sabato 29 dicembre 2012

Petrolio nel Sannio, la Provincia ricorrerà al Tar. I cittadini: 'Una condanna a morte'

Si parla di rilancio dell'agricoltura, di scommessa della green economy, del grande progetto della diga di Campolattaro. Poi ecco che la Regione Campania decide di favorire la società inglese "Delta Energy" per le trivellazioni petrolifere in 19 comuni del Sannio.

E' una mattina strana per i cittadini delle zone interessate dalle possibili trivellazioni petrolifere. Molti sono preoccupati ed hanno come riferimento lo scempio della Val d'Agri, in Basilicata, dove da oltre un decennio la ricerca di idrocarburi (in quel caso da parte dell'Eni) ha stravolto il quotidiano di piccoli centri lucani (Viggiano su tutti) con vantaggi praticamente nulli per le comunità locali. Proprio quello che potrebbe succede tra qualche mese nel Sannio.

E' molto rammaricato l'assessore all'ambiente della Provincia di Benevento, Gianluca Aceto, che da mesi ha messo in guardia i primi cittadini dei comuni interessati: molti di loro hanno firmato le delibere comunali contro qualsiasi autorizzazione a "scavare" alla ricerca di petrolio.

Potrebbe non bastare dopo che la Regione Campania, a fari spenti e con un decreto dirigenziale spuntato il giorno della Vigilia di Natale sul Burc, ha dato di fatto il via libera alla multinazionale inglese: "E' sicuramente un punto a favore per loro - ha commentato Aceto - ma quello che più mi sconforta è che la Regione Campania ha avuto al riguardo un atteggiamento misterioso, non inviandoci mai la documentazione che da mesi abbiamo richiesto. E' ovvio che c'è da reagire subito anche se la partita è tutta in salita: prima di tutto faremo immediato ricorso al Tar. Vale un po' lo stesso discorso fatto per scongiurare la realizzazione della centrale turbogas. Poi è chiaro che bisogna avere un colloquio risolutivo con i vertici regionali".

Strada in salita, afferma l'assessore, come in salita sono le strade della maggior parte dei comuni coinvolti nella "ricerca dell'oro nero". In salita e dissestate. Il gap infrastruttuale dei paesi del Fortore e del Tammaro è sotto gli occhi di tutti: se ne discute da decenni ma il risultato è scadente: "Immaginatevi un po' il traffico di autocisterne su queste strade - ci confida preoccupato Giuseppe, un cittadino di Molinara - e senza il minimo controllo".

In Basilicata, proprio per questo motivo, si sono avuti incidenti gravissimi con rovesciamenti di tir e fuoriuscite di petrolio. Intaccate, forse per sempre, falde acquifere e torrenti, persino un lago montano: "E' assurdo pensare ad una cosa del genere - dichiara un altro cittadino di Molinara nei pressi di un bar - tra qui e S.Giorgio la Molara siamo pieni di falde acquifere, anche per questo motivo non sono mai riusciti a fare una discarica per i rifiuti. Stanno mettendo gli occhi su questo territorio da decenni, questo è l'ennesimo attacco e, secondo me, è il più pericoloso".

Proprio a S.Giorgio La Molara c'è un laghetto montano. Stasera in paese c'è il "Natale a La Terra", una festa tradizionale molto sentita e partecipata: "Altro che pale eoliche - ha tuonato un cittadino - qua rischiamo di mettere in pericolo la nostra salute. Questa è una zona dove tira tanto vento, è una vallata aperta. Vogliono forse avvelenarci con etilene e altre schifezze come hanno fatto in Val d'Agri? Cos'è una condanna a morte?".

La Basilicata è l'esempio. Non bisogna andare lontano per immaginare gli effetti che un insediamento del genere può provocare all'entroterra sannita: "Proprio sul vostro portale - ha continuato Marco, residente a Pago Veiano - ho letto i programmi dei candidati e delle candidate di centrosinistra. Tutti parlano di rilancio all'agricoltura. Come pensano di rilanciarla l'agricoltura? Con le trivelle? In questi paesi l'unica vera ricchezza è la zootecnia, abbiamo allevamenti di carne marchigiana in ascesa, indiviati da altre realtà e questi pensano al petrolio".

Per gli intervistati insomma, la ricerca di idrocarburi è un inganno: "Non porterà ricchezza - aggiungono - sarà peggio dell'eolico, si arricchiranno solo in pochi. Almeno l'eolico è energia pulita, questo invece è veleno per le nostre terre, per i nostri figli e per il nostro futuro". La speranza di Marco è proprio quella di un interessamento al problema degli imprenditori della cosidetta, energia pulita: "Credo che a loro non dovrebbe far piacere avere in questi territori, una multinazionale pronta a lavorare a colpi di trivella. Spero in un loro intervento al fianco delle amministrazioni e dei cittadini".

www.ilquaderno.it

venerdì 28 dicembre 2012

Trivellazioni petrolifere in 19 comuni del Sannio, ecco quali sono

Prima la scoperta di un'associazione, poi il fronte comune lanciato in Provincia. Ma potrebbe non bastare. Con un avviso pubblicato sul Burc della Regione Campania del 24 dicembre 2012, viene comunicato che la Commissione di Via (Valutazione Impatto Ambientale) ha dato il via libera per le trivellazioni petrolifere nella provincia di Benevento.

E' arrivato infatti il parere favorevole di Via integrata con la Valutazione d'incidenza "su conforme giudizio della Commissione V.I.A., V.A.S. e V.I., espresso nelle sedute del 2 agosto 2012 e del 30 ottobre 2012 per il al progetto "Intervento di ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi in terraferma denominato "Valle Spaccata" in vari Comuni della Provincia di Benevento" proposto dalla società "Delta Energy Ltd", con sede legale a 43 Park Crescent, Brighton, East Sussex BN2 3HB, Regno Unito. Si tratta di una delle tre zone individuate nel Sannio per le ricerche petrolifere: oltre a "Valle Spaccata" sono ancora in piedi i due iter per la ricerca di idrocarburi in zona "Nusco" e "Santa Croce".

Oltre a quella della "Delta Energy", le istanze presentate presso il Ministero dello Sviluppo Economico risulterebbero essere: 1) Istanza della Soc. Italmin exploration s.r.l. presentata il 18/07/2002 al Ministero Sviluppo Economico per il rilascio del permesso di ricerca per idrocarburi liquidi e gassosi denominato convenzionalmente “Nusco”; 2) Istanza della Soc. Sviluppo risorse naturali s.r.l. presentata il 16/11/2005 al Ministero Sviluppo Economico per il rilascio del permesso di ricerca per idrocarburi liquidi e gassosi denominato convenzionalmente “Santa Croce”.

I comuni sanniti sono Baselice, Campolattaro, Casalduni, Castelpagano, Circello, Castelvetere di Valfortore, Colle Sannita, Foiano in Val Fortore, Fragneto l’Abate, Fragneto Monforte, Molinara, Morcone, Pago Veiano, Pesco Sannita, Pontelandolfo, Reino, San Giorgio la Molara e San Marco dei Cavoti.

Nessuna battaglia vinta, ma i ricercatori di idrocarburi hanno di sicuro messo in cascina un punto importante dalla loro parte. La questione "petrolio" totalmente sconosciuta nella provincia beneventana, è stata sollevataper la prima volta dal comitato "No Luminosa" che venne a conoscenza di recenti concessioni di trivellazioni nel Sannio, regolarmente rilasciate dalla Regione Campania. La prima presa d'atto risale allo scorso giugno quando si riunì la Prima Commissione Consiliare su iniziativa del vicepresiente del Consiglio Provinciale, Giuseppe Lamparelli: alzata la guardia sono arrivate le prime mosse ufficiali con la richiesta, da parte dell'assessore provinciale Gianluca Aceto, di accedere agli atti sulle concessioni per le esplorazioni di idrocarburi nel Sannio.

Successivamente furono informati anche tutti i sindaci dei comuni sanniti. Da giugno ad oggi qualcosa si è mosso, ma non a Napoli. In un'intervista rilasciata a "Il Quaderno.it" lo scorso novembre, Aceto affermò di aver più volte sollecitato la Regione Campania senza mai avere una risposta concreta visto che "non ci sono stati ancora inviati i documenti richiesti". Diversa è la situazione nei comuni sanniti a rischio trivellazioni: "Va dato atto del grande impegno delle realtà locali - sostenne l'assessore provinciale - molte amministrazioni si sono schierate contro presentando le delibere, stessa cosa vale per la Comunità Montana del Fortore. Il fronte del no è attivo, ci siamo riuniti a San Marco dei Cavoti in un consiglio comunale aperto". Tutto questo però potrebbe non bastare, dopo il punto a favore della "Delta Energy Ltd".

Negli stessi giorni invece proprio sul tema della trivellazioni petrolifere, un'altra regione, la Lombardia, ha invece deciso lo stop alle ricerche di petrolio in Lomellina. L'assessore all'ambiente della regione Lombardia Leonardo Salvemini ha dichiarato in proposito che "Il primo parametro per tutte le nostre valutazioni è la tutela dell'ambiente e della salute dei nostri cittadini". Vedremo quale sarà la prossima mossa della Regione Campania: magari qualcosa in più potrà fare il consigliere regionale sannita Luca Colasanto, che è anche presidente della Commissione Ambiente: Baselice, il suo paese di nascita, figura nella lista dei 19 comuni a rischio trivellazioni.

www.ilquaderno.it

giovedì 27 dicembre 2012

Trivellazioni petrolifere, parere favorevole della Regione per perforare nel Fortore

Con un avviso pubblicato sul Burc della Regione Campania di lunedì 24 dicembre è stato comunicato che la Commissione di Via (Valutazione Impatto Ambientale) ha aperto le porte alle trivellazioni petrolifere nella provincia di Benevento. E’ arrivato infatti il parere favorevole di Via integrata con la Valutazione d’incidenza “su conforme giudizio della Commissione V.I.A., V.A.S. e V.I., espresso nelle sedute del 2 agosto 2012 e del 30 ottobre 2012 per il progetto “Intervento di ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi in terraferma denominato “Valle Spaccata” in vari comuni della Provincia di Benevento” proposto dalla società “Delta Energy Ltd”, con sede legale a 43 Park Crescent, Brighton, East Sussex BN2 3HB, Regno Unito. Si tratta di una delle tre zone individuate nel Sannio per le ricerche petrolifere. Oltre a “Valle Spaccata” sono ancora in attesa di essere esaminati i due iter per la ricerca di idrocarburi in zona “Nusco” e “Santa Croce”.

www.sannioweek.it

mercoledì 26 dicembre 2012

Il Fortore e l'inesorabile morte demografica

I dati definitivi del’Istat riguardo al censimento, confermano in modo inesorabile il continuo spopolamento del territorio fortorino. Dal 2001 al 2011 gli abitanti del Fortore sono diminuiti di circa il 10%, con punte massime che vanno dal 13% di Castelvetere, Ginestra e San Bartolomeo in Galdo al 14,6% di Molinara. I comuni che in termini percentuali hanno perso di meno sono Foiano (-5%), San Marco Dei Cavoti (-5,5%) e Buonalbergo (-5,9%).

Nel dettaglio Baselice segna -10%; Buonalbergo -5,%; Castelfranco – 12,2%; Castelvetere – 13%; Foiano -5%, Ginestra -13%; Molinara – 14,6%; Montefalcone -10%; San Bartolomeo -13%; San Giorgio la Molara -7%; San Marco dei Cavoti -5,5%.

Resta San Bartolomeo il comune più popoloso con 5.090 abitanti. Castelvetere è sceso a 935 abitanti e con Ginestra, ultimo comune con 532, sono gli unici paesi fortorini sotto quota mille.

Il segno meno, dunque, accomuna tutti paesi dell’area fortorina. Uno spopolamento dovuto oltre al saldo negativo tra natalità e mortalità, anche alla “fuga” dei giovani causata dalla scarsa opportunità di lavoro e di miglioramento delle condizioni sociali.

Una tendenza che preoccupa gli amministratori locali e che si sentono impotenti di fronte ad una condizione socio-economica che non riesce a cambiare il passo. “E' inesorabile - afferma Vincenzo Sangregorio, sindaco di San Bartolomeo in Galdo, nel commentare i dati Istat - il comune più popoloso del Fortore ma che negli ultimi anni ha perso 751 abitanti. Ormai le opportunità nel nostro paese sono sempre di meno e i giovani se ne vanno in cerca di fortuna altrove. E non solo i giovani... Anche molti padri di famiglia sono da mesi senza lavoro o senza stipendio: penso agli operai della comunità montana, agli operai delle piccole fabbriche presenti sul territorio che comunque sono in difficoltà. Qualche giorno fa ho parlato con un mio amico escavatorista che da luglio non lavora. I comuni sono in crisi, strangolati o dai debiti o dal patto di stabilità e, spesso, riescono a mala pena a pagare i dipendenti, anch'essi in soprannumero. Le tasse aumentano, il valore reale degli stipendi (per chi ce l'ha) è sempre meno”.

“Se non si trovano strategie nuove per la crescita, non vedo vie di uscita. I nostri territori hanno avuto grosse opportunità di sviluppo – continua Sangregorio nella sua analisi amara dei fattori che hanno portato il Fortore e il suo comune a un decremento demografico ormai inesorabile ascesa - che non sono state sfruttate appieno. Penso non solo ai soliti Fortorina e ospedale, ma anche ai fondi post-sisma, con i quali si è spesso costruito fuori dal centro abitato con la conseguenza che il nostro bellissimo centro storico è in totale abbandono e le case costruite nella zona di espansione sono in vendita o, addirittura, ancora in corso di costruzione, ma, soprattutto, senza mercato di vendita. San Bartolomeo, infatti, potrebbe ospitare più del doppio degli attuali residenti. Penso, ancora, alle installazioni di fonti di energia rinnovabili. In nome di una strenua difesa del territorio si è persa una buona opportunità di ricchezza (se ben sfruttata)”. “Bisogna dare nuove opportunità alle imprese, a chi ha voglia di mettersi in gioco; agevolare i giovani imprenditori – conclude il primo cittadino di San Bartolomeo in Galdo - con poche tasse, soprattutto per chi assume”.

(tratto da Ottopagine/Benevento)
Google