venerdì 9 novembre 2012

Il Comune di Baselice per la prima volta a Ecomondo

Ecomondo è la fiera internazionale della "green economy", ovvero la kermesse in materia di rifiuti e del loro recupero, dell'energia, dello sviluppo sostenibile e dell'impresa verde che si tiene a Rimini fiera la prima settimana di novembre. Alla 16esima edizione, che è stata inaugurata mercoledì 7 novembre, alla presenza del ministro dell'ambiente Corrado Clini, e che proseguirà fino a domani, sabato 10 novembre, ha partecipato, per la prima volta da quando si celebra il simposio, anche un comune della Valfortore. Si tratta del Comune di Baselice che, da due anni a questa parte ha fatto passi da gigante in materia di raccolta e riciclo dei rifiuti, ricevendo il premio di comune Rciclone per la migliore raccolta qualitativa, ed il premio Raee per le quantità prodotte per abitante, nel campo del recupero delle apparecchiature elettriche ed elettroniche.

All'evento della quattro giorni riminese, il comune fortorino, amministrato da Domenico Canonico, ha partecipato con il suo assessore all'ambiente Salvatore Brancaccio, che è stato l'artefice dell'avvio della raccolta differenziata dei rifiuti nel proprio comune e che oggi - a soli due anni e mezzo dalla partenza (1 marzo 2010, ndr) può vantare il raggiungimento di risultati più che soddisfacenti ed una percentuale che va ben oltre i parametri minimi di legge.

"E' una grande soddisfazione, oltre che un onore - riferisce telefonicamente Brancaccio da Rimini - essere presente qui, ad un evento internazionale, a rappresentare il mio comune; è grazie ai miei concittadini ed alla loro fattiva e concreta collaborazione nella raccolta differenziata dei rifiuti che oggi possiamo vantare questi risultati e gli obiettivi, prefissati dalle normative, che abbiamo raggiunto ed egregiamente superato. Le buone pratiche, messe in campo dalla nostra Amministrazione, nel campo del riciclo, del percorso e del monitoraggio di tutto ciò che è "scartato" nella nostra vita quotidiana si stanno distinguendo fortemente anche nel sud e soprattutto in alcune zone della Campania, come il Sannio ed il Fortore.
Baselice, in tal senso, rappresenta un vero e proprio vanto e tra qualche anno - se si continua di questo passo - potrà sicuramente ambire a candidarsi come comune che fa impresa verde, assicurando servizi e premialità a fronte di una tassa tra le più economiche della Campania".

L'assessore che nella giornata di ieri ha preso parte a due convegni tematici dove, nel primo, ha potuto mettere in risalto l'importanza della raccolta monomateriale del rifiuto nelle sue molteplici frazioni da portare a riciclo, ed in un altro dove si è parlato dei costi della gestione dei rifiuti nei suoi aspetti tecnici. Nella giornata di oggi, invece, la presenza del Comune di Baselice ci sarà nel Forum sui Raee, dove si illustrerà la nuova direttiva europea, e nel convegno su l'implementazione della frazione organica del rifiuto come risorsa per una comunità. Nel corso della manifestazione il Comune provvederà anche a visitare i numerosi stand espositivi, dove si farà accreditare in eventuali promozioni a cui aderire, nonché negli acquisti da fare nell'ottica del miglioramento dei servizi.

"Tutte le idee, gli spunti di riflessione, gli accorgimenti ed i suggerimenti - conclude Brancaccio - di questa esperienza riminese saranno da me raccolti e trasferiti, per quanto sarà possibile, sia nel prossimo bando provinciale, al fine di ottenere qualche necessaria risorsa da investire nel campo, sia nel miglioramento, nonché nella estensione del sistema della raccolta dei rifiuti comunale. In tempi di cosiddetta spendig review bisogna ottimizzare la efficacia della raccolta tenendo conto della efficienza energetica e della razionalizzazione dei trasporti. Per questo chiederò ai miei concittadini ancora uno sforzo affinché si impegnino seriamente ed ancora di più a differenziare i rifiuti senza furbate di sorta nei conferimenti. Purtroppo a Baselice vi sono ancora famiglie che, pensando di essere più brave di altre, conferiscono (o abbandonano vicino a qualche campana del vetro, od in altri posti) i loro rifiuti senza rispettare le regole: così facendo creano un danno verso tutta la collettività. La catena dei costi a fronte delle esigenze che occorrono per la gestione dei servizi deve trasmettere nella cittadinanza una certa cultura del risparmio che ci deve consentire di parametrare le tariffe in linea con gli stili di vita".

mercoledì 7 novembre 2012

L'associazione Simeone contro le trivellazioni

Protesta viene dall’associazione culturale "Generoso Simeone" di Benevento in relazione alle recenti ricerche messe in atto nel territorio sannita alla volta del petrolio. “Dagli anni 80 ad oggi, i tumori in Italia sono aumentati del 20% per linfomi e leucemie, del 27% per il seno, del 10% per il cervello e del 15% circa per il fegato. La terra trema, l’Italia si piega ai facili guadagni, l’opinione pubblica rimane in silenzio e la politica tace. Nell’estate 2012 si è parlato di trivellazioni e di ricerca dell’oro nero, perché l’ultima idea del Ministro Passera è far calare il PIL aumentando i pozzi di petrolio e facendo dell’Italia un corridoio del gas che corre verso l’Europa. Questo a discapito delle energie alternative che ora si vede ridimensionati gli incentivi.

Così dopo Nusco e Santa Croce – si legge nella nota dell’associazione - è stata individuata un’altra zona da trivellare dal nome convenzionale di “Pietra Spaccata” che interesserà i comuni di Baselice, Campolattaro, Casalduni, Castelpagano, Castelvetere in Val Fortore, Circello, Colle Sannita, Foiano di Val Fortore, Fragneto l’Abate, fragneto Monforte, Molinara, Morcone, Pago Veiano, Pesco Sannita, Pontelandolfo, Reino, San Giorgio la Molara, San Marco dei Cavoti. Le attività estrattive causano pericolose fratture nel sottosuolo, in seguito all’utilizzo di sostanze chimiche aggressive e violente, nocive per la terra e di conseguenza per la nostra salute. Eppure come dimostrano ricerche ultimamente pubblicate da Legambiente il petrolio in Italia è poco ed estrarlo sperando di arricchirsi è una vittoria di Pirro. La nostra posizione è ben chiara – ha concluso la nota – ma non ce ne staremo con le mani in mani, ma cercheremo con banchetti informativi, seminari universitari, video, interviste di far sentire la nostra voce ed il nostro no alle trivellazioni”.

www.ilquaderno.it

domenica 4 novembre 2012

I forestali e Ballarò

Un centinaio di operai forestali si sono dati appuntamento a Montefalcone di Val Fortore per manifestare tutto il loro disagio che stanno vivendo a causa della crisi del settore forestazione in cui versa la Regione Campania davanti alle telecamere di «Ballarò». I lavoratori davanti alle telecamere hanno manifestato tutta la loro indignazione e rabbia per una vicenda ormai
drammatica che si trascina da oltre un anno.

Al sit-in organizzato a Montefalcone erano presenti, oltre agli operai della comunità montana del Fortore, anche alcuni provenienti dal Tammaro e dal Titerno, da Salerno e da Avellino. Tra questi c’erano anche quelli che la settimana scorsa avevano minacciato di lanciarsi da un ponte sull’autostrada A/30.

Una protesta civile per chiedere alla Regione Campania e al presidente Caldoro di risolvere al più presto, non solo la questione degli stipendi arretrati, ma di fare chiarezza sul futuro del settore forestazione in Campania.

“Ci sentiamo dei lavoratori in nero – hanno detto gli operai davanti alle telecamere – qualcuno ci spieghi se siamo ancora dei dipendenti della Regione oppure siamo dei disoccupati. Non è possibile vivere senza stipendio per diciassette mesi. Ci presentiamo ogni mattina sul cantiere per fare il nostro lavoro, nonostante le difficoltà e i disagi che abbiamo”.

Parlano di una situazione difficile nelle famiglie, un disagio sociale che rischia di scoppiare. Spiegano le difficoltà di mandare avanti la famiglia. qualcuno da mesi non vive più a casa, ma si è dovuto trasferire con tutta la famiglia a casa dei genitori, perché non riesce nemmeno fare la spesa. C’è chi non riesce più guardare negli occhi figli. Gli operai hanno rivendicato un ruolo di primaria importanza per i territori montani. “Grazie al nostro lavoro questi territori possono continuare a vivere. Senza la nostra opera di manutenzione e prevenzione le zone montane rischiano di diventare deserte. Nelle emergenze, come alluvioni, smottamenti e incendi,
siamo i primi ad intervenire. Abbiamo il diritto di sapere quale sarà il nostro
futuro e il futuro delle nostre zone montane”.

Gli operai, dunque, chiedono certezze sui fondi destinati alla forestazione chiedono, in questo momento, che vengano loro pagati gli arretrati. Arretrati, che per quanto riguarda il 2011, sembrano ormai risolti. Pare che ieri pomeriggio, per quanto riguarda gli operai forestali della comunità montana del Fortore, i mandati di pagamento siano stati consegnati in banca. Quindi, se i tempi saranno rispettati, lunedì i lavoratori dovrebbero riscuotere le mensilità arretrate del 2011 (novembre, dicembre e la tredicesima). Restano però ancora tanti dubbi sul 2012. Infatti, la Regione ancora non si esprime sui piani forestali presentati dalle comunità montana, inoltre, c’è, a detta dei vertici delle montano fortorino, ancora tanta confusione sull’utilizzo dei fondi Fas.

Un po’ di chiarezza, si augurano enti e sindacati, venga degli incontri della prossima settimana con il consigliere per il settore agrivolo e forestale di Caldoro. Mercoledì, infatti, Daniela Nugnes, da poco insediatasi, incontrerà i presidenti delle comunità montane e giovedì le organizzazioni sindacali.

tratto da Ottopagine/Benevento
Google