giovedì 31 maggio 2012

L'infinita vicenda del Psaut di San Bartolomeo


Postiamo l'articolo apparso sul quaderno.it in merito all'infinita vicenda del Psau di San Bartolomeo dal titolo: "Manca la documentazione, Psaut S. Bartolomeo in Galdo ancora chiuso. Il sindaco: 'Fiducia nell'Asl'".

Riesplode la polemica a S.Bartolomeo in Galdo sull'apertura del Psaut, struttura di primo intervento in cui è prevista l'assistenza medica per casi minori e l'osservazione medica di breve e piccola chirurgia.

Un punto di "pronto intervento" che la comunità sanbartolomeana (e non solo) attende ormai da oltre 50 anni. Due anni fa, nel febbraio 2010, l'Asl comunicò l'ultimazione dei lavori e, un mese dopo, l'apertura del presidio di via Costa a S.Bartolomeo in Galdo. Annunci e proclami che dal marzo del 2010 si sono sprecati ed apertura che ad oggi è ancora posticipata.

Un rinvio dovuto a quanto pare ad una carenza di documentazione progettuale da parte dell'ufficio tecnico dell'Asl. Ipotesi che il primo cittadino di S.Bartolomeo in Galdo, Vincenzo Sangregorio ha seccamente smentito: "Mi dissocio da queste voci - ha puntualizzato il sindaco al nostro portale - che sono in malafede. C'è un decreto che autorizza l'apertura del Psaut ed ora non c'è più un commissario straordinario a gestire l'Asl ma un direttore. Ho grande fiducia in Michele Rossi che si sta interessando per risolvere questa grana, diversamente un commissario straordinario non avrebbe mai aperto la struttura".

Secondo Sangregorio "il problema è dovuto all'evoluzione normativa, per il resto i lavori sono stati eseguiti, con gli adempimenti dell'Asl che arriveranno a breve verrà annunciata l'effettiva agibilità della struttura con le messe a norma necessarie per l'apertura all'utenza. Proprio nelle prossime ore lo stesso Rossi sarà a S.Bartolomeo in prima persona per discutere dell'apertura del Psaut".

Sangregorio poi non si sbilancia sulla data d'apertura: "Non voglio prendere in giro i mieci concittadini con falsi proclami - ha precisato - perchè questa gente attende da oltre 50 anni l'apertura però posso garantire che ce la stiamo mettendo tutta e che questa situazione la vogliamo risolvere una volta per tutte". In attesa di nuovi risvolti sulla faccenda il Psaut di via Costa resta ancora chiuso.

www.ilquaderno.it

mercoledì 30 maggio 2012

Trivellazioni petrolifere, Aceto chiede gli atti alla Regione

L’assessore all’ambiente della Provincia di Benevento Gianluca Aceto ha presentato alla Regione Campania tre istanze di accesso agli atti per le richieste di concessione di esplorazioni di idrocarburi nel Sannio.

Le istanze, che richiamano formalmente la legge 241 del 1990, sono finalizzate ad acquisire tutta la documentazione a corredo delle pratiche. Con tali richieste, ha spiegato Aceto in una dichiarazione, la Provincia di Benevento intende essere messa almeno a conoscenza di quanto sta accadendo sul territorio sannita per ciò che attiene alle esplorazioni di idrocarburi che sarebbero presenti nel sottosuolo.

«Finora – ha spiegato Aceto – la Regione non ha ritenuto di investire la Provincia di Benevento su queste situazioni. Agli atti dei nostri Uffici infatti non risulta assolutamente nulla del genere. La cosa è sconcertante – ha proseguito l’assessore -; e io devo ancora una volta ringraziare il Comitato “No Luminosa” per aver portato a conoscenza di tutti e quindi anche della Provincia quanto sta maturando alle spalle della collettività sannita. Io ribadisco la volontà di cooperare con il Comitato “No Luminosa” per fare piena luce sulla vicenda e mi auguro che, se possibile, vengano recuperati da parte di tutti i Soggetti titolati le ragioni e il metodo almeno di una concertazione condivisa su queste materie così delicate e che incidono così profondamente sul territorio».

Le istanze presentate da Aceto riguardano gli atti di cui:
1)-al Decreto dirigenziale n° 665 del 20 luglio 2009 – al Decreto Dirigenziale n° 724 dell’8 settembre 2009 – alla Deliberazione Giunta Regionale della Regione Campania n° 550 del 9 luglio 2010 conferimento permesso di ricerca “ Santa Croce “ – Progetto completo di relazioni e allegati tecnici e lo Studio di Impatto Ambientale integrato con Relazione di incidenza presentato dalla Società Sviluppo Risorse Naturali Srlcon sede in Roma Via Reno 5 per il rilascio del permesso di ricerca per idrocarburi liquidi e gassosi da denominarsi convenzionalmente “Santa croce;

2)-alla Deliberazione Giunta Regionale della Regione Campania n° 549 del 9 luglio 2010 conferimento permesso di ricerca “ NUSCO “ – Progetto completo di relazioni e allegati tecnici elo Studio di Impatto Ambientale integrato con Relazione di incidenza presentato dalla Società Italmin ExplorationSrlcon sede in Roma Viale Trastevere 249 per il rilascio del permesso di ricerca per idrocarburi liquidi e gassosi da denominarsi convenzionalmente “NUSCO”

3)-al Progetto completo di relazioni e allegati tecnici e lo Studio di Impatto Ambientale integrato con Relazione di incidenza presentato dalla Delta Energy Ltd con sede Legale in 43 Park Crescent Brighton East Sussex BN2 3HB Regno Unito elettivamente domiciliata presso lo Studio Legale Turco sito in Roma Viale G. Rossini 9 per il rilascio del permesso di ricerca per idrocarburi liquidi e gassosi da denominarsi convenzionalmente “Pietra Spaccata” (Fortore-Tammaro, nda).

martedì 29 maggio 2012

Adsl, la protesta del sindaco di Baselice


Postiamo stralci di un articolo, dal titolo "La Provincia ha ritardato i tempi di attivazione-Il sindaco Domenico Canonico lancia accuse sul mancato funzionamento della linea internet veloce", apparso nei giorni scorsi sul quotidiano Ottopagine-Benevento.

“Entro il 2012 tutti i Comuni, tranne il Fortore, avranno la fibra ottica”. Così si è espresso il Presidente della Provincia Cimitile, dando vita a un grande dissenso in tutto il Fortore. Tali parole, a dir poco emarginanti, hanno destato scalpore nei Comuni interessati (...). L’indagine che ha portato alla suddetta conclusione di Cimitile, è stata fatta su un campione di 550 imprese della provincia di Benevento, le quali parrebbe, non facciano un uso appropriato del collegamento a Internet (...).

Il Sindaco del comune di Baselice, Domenico Canonico, già tanto si è esposto per il problema delle connessione veloce, difatti i lavori per la fibra ottica sono stati portati a termine già da un pezzo, ma ancora non sono attivi sul territorio “è da tre anni che si cerca di risolvere tale situazione – dice il Sindaco – c’è stata anche una gara d’appalto vinta dalla Telecom, ma nulla è stato fatto. Abbiamo segnalato alla Telecom che i lavori sono terminati e la linea ad alta velocità è stata anche collaudata. Si è fatto loro presente che è necessario attivare un servizio per la linea internet ad alta velocità in tempi brevi, anche perché è oggi indispensabile per noi Amministratori, ma anche per le Imprese e la gente di Baselice, disporre di un collegamento celere. Senza riscontro alcuno si è segnalato alla Prefettura di Benevento il disagio”.

A tutto ciò la Telecom ha risposto che essendo l’ADSL una priorità, si sta cercando di delineare nuovi piani affinché tutto il territorio possa avere la copertura per il servizio richiesto, al momento però non è stato possibile raggiungere Baselice. Bisognerà valutare bene per decidere se inserire la centrale che serve il comune di Baselice “nei nostri prossimi programmi di sviluppo”. Così, in data 22 Maggio, si è segnalato all’Assessore Guido Trombetti – Regione Campania – di nuovo quanto sopra esposto allegando i tentativi precedenti “si chiede l’Adsl perché la linea attuale, poco efficace e discontinua, porta gravi disagi ai cittadini e a questa Amministrazione - continua il Sindaco – da normativa vigente, gli Atti Amministrativi devono essere pubblicati sull’Albo Pretorio online, più di una volta la nostra linea ci ha dato problemi in tal senso, sia con i cittadini sia con i gruppi di minoranza e ciò può configurare responsabilità che, seppur non siano addebitabili all’Amministrazione attiva, comunque può creare disagi”.

Si è in attesa adesso di una risposta, si spera positiva “la situazione ci rattrista – dice il Sindaco – per quanto riguarda la linea internet veloce, la Provincia ha ritardato i tempi di attivazione, speriamo in un esito positivo a breve termine”.

tratto da Ottopagine-Benevento

lunedì 28 maggio 2012

Montefalcone: Il 3 giugno 'A piedi nel Fortore lungo i sentieri del vento'


Si rinnova l'appuntamento con la passeggiata ecologica "A piedi nel Fortore lungo i sentieri del vento" tradizionale giornata tra natura e trekking organizzata dall'Arci Uisp di Montefalcone Valfortore.

La "Passeggiata" si terrà domenica 3 giugno e prenderà il via da piazza Medaglie d'Oro a Montefalcone in prima mattinata. La manifestazione è giunta alla sua 64esima edizione, la 22esima organizzata dal circolo Arci Uisp del comune fortorino. La lunga giornata di cammino toccherà quest'anno ben tre comuni (Montefalcone, Ginestra degli Schiavoni e S.Giorgio la Molara) che verranno raggiunti dai partecipanti percorrendo esclusivamente i vecchi sentieri dei tre comuni.

Sei i punti di ristoro previsti per l'edizione 2012. La manifestazione verrà dunque completata dalla riscoperta degli antichi sapori con stand gastronomici lungo il percorso e musica etnica e popolare nei due punti ristoro previsti a pranzo ed al termine della giornata.

www.ilquaderno.it
Google