venerdì 1 febbraio 2013

No Triv Sannio, ecco come firmare la petizione. L'ex assessore regionale Nappi: 'Tutelare il Fortore'

ener
Si mobilita il popolo "No Triv Sannio" per scongiurare le ricerche petrolifere nella provincia di Benevento. E' stata redatta infatti, la petizione popolare già redatta nei giorni precedenti. Per supportare l'iniziativa è sufficiente lasciare i propri dati su questo link
http://www.activism.com/it_IT/petizione/appello-per-fermare-la-ricerca-e-l-eventuale-sfruttamento-di-idrocarburi-nella-provincia-di-benevento/42026

Intanto sull'argomento è intervenuto, con un'intervista rilasciata a "Repubblica" anche Gianfranco Nappi, l'ex assessore all'agricoltura della Regione Campania. "Sotto l’attenta regia del Governo Monti e, manco a dirlo, nel consenso della Regione Campania, si stanno avviando le procedure conclusive per l’ingresso in grande stile in Campania della Delta Energy ltd. società del Regno Unito.

La società in questione è una delle principali protagoniste nella ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi: ebbene si, dopo i ‘successi’ lucani, anche la Campania si accinge ad aprire una sua via allo sviluppo fondata sulla risorsa
energetica di maggiore futuro e di minore impatto ambientale esistente (sic): il petrolio.

L’area in questione riguarda la provincia di Benevento, oltre 30 comuni, epicentro nella Val Fortore. Siamo ad un passo dall’avvio delle ricerche. L‘iter non è ancora concluso, ma le fasi più importanti si sono consumate in un silenzio assordante. Se le ricerche partiranno, come appare assai probabile, nessuno sa se daranno effettivamente risultati apprezzabili. E’ credibile che non si avvii una ricerca in un’area dove non si abbia una seria probabilità di riuscita.

Dunque, facciamo lo scenario completo: si trova il petrolio. Nel giro di pochi anni la Val Fortore si troverà inondata da pozzi, trivelle e quant’altro. Diciamo come in Val D’Agri. Cambia il destino di un pezzo di Regione. Davvero imbarazza il fatto che una simile possibilità, dalle implicazioni così grandi, sia assunta senza un confronto pubblico, senza quel necessario processo democratico in assenza del quale nessun meccanismo di sviluppo positivo si può avviare. Ma, diamo per scontato che del petrolio si trovi, ovviamente in quantitativi che non potranno che essere in ogni caso contenuti, davvero è questa la prospettiva che può costruire un futuro diverso per quei territori come per la Campania? Queste domande sarebbe corretto porsele esattamente ora. Dopo, sarà troppo tardi in ogni caso. A me, una prospettiva del genere, appare più come una scorciatoia che brucia futuro piuttosto che costruirlo. Si veda anche la discussione che è aperta in Basilicata proprio sull’esperienza della Val d’Agri dopo circa venti anni di storia. Certo su quel petrolio c’è qualcuno che ci ha guadagnato, a cominciare dall’ENI.

Mi pare difficile che si possa sotenere che ci abbia guadagnato la Basilicata, nè mi sembra si possa sostenere che la realtà di sviluppo della Valle sia mutata sensibilmente nel mentre aumentano le serie preoccupazioni di impatto ambientale delle attività in corso da tanti anni. E i comuni si ritrovano con la mancia lasciata dall’ENI molto spesso senza sapere bene neanche come utilizzarla : non solo perchè magari è carente un progetto di sviluppo d’insieme, ma perchè quella scelta è in radicale contraddizione con ogni idea di sviluppo fondato sulla valorizzazione delle risorse del territorio: quelle emerse e rinnovabili e non quelle sommerse, finite e carburante, appunto, di uno sviluppo drogato e inquinante. Le due cose non possono stare insieme. Ecco perchè nessun turismo,rilancio dei prodotti dell’agricoltura, qualità della vita... si è determinato in Val d’Agri.

E allora vediamola questa Val Fortore. Sono alcuni anni che mi capita di conoscerla a fondo, da napoletano. Parliamo di un’area di straordinario valore ambientale, il Sannio ai confini con Molise e Puglia : un’area marginale nel paradigma dello sviluppo industrialista che invece diventa centrale in quello fondato sulla valorizzazione delle risorse dei territori, con la loro storia e cultura; sulla esaltazione della loro unicità e inimitabilità che mal si adatta alle riproduzioni seriali; sulla sua capacità di fondarsi sulla qualità: della vita, del prodotto, del lavoro, delle relazioni sociali.

Mi sembra davvero difficile immaginare che in un territorio dove già le pale eoliche l’hanno vinta su ogni altro elemento verticale del paesaggio (e poco male, si tratta di energia pulita: l’unico vero rammarico e’ che al territorio, di questa energia prodotta e del suo valore, rimanga ben poco...), a San Giorgio la Molara, forse uno dei paesi d’Italia con il più alto numero di bovini allevati pro capite, e di una razza pregiata, la Marchigiana (cugina della Chianina per intenderci ), o a Castelpagano, dove da piccoli allevamenti di montagna con mucche che mangiano erbe e fieni di svariate qualità, è nato il primo, e al momento unico, latte diventato Presidio Slow Food nel mondo, il Latte Nobile, o a Castelfranco in Miscano, dove in questi anni si è rilanciata un’antica tradizione casearia che fa del Caciocavallo prodotto in quel territorio una eccellenza assoluta, o a Montefalcone dove si coltivano legumi eccezionali come il fagiolo giallo di Montefalcone o quello giallo del Fortore, o in tutta l’area, dove di coltiva un pomodorino che , cresciuto in montagna praticamente senz’acqua, ha una consistenza e un gusto straordinari, o a San Marco dei Cavoti, famoso nel mondo per i suoi torroncini o nel territorio dove si incrociano i Regi Tratturi della transumanza più antica, tutto questo possa continuare a diventare, progressivamente, il fondamento di un faticoso percorso di sviluppo e di valorizzazione in presenza delle trivelle e degli effluvi delle scorie del petrolio bruciate h24.

Non raccontiamoci sciocchezze : le due cose insieme non si tengono. O se ne sceglie una o l’altra. E davvero non dovremmo avere alcun imbarazzo nella scelta. Ma c’è ancora il tempo per una scelta?". (E noi aggiungiamo il famoso Moscato di Baselice, ndb).

www.ilquaderno.it

giovedì 31 gennaio 2013

I ‘No Triv’ ai sindaci: «Uniti contro i pozzi»

Fare fronte comune contro il pericolo nero che minaccia il Sannio. Ancora una volta so­no i movimenti a farsi parte diligente nella battaglia per la difesa del territorio, dell’ambiente e della salute. Il neonato coordinamento ‘No Triv’ fa appello ai sindaci dei comuni inseriti nei quattro programmi di ricerca di idrocarburi che interessano il Sannio. Ben 18 quelli che rientrano nell’area di intervento del progetto «Pietra Spac­cata» della società britannica ‘Delta Energy’: Baselice, Cam­po­lattaro, Casalduni, Ca­stel­pagano, Castelvetere in Val Fortore, Circello, Colle Sannita, Foiano di Val Fortore, Fragneto l’Abate, Fragneto Monforte, Molinara, Morcone, Pago Ve­iano, Pesco Sannita, Ponte­landolfo, Reino, San Giorgio La Molara, San Marco dei Cavoti. Altrettanti (ma alcuni sono in comune tra i due progetti) sono toccati dal programma di ricerca «Case Capozzi» della stessa ‘Delta Energy’: Foiano in Val Fortore, Molinara, Montefalcone di Val Fortore, Castelfranco in Mi­scano, Ginestra degli Schia­voni, San Giorgio la Molara, Buo­nalbergo, Pago Veiano, Pesco Sannita, Fragneto l’Abate, Fra­gneto Monforte, Benevento, Pietrelcina, Paduli, Sant’Arcan­gelo Trimonte, Apice, San Nicola Manfredi, San Giorgio del Sannio. Ma non è tutto. Il Ministero dello Sviluppo economico ha già autorizzato (grazie al parere favorevole della Giunta regionale) le ricerche petrolifere per altri due progetti che investono sia pure marginalmente la provincia di Benevento.

Si tratta del «Nusco», presentato dalla ‘Italmin Explo­ration’ che si sviluppa in gran parte in Irpinia ma tocca anche il comune sannita di Apice, e del «Santa Croce», tra Sannio e Mo­lise, con il coinvolgimento diretto di tre centri beneventani: Morcone, Santa Croce del Sannio, Castelpagano. A questi comuni si rivolge l’appello redatto dal professor Domenico Cicchella dell’Università del Sannio e fatto proprio dal coordinamento dei movimenti. La nota è indirizzata anche alle Comunità montane ‘Fortore’, ‘Titerno-Alto Tammaro’ e ‘Ufita’. «Noi cittadini, amministratori, membri di associazioni e di organizzazioni professionali della provincia di Benevento – esordisce il testo – coscienti delle minacce che gravano sull’ecosistema locale e sulle economie che da esso dipendono, firmiamo questo appello a testimonianza del Nostro impegno contro le indagini petrolifere e per chiedere al Ministro dell’Ambiente di proteggere in modo efficace il nostro territorio. La ricerca e lo sfruttamento di idrocarburi rappresenta un grave rischio per l’ecosistema e per le economie che da esso dipendono, come ampiamente dimostrato in diversi studi scientifici in varie parti del mondo dove estrazione, utilizzo e trasporto di petrolio hanno gra­vemente compromesso attività agricole, turismo, biodiversità e non ultimo la salute della popolazione residente.

Il rapporto costi/benefici fa pendere la bilancia esclusivamente dalla parte dei costi per le comunità locali e che gli unici benefici sono di natura economica e ad esclusivo vantaggio delle compagnie petrolifere. Le comunità locali hanno necessità di un modello economico ecosostenibile, e i settori sui quali si vuole puntare sono: agricoltura di qualità, zootecnia, turismo, energia rinnovabile. Vo­gliamo che le attività economiche debbano servire l’interesse generale, il bene comune come è normale che sia in un Paese moderno e democratico e che non si sostenga un modello economico obsoleto e retrogrado». Di qui la richiesta al Ministero dell’Ambiente che si chiede ai Comuni di condividere: «Il Ministero si impegni ad agire in maniera rapida, coraggiosa, intelligente ed incisiva per il blocco immediato di ogni processo di autorizzazione per progetti di ricerca e perforazione». Si attende ora l’adesione dei Comuni che nei mesi scorsi hanno già deliberato contro le trivelle. Per giovedì a Colle Sannita è in programma un incontro dei primi cittadini dei comuni coinvolti dai programmi di ricerca.

www.benevento.ottopagine.net

martedì 29 gennaio 2013

Petrolio del Sannio: Il doppio gioco della Regione e l'elaborato della 'Delta Energy'

Le rassicurazioni dell'assessore regionale all'ambiente, Giovanni Romano, le precisazioni del presidente della Commissione Ambiente, Luca Colasanto, la "leggerezza" della Commissione "Via" per quanto riguarda concessioni ed autorizzazioni, l'attesa perenne delle carte della Provincia di Benevento, le azioni dei comuni sanniti, dei sindaci preoccupati e delle associazioni ambientaliste che hanno formato il comitato "No Triv".

La questione trivellazioni, dopo un lungo letargo, è sulla bocca di tutti. E meno male. Dei quattro progetti riguardanti la ricerca di idrocarburi in Campania ("Case Capozzi", "Pietra Spaccata", "Nusco", "S.Croce") tutti e quattro riguardano il Sannio (anche se gli ultimi due lambiscono solo il territorio sannita) per un totale di 35 comuni coinvolti. Gli "avversari" si chiamano "Delta Energy ltd", ‘Italmin Exploration’ e ‘Sviluppo Risorse Naturali’. Non è chiaro un altro aspetto: chi è l'arbitro? In Regione Campania si gioca, come al solito, allo scaricabarile. Lo sanno tutti ma la responsabilità non è di nessuno. Senza voler essere noiosi e ripetitivi, è bene ricordare, sopratutto ai lettori, che la Regione Campania dovrà pronunciarsi sui due progetti della britannica "Delta Energy" nei primi giorni del mese di marzo.

L'ultimo intervento, in ordine temporale, è quello dei sindaci dei territori interessati dai progetti della società britannica (Colle Sannita, Pesco Sannita, Fragneto l’Abate, San Giorgio la Molara, Pago Veiano, Montefalcone di Val Fortore, Circello, Castelpagano, Campolattaro, Pietrelcina, Ariano Irpino, Montecalvo Irpino, San Marco dei Cavoti, Molinara, Reino, Fragneto Monforte, Sassinoro – Comunità Montane: del Fortore, del Titerno-Alto Tammaro, dell’Ufita).

A dare battaglia è il consigliere comunale di S.Marco dei Cavoti, Domenico Costanzo, che, in qualità di coordinatore, con una nota ufficiale, ha chiesto l'accesso a tutti i documenti. Inviti inoltre estesi all'assessore provinciale, Gianluca Aceto, e nuovo appuntamento rivolto a tutti i responsabili degli uffici tecnici comunali, previsto a Colle Sannita, il prossimo 31 gennaio alle 18.30, presso l'aula consiliare.

Tutto questo mentre le "carte" della Delta Energy e le richieste dei sindaci sanniti, sono state pubblicate sul sito ufficiale del Comune di Apice (che vi alleghiamo nei link di questo articolo). Interessante è l'elaborato di progetto della Delta Energy: 29 pagine tra programma di lavori, indagini geofisiche e sismiche, azioni di cantiere, tempi di esecuzione, sicurezza, vibrazioni, limiti di legge, occupazione del suolo ed altro.

www.ilquaderno.it

lunedì 28 gennaio 2013

Il paesologo Arminio sbarca nel Fortore per portare un messaggio di speranza

di Leonardo Bianco

Paesi, comunità, territori. Questi i temi trattati venerdì sera nell’incontro con Franco Arminio a Molinara. Un confronto con il poeta e scrittore irpino sulla vita e sulle potenzialità dei territori interni. Arminio ha affrontato il tema della desertificazione che colpisce i piccoli centri come Molinara. L’abbandono della terra da parte dei contadini per fuggire verso centri industrializzati dove le opportunità di lavoro di riscatto sociale sono maggiori.

Un’analisi, quella di Arminio, che però apre la speranza per un futuro diverso per i “paesi dell’Appennino”. Un ritorno alla terra, alle vecchie tradizioni, ai costumi semplici e genuini della civiltà contadina. Piccoli centri caratterizzati dal silenzio di chi è partito e non è più tornato, ma allo stesso tempo di un silenzio che rilassa, che fa riflettere. Piccole comunità attraversate dal silenzio del vento, dalla ricchezza della terra e dell’aria. Fattori che possono ridare vita e speranza, che possono far tramutare la desolazione, l’abbandono un dono ricco e pregiato.

Il “paesologo” Franco Armino ha dato vita ad un dibattito con il folto pubblico presente fatto di domande, risposte e analisi. Un confronto che ha entusiasmato i partecipanti e che ha visto Arminio protagonista di una serata che ha ridato fiducia ad una comunità che nonostante tutto è saldamente legata alla propria terra. Il poeta irpino ha annunciato che a primavera tornerà per un “viaggio nel Fortore”, per storia e pregi di una terra di confine. Una serata riuscita, così come l’aveva immaginata il primo cittadino di Molinara, Giuseppe Addabbo che dei concetti di terra, agricoltura, tradizioni, ne ha fatto un cavallo di battaglia. “E’ giunto il momento che le nostre comunità devono confrontarsi, fotografando la realtà così come è, senza nascondere la verità”.

Così ha esordito il sindaco nel presentare l’evento fortemente voluto da lui e dalla sua amministrazione. “E’ con uno spirito da briganti che vogliamo difendere i nostri paesi. Ieri contro i “piemontesi”, oggi contro le scelte politiche ed economiche. I nostri territori sono sotto un attacco crudele che rischia di schiacciarci”. “I nostri paesi non sono un problema, – conclude Addabbo -, ma la soluzione”. A presentare lo scrittore e poeta Franco Armino è stato il responsabile della Biblioteca comunale Cosimo Caruso, che ha sottolineato l’importanza e l’efficacia del lavoro e dello studio del paesologo.

www.benevento/ottopagine.net
Google