Monti. Solo terzo il centrodestra, mentre il partito di Grillo si deve accontentare della quarta posizione.

A Foiano si è ripetuto lo scontro elettorale delle amministrative. Il centro sinistra, rappresentato dall’amministrazione, vince davanti alla coalizione che sosteneva Mario Monti, rappresentata dal candidato dell’Udc Bruno Casamassa. La piazza d’onore la conquista il centrodestra, mentre per il M5SS solo il quarto posto.

A Reino vince il centrosinistra davanti alle liste berlusconiane e al movimento dei grillini. Il dato più sorprendente è quello ottenuto dalla lista Fratelli d’Italia che si affermano come primo partito all’interno della coalizione di centrodestra.

Nell’Alto Sannio il centrodestra vince anche a San Giorgio la Molara e Castelvetere di Val Fortore, Castelpagano e Santa Croce del Sannio, mentre il centrosinistra vince a Pontelandolfo, Buonalbergo e Sassinoro.

(tratto da Ottopagine/Benevento)

martedì 26 febbraio 2013

Grillo primo a Baselice

Senato (Definitivo – Ufficiale. Fonte Ministero interno): Centrodestra 218 voti (17,62%); Centrosinistra 404 voti (32,65%); M5S 438 voti (35,40%); Monti 96 voti (7,76%) - Elettori: 1.927 - Votanti: 1.333 69,17 %.

Camera
MOVIMENTO 5 STELLE BEPPEGRILLO 513 36,95

PIER LUIGI BERSANI
PARTITO DEMOCRATICO 377 27,16
SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA' 31 2,23
CENTRO DEMOCRATICO 11 0,79
Totale Coalizione 419 30,18

SILVIO BERLUSCONI
IL POPOLO DELLA LIBERTA' 161 11,59
FRATELLI D'ITALIA 18 1,29
MIR - MODERATI IN RIVOLUZIONE 16 1,15
GRANDE SUD - MPA 9 0,64
INTESA POPOLARE 7 0,50
LA DESTRA 6 0,43
PARTITO PENSIONATI 5 0,36
LEGA NORD - -
Totale Coalizione 222 15,99

MARIO MONTI

SCELTA CIVICA CON MONTI PER L'ITALIA 81 5,83
UNIONE DI CENTRO 61 4,39
FUTURO E LIBERTA' 10 0,72
Totale Coalizione 152 10,95

ANTONIO INGROIA

RIVOLUZIONE CIVILE 21 1,51

GIACINTO MARCO PANNELLA

LISTA AMNISTIA GIUSTIZIA LIBERTA' 12 0,86

GIUSEPPE CIRILLO

VOTO DI PROTESTA 10 0,72

MAGDI CRISTIANO ALLAM

IO AMO L'ITALIA 9 0,64

SIMONE DI STEFANO

CASAPOUND ITALIA 9 0,64

OSCAR FULVIO GIANNINO
FARE PER FERMARE IL DECLINO 7 0,50

RENATA JANNUZZI

LIBERALI PER L'ITALIA - PLI 6 0,43

ROBERTO FIORE

FORZA NUOVA 5 0,36

RAFFAELE BRUNO

RIFONDAZIONE MISSINA ITALIANA 3 0,21

TOTALE 1.388
Google