giovedì 21 aprile 2011

Telese terme, per un Sannio contro le mafie e la corruzione


mercoledì 20 aprile 2011

Rifiuti, il Sannio pattumiera della Campania


Il Consiglio regionale della Campania ha approvato un pacchetto di norme, tra cui l’attenuazione del principio della provincializzazione della gestione dei rifiuti. La norma è passata a maggioranza con 32 voti a favore e uno contrario: i consiglieri di opposizione per protesta hanno abbandonato l’aula. Con questa legge, la Regione potrà consentire alle province in difficoltà, come quella di Napoli, di portare i propri rifiuti in altre province campane. E’ stato approvato, tra l’altro, un emendamento che consente di destinare risorse ai forestali.

continua su ilquaderno.it

martedì 19 aprile 2011

Eolico, l'Italia paese più caro


In Italia gli impianti a energia eolica costano in media 113 euro per megawatt l'ora, contro i 68 della Spagna, i 65 della Germania, i 54 della Danimarca, i 79 euro della media Europea. Lo afferma il rapporto Italian renewables index (Irex) 2011.

Secondo lo studio nato per analizzare il settore e destinato alle aziende quotate in Borsa e a quelle del comparto che studiano le nazioni dove progettare nuovi impianti, i maggiori costi italiani dipendono da diversi fattori: orografia complessa, vento meno costante, ma anche minori incentivi, prezzi delle tecnologie superiore, prestiti bancari piu' cari, tempi di autorizzazione incerti e Comuni che impongono 'opere compensative' particolarmente onerose.

''All'inizio i Comuni dove si dovevano mettere gli impianti hanno varato canoni di concessione sconosciuti all'estero, poi esclusi per legge, quindi ora chiedono scuole o strade nuove'', afferma Alessandro Marangoni, amministratore delegato di Althesys, la societa' di consulenza che ha stilato la ricerca, e docente di Economia e gestione dei servizi ambientali all'Universita' Bocconi di Milano.

(Fonte: Ansa)

lunedì 18 aprile 2011

Baselice e il trasporto pubblico

La vicenda del trasporto pubblico nel Fortore, soprattutto a Baselice, è tornata alla ribalta in questi giorni, ma già nel luglio del 2009, appena insediato, l’assessore al Trasporto, Salvatore Brancaccio, aveva inviato una lettera di protesta all’omonimo assessore provinciale, Gianvito Bello. E come se non bastasse in occasione dell’assemblea dei sindaci, tenuta su questo tema, il 7 marzo scorso Brancaccio aveva inviato una nota che riportiamo, per intera, qui di seguito:

Gent.mi professore Gallo ed arch. Pisaniello, da assessore ai trasporti del Comune di Baselice, sono qui a formulare una proposta in merito alla assemblea di stamani. Come sa la Valfortore tutta partendo di gran lungo svantaggiata rispetto agli altri territori della provincia marca visita anche sul trasporto pubblico locale.

Orari, inefficienza dei percorsi e la distanza di collegamento con il capoluogo di provincia sono degli handicap difficilmente superabili se noni si mette mano incisivamente alla questione con l'intenzione di migliorare - e per adeguare - le annesse problematiche ed esigenze ai tempi moderni.

Un collegamento pubblico che impiega quasi due ore per far raggiungere ai cittadini di Baselice la città di Benevento non può essere inquadrato come un servizio.
Di contro una razionalizazione dei percorsi consentirebbe alla meno peggio di limitare i danni ed anche di accorciare le distanze.

Quindi la prima cosa da fare è rivedere i collegamenti che devono di necessità virtù essere adeguati modificando non solamente gli orari delle corse, ma cercando di collegare baselice a benevento non più attraverso san Marco dei Cavoti ma per e da Molinara; con prosecuzione per Pago veiano, Piana romana, Pietrelcina e viceversa.
Così facendo non solo si accorcerebbero i tempi di percorrenza ma anche - e notevolmente - le distanze. In pratica si tratterebbe di scomputare i paesi di san marco, reino, pesco sannita dalla attuale corsa - che potrebbe anche restare solo per il ritorno...

E' questa solo una modesta proposta che  - volendo - potremo inquadrare e rivedere meglio con un incontro da vicino... mi rendo conto della ristrettezza dei tempi, ma se vuole sono a Vostra disposizione.

Saluti distinti