venerdì 31 dicembre 2010

Buon 2011, auguri di serenità ai nostri lettori

FEDERALISMO CONTRO IL SUD

Il movimento L'ALTRO SUD spiega come la riforma fiscale della Lega è utile solo al Nord e lancia la proposta di federalismo militare

di Gaetano Pietropaolo

Nei giorni scorsi ha fatto scalpore uno studio sul federalismo fiscale del Senatore del PD, Marco Stradiotto.
In particolare, lo studio analizza l’impatto del decreto attuativo sul fisco comunale. Da esso emerge ciò che era sotto gli occhi di tutti: e cioè che un Governo ed una maggioranza a trazione leghista minano profondamente la possibilità che il nostro paese resti unito.

Il federalismo immaginato, pensato e voluto da Bossi & co. sembra essere ritagliato per le esigenze dell’attuale compagine di Governo, portando soldi dove esso è maggiormente rappresentato, al Nord, e togliendoli al Sud dove, a detta di molti di loro, è inutile spendere risorse che comunque andrebbero sprecate.

Lo studio di Stradiotto evidenzia come a perderci, con il federalismo, siano le città meridionali. In testa l’Aquila, che otterrebbe il 66% di risorse in meno e Napoli (-61%). E ancora: Messina perderà il 59%, Potenza il 56%, Palermo e Cosenza il 55%, Taranto il 50%, Roma il 10%.

A guadagnarci invece città come: Imperia con un +122%, Parma +105%, Padova +76%, Siena +68% e Treviso +58%. Milano avrà il 34% di risorse in più, Bologna il 40%.
E, sarà un caso, le uniche città del Nord che ci perdono sono storicamente amministrate dal centro-sinistra: Torino (-9%) e Genova (-22%).

Un federalismo insomma che toglie ai poveri per dare ai ricchi ed in cui è difficile non leggervi il feroce pregiudizio antimeridionale che, di fatto, è alla base del fenomeno leghista. In questo contesto, viene da chiedersi dove sia quel che resta della componente meridionale di maggioranza. Ovviamente non potranno rinnegare uno dei pilastri portanti del programma con il quale sono stati eletti, ma, saranno capaci di far sì che il federalismo possa, almeno parzialmente, essere un’occasione per il Mezzogiorno? Se federalismo deve essere, saranno in grado di chiedere quelle forme federali di cui il Sud potrebbe beneficiare? Una di esse potrebbe essere ad esempio il federalismo militare, totalmente ignorato dal disegno governativo.

Un numero enorme di Caserme è distribuito nelle città del Nord Italia. Questa collocazione è il frutto di scelte che rispondevano alle esigenze strategiche dell’inizio del secolo scorso e che ormai non esistono più. Lo spostamento delle caserme, inutilmente collocate al Nord, nelle aree del Mezzogiorno, oltre a garantire una maggior capacità di stabilizzare l’area del Mediterraneo, sarebbe un beneficio notevole per l’economia meridionale.

Oggi, in un quadro in cui i meridionali nell’esercito sono circa l’80% della pianta organica, diverse decine di migliaia di militari del Sud, assegnati alle Caserme del Nord, vanno ad arricchire, attraverso i loro consumi, un’economia che potrebbe farne tranquillamente a meno.

Spostarli al Sud, garantirebbe al territorio meridionale una platea aggiuntiva di consumatori che ne animerebbe l’economia. Nulla di tanto ampio da essere risolutivo ma meglio del niente che vuole riservare la Lega al Mezzogiorno. Perché i meridionali del PDL non hanno mai posto sul piatto della bilancia anche questa forma di federalismo?

Pubblicato su "TERRA" del 31 dicembre 2010

giovedì 30 dicembre 2010

Lavoratori forestale, sindacati preoccupati


Il segretario generale della Fai Cisl sannita, Alfonso Iannace, in una nota rivolta alla Provincia, alle Comunità Montane ed al prefetto di Benevento Michele Mazza, ha chiesto nuovi interventi per trovare soluzioni in merito alla crisi del settore forestale.

"A conclusione di quest'anno - scrive - pieno di difficoltà e sulla base delle esperienze maturate che ci ha visto impegnati con non poche difficoltà a risolvere le tantissime problematiche del settore soprattutto per poter garantire le spettanze maturate ai lavoratori forestali, ed a seguito di notizie poco rassicuranti pervenute dalla Regione Campania per il settore (causa mancanza di fondi), si ritiene necessario un ulteriore e maggiore impegno di tutti per debellare ipotesi di ridimensionamento occupazionale del settore.

Tale situazione, causerebbe un grave danno per le centinaia di lavoratori forestali sanniti, impone ed ha bisogno di determinate ed accurate iniziative diverse dal passato, per poter al meglio definire un percorso serio per dare finalmente un futuro al settore della forestazione.

A tale scopo si chiede un incontro urgente e la costituzione del tavolo istituzionale permanente, peraltro già suggerito da tempo, per un esame complessivo della questione, che richiede risposte concrete e soluzioni immediate".

mercoledì 29 dicembre 2010

Scuola, il bluff dei progetti regionali


In nome della crisi oggi si è costretti ad accettare offerte di lavoro a nero, a 300 euro mensili per 8/12 ore al giorno se si è fortunati... Gli sfortunati prestano servizio a titolo gratuito col riconoscimento del punteggio come unica ricompensa. Parliamo delle scuole paritarie, quegli istituti fortemente premiati dal ministro Gelmini che vivono di rette mensili, di contributi Statali e di sangue dei dipendenti.


Bisogna cominciare con un'inevitabile affermazione "L'avevamo preannunciato, gridato ma nessuno ci ha ascoltarti". Ad agosto avevamo allertato tutti, sindacati compresi, sulla inefficacia dei progetti regionali e più volte avevamo posto in evidenza il fatto che tali forme di interventi avrebbero contribuito a declassare ulteriormente la figura dei lavoratori precari e a rendere ancora di più ricattabile la loro prestazione lavorativa.

Consapevoli di quanto sarebbe accaduto, abbiamo protestato e presidiato dinnanzi alle sedi sindacali. Come in un déjà vu, quanto preannunciato si è verificato, dimostrando ancora una volta che il Comitato insegnanti e Ata precari Sanniti, si muove ed agisce in nome del vero e a difesa dei diritti di tutti.
Il Pdl, ad agosto, platealmente annunciò, attraverso l'assessore Miraglia lo stanziamento di venti milioni di euro, di fissi mensili per i precari, di riconoscimento di punteggi facendo credere a tutti che il problema fosse stato risolto.

Oggi le vere intenzioni vengono a galla: i compensi previsti sono stati dimezzati, il costo del lavoro e la figura del lavoratore è stata declassata e trasformata in misero prestatore a progetto privo di diritti. La professionalità e la meritocrazia di conseguenza sono un mero specchietto, un vergognoso slogan propagandistico a questo punto. Il merito, la professionalità dovrebbero essere incentivati e premiati non penalizzati e sfruttati.

Qualcuno ha aperto gli occhi, finalmente e non possiamo essere che felici che la Flc-Cgil stia promuovendo una petizione contro un'ignobile e vergognosa campagna di distruzione dei diritti dei lavoratori. Peccato la sensibilità e l'autocritica appartenga solo alla Flc-Cgil e a qualche sindacato di base.
E' bene che qualcuno ricordi a coloro i quali si proclamano difensori della libertà, quale sia la realtà locale. In nome della crisi oggi si è costretti ad accettare offerte di lavoro a nero, a 300 euro mensili per 8/12 ore al giorno se si è fortunati, per poter quantomeno portare qualche misero euro a casa. Gli sfortunati prestano servizio a titolo gratuito col riconoscimento del punteggio come unica ricompensa. Parliamo delle scuole paritarie, quegli istituti fortemente premiati dal Ministro Gelmini che vivono di rette mensili, di contributi Statali e di sangue dei dipendenti. E' bene che le famiglie, i genitori, gli alunni sappiano che negli istituti privati, il docente, il bidello, l'assistente, lavorano con onestà, serietà e competenza a costo zero. Questa è la meritocrazia, oggi un laureato vale meno di zero.

La realtà non è quella delle tv, ma è quella fatta di sacrifici, ricatto e scarsa considerazione, quella in cui chi ha vuole sempre più e per avere calpesta ed annienta i deboli. Questa evidenza è palese a tutti e non c'è media che possa ovattarla.

Auspicando a un 2011 in cui il contraddittorio televisivo possa essere ripristinato e in cui la precarietà cessi di essere una condizione di vita per tutti, invitiamo tutti coloro i quali vivono sulla propria pelle gli effetti devastanti dello sfruttamento a unire le proprie forze e ad avere il coraggio di denunciare coloro i quali lucrano sulla propria esistenza.

Comitato insegnanti e Ata precari Sanniti

martedì 28 dicembre 2010

UN MONDO DI BALLE

Un immane disastro ecologico ha colpito Napoli e la Campania. Pur ribadendo con forza la condanna senza appello di tutti i responsabili, gli organizzatori dell’evento non si propongono di istruire l'ennesimo processo, ma di cercare soluzioni efficaci e praticabili. Gli obiettivi primari devono essere la salute dei cittadini e la tutela del territorio, in uno spirito fortemente propositivo, come quello espresso dalla manifestazione di protesta pubblica di sabato 18 dicembre.

Giovedì 30 dicembre 2010, ore 16,30

Un mondo di balle - Dibattito sulla “monnezza” a Napoli

Relatori: Amato Lamberti,Antonio Marfella, Tommaso Sodano, Umberto Ranieri.

Interventi programmati e proiezioni video
Carmine Maturo - Riduzione dei rifiuti e partecipazione attiva dei cittadini (Legambiente/Neapolis 2000)
Luigi Esposito - Amici dei rifiuti e delle discariche. Biodiversity-Watching: provocazione o proposta reale di monitoraggio ambientale? (Università Federico II)
Vincenzo Peretti - Animali domestici sentinella per monitorare la qualità dell'ambiente (Università Federico II)
Luca Stamati -La raccolta dei rifiuti (CdA Asia)
Nicola Perrini - La raccolta differenziata e gli impianti di smaltimento dei rifiuti (L'ALTRO SUD)

Interventi dal pubblico
I cittadini e le associazioni che vogliano porre domande nello spirito indicato nella premessa sono pregati di inviare una e-mail di partecipazione a
libreriatreves@gmail.com

Libreria Treves
piazza del Plebiscito 11-12, Napoli
0817640858
Google