mercoledì 23 maggio 2012

L'Imu e gli emigranti


Pervengono alle studio molte mail da parte di emigrati all’estero in merito alla nuova imposta patrimoniale IMU. I dubbi, tutti legittimi, vertono per la maggior parte sulla possibilità di assimilare ad abitazione principale gli immobili da loro posseduti in Italia e conseguentemente sull’aliquota da applicare per il calcolo dell’imposta.

La risposta è concettualmente semplice! Ad oggi se non ci saranno altri ripensamenti da parte del legislatore, con la conversione in legge del decreto fiscale 16/2012, la decisione ultima spetta ai Comuni.

Infatti sono loro che, con regolamento comunale, hanno la facoltà di assimilare ad abitazione principale le case degli italiani residenti all’estero, consentendo agli stessi di applicare l’aliquota agevolata del 4 per mille e usufruire delle relative detrazioni.

Se entro la data di pagamento della I rata (16 giugno 2012) i comuni non avranno regolamentato nulla a proposito, l’aliquota da applicare a tali abitazioni sarà del 7,60 per mille.

Dott. Igino Casillo
Studio di consulenza fiscale e commerciale
(Montefalcone di Valfortore)


tratto da www.valfortore.it

martedì 22 maggio 2012

Internet, banda larga per il Sannio ma non per il Fortore


Ci risiamo. Ancora una volta ad essere discriminati sono le popolazioni - e non i cittadini, i quali si presume siano portatori di diritti - del Fortore. Basti leggere, per accorgersene, quest'articolo apparso su 'ntr24.info' dal sottotitolo: Il presidente Cimitile assicura:"Entro il 2012 tutti i comuni, tranne il Fortore, avranno la fibra ottica". Ebbene divertitevi (si fa per dire) a leggere il pezzo

"Il 70 per cento del territorio sannita non è coperto dalla larga banda". Lo ha detto Claudio Cipollini, direttore generale Retecamere, presentando i risultati emersi dal "Rapporto provinciale sullo stato infrastrutturale della Banda Larga", promosso dall'ente camerale sannita.

"La Camera di Commercio di Benevento - ha aggiunto il suo presidente Gennaro Masiello - ha realizzato attraverso Retecamere, società del sistema camerale, un'indagine campionaria telefonica sulle imprese della provincia di Benevento per verificare lo stato dell'arte dei servizi ICT resi disponibili dalla Banda Larga evidenziandone eventuali criticità, grado di conoscenza specifica e livello di utilizzo e fabbisogni delle imprese".

L'indagine è stata condotta su un campione rappresentativo dell'universo delle imprese della provincia di Benevento (550 imprese), quota fissa limitatamente alle imprese individuali (50 imprese) e stratificazione per tipologia di attività e classe di addetti. L'indagine ha avuto come obiettivo quello di fotografare le imprese rispetto alla disponibilità della connessione internet attuale in termini di dotazione tecniche, conoscenza e utilizzo e ha raccolto le desiderata delle stesse sulla banda larga. In questo modo i risultati della diffusione della connessione sono state incrociate con le istanze degli imprenditori (secondo le aggregazioni di settore) al fine di rilevare l'effettiva esigenza di diffusione della banda larga e del suo utilizzo.


Cimitile: tranne il Fortore, entro il 2012 tutti coperti

"Tutto il territorio provinciale sannita, fatta eccezione per otto comuni del Fortore, entro la fine di quest'anno avranno la fibra ottica". Lo ha detto Aniello Cimitile, presidente della Provincia di Benevento, partecipando alla presentazione del "Rapporto provinciale sullo stato infrastrutturale della Banda Larga", promosso dall'ente camerale sannita, insieme a Gennaro Masiello (presidente Camera Commercio Benevento) e Claudio Cipollini (direttore generale Retecamere).

www.ntr24.info

lunedì 21 maggio 2012

Senza simboli o bandiera per ricordare Falcone e contro la mafia


(Sanniopress) – “E’ nata spontaneamente da Facebook l’idea di scendere in strada contro le mafie a seguito dell’orrendo atto di violenza pubblica perpetrato a Brindisi, nel quale ha perso la vita una 16enne innocente e sono rimasti feriti altri giovani. L’occasione sarà mercoledì 23 maggio, ventesimo anniversario dell’uccisione del giudice antimafia Giovanni Falcone, di sua moglie Francesca Morvillo e degli uomini della scorta, nella strage di Capaci”.

A ricordarlo, con una nota inviata alla stampa, è l’associazione Benevento Città Racconta, che spiega: “In pochi minuti, già nel primissimo pomeriggio di sabato 19 maggio, è stata presa la decisione collettiva di promuovere un corteo, spontaneo ed unitario, per far salire forte il grido antimafia e per la legalità anche da Benevento, in ricordo di Giovanni Falcone e delle vittime di mafia, ma anche delle vittime di Brindisi, sebbene non sia ancora stato appurato chi abbia compiuto il vile attentato e chi ne siano i mandanti. L’iniziativa non vuole essere di questa o di quell’altra associazione ma di tutti i cittadini, senza bandiere o colori sociali nè alcun vincolo istituzionale. Il raduno del corteo è previsto alle ore 19 presso il Corso Garibaldi, all’altezza di Piazza Orsini.

Da lì si procederà risalendo il corso cittadino fino alla Prefettura di Benevento dove si celebrerà un momento di riflessione collettiva affidata alla libera espressione dei privati cittadini che parteciperanno all’evento commemorativo. L’associazione Benevento Città Racconta si è proposta esclusivamente come coordinamento dell’iniziativa, al fine di raccogliere idee, contributi concreti e proposte in merito allo svolgimento del corteo, soprattutto da parte delle numerose altre associazioni beneventane e sannite sensibili alle tematiche della legalità. Per confernare la partecipazione al corteo è possibile contattare l’indirizzo email associazionebcr@gmail.com oppure visitare la pagina Facebook ufficiale dell’evento all’indirizzowww.facebook.com/events/176464365813502. Questo vuole essere soprattutto il corteo dei giovani, e sarebbe bellissimo se il 23 maggio a Benevento si registrasse la partecipazione degli alunni di tutte le scuole, i licei e gli isituti professionali della città”.
Google