giovedì 7 luglio 2011

L’innaffiatore del cervello di Passannante: Ulderico Pesce racconta una vera storia di libertà e d’amore


“Com’è possibile presentare in quel modo chi desidera uccidere un essere umano? Quale messaggio si vuole far passare? E’ stato giusto, per carità cristiana, agire affinché ai resti del criminale venisse data adeguata sepoltura. E le condizioni di reclusione del Passannante non furono certamente umane, anche se in linea con gli standard europei del tempo per un reato così grave. Ma è aberrante definire “idealista” o “eroe” un aspirante assassino. Nessun ideale giustifica un tentativo d’omicidio ed ogni idea che ammette l’omicidio è criminale.” www.mentecritica.net

Questo è un estratto del comunicato di casa Savoia, in seguito all’uscita (24 giugno 2011) del film “Passannante” di Sergio Colabona, con Fabio Troiano, Ulderico Pesce, Andrea Satta, Alberto Gimignani, Bebo Storti, Massimo Olcese. Il lavoro di ricerca e ricostruzione storica è precedente al film, infatti è stato Ulderico Pesce che dal 1999 in poi, ha condotto una battaglia civile e politica per rimuovere dal Museo di Criminologia di Roma, i resti del corpo di Giovanni Passannante, esposti al pubblico per 70 anni. Nel 2007 Giovanni Passannante è ritornato a casa (è stato sepolto a Savoia). Il monologo teatrale “L’innaffiatore del cervello di Passannante”, dedicato alla storia di questo giovane libertario lucano, racconta la vicenda tragica di un uomo che, non tanto per il suo gesto, ma per le sue idee venne punito in vita e in morte.

Chi è Ulderico?

Mio nonno ha fatto l’arrotino, girava per i paesi della Basilicata, della Calabria, della Puglia e di parte della Campania e “ammolava” coltelli raccontando storie di anarchici, antifascisti, operai, braccianti e altro. Io ho seguito mio nonno nell’infanzia e mi ricordo che si piazzava davanti alle macellerie e parlava forte che lo sentivano tutti e raccontava le cose che vedeva o quelle che suo padre gli aveva raccontato. Era buono, onesto, simpatico ed era socialista. Però quando crescevo negli anni ’70 e ’80 era difficile diventare “arrotino-narratore” perché in Italia il mestiere di arrotino stava scomparendo ed era anche difficile occuparsi di braccianti visto che le terre erano in abbandono e l’agricoltura affidata a grandi imprese. E allora non mi rimaneva che fare l’attore-narratore. Cominciai a studiare per diventarlo ma senza perdere di vista mio nonno. Oggi racconto in giro per l’Italia storie di emigrazione, centrali atomiche, clandestini, petrolio… tra le storie più belle che ho conosciuto c’è questa dell’anarchico Passannante. I suoi resti stavano in mostra nel Museo del Crimine di Roma e grazie al teatro e alla raccolta di firme gli abbiamo restituito la dignità della sepoltura.

mercoledì 6 luglio 2011

In ricordo di Michele Maddalena


Questa mattina, presso la Basilica di San Bartolomeo al Corso Garibaldi di Benevento, è stata celebrata una Santa Messa di suffragio per il compianto consigliere provinciale Michele Maddalena, scomparso lo scorso anno.

Presenti al rito, officiato dal rettore della Basilica, mons. Mario De Santis, i familiari di Maddalena, il vicepresidente della Giunta Antonio Barbieri, il vicepresidente del Consiglio provinciale Giuseppe Lamparelli, numerosi assessori e consiglieri provinciali, oltre che dirigenti, funzionari e dipendenti dell’Ente. Assenti, a causa di impedimenti personali, il presidente della Provincia Aniello Cimitile e il presidente del Consiglio Giuseppe Maria Maturo che hanno fatto giungere un messaggio di cordoglio e di vicinanza alla famiglia dello scomparso; così come ha fatto il consigliere provinciale e senatore Cosimo Izzo.

Nel corso della celebrazione, mons. De Santis ha ricordato le doti umane e politiche di Maddalena che aveva speso la sua vita per il Fortore, area dalla quale proveniva, per tutelarne identità culturale e per promuoverne lo sviluppo socio-economico, ed ha sottolineato l’importanza per i colleghi assessori e consiglieri di raccogliere la sua eredità per svolgere l’attività politica secondo il Magistero della Chiesa che la definisce “arte nobile da esercitare per il bene comune”.

martedì 5 luglio 2011

TERNA, AUTORIZZATO NUOVO ELETTRODOTTO BENEVENTO-FOGGIA

Via libera definitivo alla realizzazione del nuovo elettrodotto a 380 kV ''Benevento II-Foggia'', tra Campania e Puglia. Dopo un iter durato oltre quattro anni e mezzo, nei giorni scorsi e' stato rilasciato infatti il decreto da parte del Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero dell'Ambiente, d'intesa con le Regioni Campania e Puglia.

La nuova infrastruttura, spiega Terna, consentira' 30 milioni di euro l'anno di risparmio in bolletta per imprese e cittadini e l'abbattimento di piu' di 105 km di vecchi elettrodotti. Per la realizzazione dell'opera Terna ha previsto un investimento di oltre 90 milioni di euro, comprensivo delle attivita' di riassetto della rete a 150 kV collegata alla stazione elettrica di Benevento, in linea con il Piano di Sviluppo della rete.

''Notevoli i benefici elettrici ed economici - sottolinea il gestore della rete - oltre ad una maggiore affidabilita' e sicurezza del sistema elettrico dell'area, la nuova linea elettrica produrra' un risparmio complessivo per gli utenti pari a circa 30 milioni di euro l'anno, dovuti all'incremento di 1.000 MW di capacita' produttiva (500 MW da produzione piu' efficiente e 500 MW da produzione eolica). Sul fronte ambientale la ''Benevento II - Foggia'' consentira' una riduzione di CO2 in atmosfera pari a 150 mila tonnellate l'anno, a cui si aggiungono i benefici derivanti dalla razionalizzazione associata: saranno 105 i km di vecchie linee aeree demoliti e 30 i km di elettrodotti interrati, a fronte della realizzazione di 83 km di nuove linee''.

La linea elettrica, prosegue la società', ''è una delle infrastrutture energetiche piu' importanti previste da Terna nel meridione. L'opera consentira' un maggior utilizzo di energia in un'area, come la Campania, che ha un notevole consumo energetico e un deficit di produzione per circa il 50% del suo fabbisogno'' oltre ad ''assicurare il pieno utilizzo dell'energia prodotta dagli impianti tradizionali e alimentati da fonti rinnovabili, sia esistenti che in corso di autorizzazione o di costruzione''.

(Fonte: Asca)

lunedì 4 luglio 2011

Sede del giudice di pace, si candida il comune di Sbig

Il Presidente della Corte di Appello di Napoli ha avanzato al Ministro di Grazia e Giustizia una proposta di riorganizzazione degli Uffici del Giudice di Pace nel Sannio e l'Amministrazione di San Bartolomeo, con propria delibera di Giunta, esprime la disponibilità del Comune ad accogliere gli uffici in locali di proprietà comunale, più confacenti allo scopo.

Nel caso di accoglimento della richiesta, i locali saranno concessi all'Amministrazione giudiziaria in uso gratuito, inoltre il Comune si è impegnato sin d'ora ad accollarsi il costo di eventuali interventi di adeguamento degli uffici da destinare a sede del Giudice di Pace.

Il Comune di San Bartolomeo in Galdo, ricordiamo, già ospita il Comando Compagnia dei Carabinieri, il Comando Brigata della Guardia di Finanza, il Comando Stazione del Corpo Forestale dello Stato, l'Agenzia delle Entrate (Sezione staccata di Benevento), la sede della Comunità Montana del Fortore ed il Centro per l'Impiego.
Negli anni addietro, il Comune di San Bartolomeo è stato anche sede del Giudice di Pace, ma nel 1998, a seguito di un Decreto del Presidente della Repubblica, l'Ufficio veniva soppresso ed accorpato a quello di Colle Sannita.
A tutt'oggi la sede è ancora presso il Comune di Colle, “in una collocazione – si legge nella delibera di Giunta del Comune di San Bartolomeo – non conforme alle normative vigenti in materia di eliminazione e superamento delle barriere architettoniche”.

Inoltre, “di fatto – afferma l'Amministrazione – la maggior parte del contenzioso, sia civile che penale, gestito dall'Ufficio del Giudice di Pace di Colle Sannita è generato dal Comune di San Bartolomeo in Galdo, che, tra i Comuni facenti parte del mandamento, è quello che può vantare il maggior numero di abitanti, e circa il doppio rispetto a Colle Sannita”.

Secondo la proposta del Presidente della Corte di Appello di Napoli, avanzata al Ministro di Grazia e Giustizia, di riorganizzazione degli Uffici del Giudice di Pace nel Sannio, questi passerebbero da undici a quattro: in particolare quelli di San Giorgio del Sannio e Vitulano sarebbero accorpati a Benevento, San Giorgio la Molara a Colle Sannita, Sant'Agata dei Goti e Montesarchio ad Airola, Cerreto e Solopaca a Guardia Sanframondi.

www.ilsannioquotidiano.it

domenica 3 luglio 2011

La TeenOrchestra in concerto a Baselice


E' “Musica tra le porte”, organizzato dalla Pro Loco di Baselice – in collaborazione col il Conservatorio “N. Sala” di Benevento - , uno degli appuntamenti più interessanti di questa prima domenica di luglio nel Sannio. Nel centro fortorino, infatti, questa sera alle ore 21.30, in piazza Castello si esibirà appunto il più giovane ensemble dell'istituzione musicale sannita, cioè la la TeenOrchestra, diretta dal Maestro Gianluca Giganti e che fra i solisti avrà anche la giovanissima Luciana Canonico, pianista non vedente di Baselice, il cui indiscusso talento musicale cle ha già permesso di assaggiare le assi di importante ribalte, come il Teatro di San Carlo a Napoli.

www.ntr24.tv
Google