giovedì 28 aprile 2011

La solitudine del fiume Fortore


Finalmente dopo mesi e mesi a chiedere delucidazioni dalle pagine di questo blog - senza ottenere nessuna risposta - sull'inquinamento del fiume Fortore, qualcuno altro inizia ad interessarsi, anche se in generale, del problema. Postiamo un interessante articolo apparso su ilsannioquotidiano.it di ieri dal titolo Coldiretti: "L'inquinamento dei fiumi è un'emergenza".

“La depurazione delle acque reflue è un'emergenza che va affrontata con la massima determinazione se davvero vogliamo dare un futuro a questo territorio”.
Non ha dubbi Luigi Auriemma, direttore provinciale di Coldiretti, che interviene sulla delicata problematica dell'inquinamento dei fiumi sanniti. Com'è noto, fin dal dicembre del 2009 vige su tutti i corsi d'acqua della provincia il divieto di attingimento a causa della comprovata presenza di salmonella. La presenza del batterio è in stretta relazione con lo scarico di acque reflue non depurate che provengono in gran parte dalle utenze urbane. Spesso gli impianti comunali non funzionano adeguatamente e in non pochi casi tra le fognature e i fiumi non c'è alcun filtro.

Una situazione di evidente gravità sia in termini strettamente ambientali, sia per le ricadute sulle attività produttive del settore agroalimentare operanti nel Sannio. Per ovviare alle problematiche causate dal blocco ai prelievi, la Provincia ha autorizzato la deroga ai divieti limitatamente alle colture non alimentari e solo previo trattamento di 'sanitizzazione' delle acque. Resta invece interdetto l'utilizzo a fini alimentari o per la zootecnia. Una situazione che chiaramente non agevola lo sviluppo delle aziende agricole della provincia che puntano proprio sull'agroalimentare per riconvertire le proprie attività dopo decenni di dominio assoluto del tabacco.

segue su http://www.ilsannioquotidiano.it

mercoledì 27 aprile 2011

Fortore-Campobasso, collegamenti salvi

di Viviana Pizzi*

La notizia tanto temuta dai campani, che per motivi di studio e di lavoro si recano a Campobasso è stata scongiurata. Nel piano dei tagli ai trasporti della provincia di Benevento non è prevista la soppressione della corsa autobus, a cura dell’Etac autolinee Benevento, che collega Baselice e San Bartolomeo in Galdo al capoluogo di regione molisano.

La paura era tanta, soprattutto in questi ultimi giorni, perché i tagli ai trasporti su gomma partiranno in provincia di Benevento proprio dal primo maggio. Sembra che a tacitare le paure dei fortorini siano stati proprio i vertici dell’Etac di Benevento.

I quali hanno avvertito l’importanza di tenere viva una corsa che fruttava il massimo del denaro consentito ogni giorno. E non viaggiava a vuoto come altre che collegano gli stessi paesi proprio al capoluogo sannita campano. Da qui la decisione dei vertici beneventani dell’azienda trasporti, la più longeva della zona in vita dal 1968. I collegamenti sono quindi salvi. Gli studenti campani potranno continuare a seguire le lezioni in Molise.

Allo stesso modo i lavoratori potranno raggiungere il luogo del loro impiego. Nei due paesi della valle del Fortore campana c’è soddisfazione. Anche se non manca chi si dice pronto a indire un referendum affinché San Bartolomeo in Galdo diventi a tutti gli effetti un comune molisano. Una realtà che sembra lontana dall’essere realizzata. Anche perché per indire il referendum ci vogliono le firme che ancora non sono state raggiunte.

La soddisfazione anche nelle parole di una lavoratrice di San Bartolomeo. L.P. le sue iniziali: «Avere ancora un pullman che ci collega al Molise - ha commentato - significa poter ancora usufruire dei vantaggi che Campobasso ci offre: lavoro e strade dritte per ottenere servizi. Ottenuto questo risultato però dobbiamo puntare in alto. Dobbiamo chiedere al Comune di San Bartolomeo di aggiustare la strada “Amborchia”, che ci collega con Campobasso e Foggia. Ad oggi è ridotta a mulattiera e costellata da diverse frane. Se non viene aggiustata rischiamo l’isolamento”.

IL NUOVO MOLISE*

martedì 26 aprile 2011

Comunità montana, forestazione e i 17 dipendenti in mobilità


Un importante incontro con le organizzazioni sindacali è stato convocato presso la Comunità montana del Fortore per giovedì 28 aprile per discutere sul Piano forestale anno 2011 e, più in generale, sulle vicende che in questi giorni stanno riguardando l’intero settore della forestazione.

Soddisfazione è stata espressa dal presidente Spina non solo per la individuazione delle risorse economiche relative al fabbisogno ma anche per la previsione di una rivisitazione in tempi rapidi della legge regionale 11/1996 e 14/2008 e per la previsione di misure di formazione e riqualificazione del personale secondo le linee del Piano di azione per il lavoro.

Ricordiamo allo stesso presidente, però, che da mesi ci sono 17 dipendenti, dal suo ente messi in mobilità, che non percepiscono lo stipendio e che rischiano il licenziamento.

lunedì 25 aprile 2011

Referendum e stampa sannita

Rosanna Carpentieri*

Così, dopo aver imbrogliato le carte sul nucleare, cercheranno di fare lo stesso con gli altri quesiti, in modo da svuotare la consultazione e da impedire che il referendum sul legittimo impedimento, quello che turba i sonni del capo, sia affossato per mancanza di quorum.

Siamo in presenza di una colossale truffa che dovrebbe trovare la risposta unitaria anche di chi non ha firmato i referendum, persino di chi non li condivide in parte o in tutto.

Lo strappo democratico che si è già consumato non può essere archiviato, magari per non scontentare gli interessi di chi già si lecca i baffi ed il conto in banca al pensiero dei soldi che potrà ricavare dalle privatizzazioni degli acquedotti.
Quello che sta accadendo è un dichiarato imbroglio per far passare il tempo, per allentare la tensione, per impedire che ai cittadini sia fornita una adeguata informazione sui referendum.

Non bisogna cadere nella trappola, bisogna comportarsi come se le votazioni fossero domattina. Per queste ragioni l'associazione Articolo 21, insieme a tanti altri comitati e movimenti che hanno dato vita alla grande manifestazione per la costituzione del 12 marzo scorso, ha deciso di promuovere sulle piazze virtuali e sulle piazze reali Il “referendum week”, una settimana di campagna informativa per spiegare ai cittadini che i referendum ci saranno, che quello in atto è solo un imbroglio, che le supreme magistrature non potranno che respingere un simile trucco, anzi proprio a loro chiediamo di tutelare la legalità costituzionale e di impedire che l'interesse privaro possa continuare a soffocare l'interesse generale.

A tutto il mondo della comunicazione e dell'informazione, nazionali e locali, in particolare al TGR CAMPANIA chiediamo di aderire a questa campagna, di trovare il modo di rompere la consegna del silenzio, di usare loro stessi, i propri spettacoli, i propri portali online o le proprie trasmissioni per invitare gli italiani a rifiutare il broglio perché potrebbe essere la premessa di brogli ancora più gravi ed ancora più insidiosi per la vita pubblica.

Il 25 aprile ed il primo maggio sono due date simboliche per l'Italia civile, usiamole anche per respingere l'assalto di chi, dopo aver regalato la prescrizione al capo, vorrebbe "proscrivere" il diritto degli italiani a pronunciarsi liberamente sui quesiti referendari.

Staremo a vedere se l'inutile TG3 Campania e la stampa e gli organi di informazione beneventani aderiranno come richiesto a Il Referendum Week!


*Per Il Comitato Cittadini per la Trasparenza e la Democrazia
Google