venerdì 3 dicembre 2010

Caravan 2.0: in viaggio con l’acqua

Andare incontro ai problemi seri del nostro pianeta significa affrontare i cambiamenti con una strategia che tenga conto degli interessi collettivi, in una prospettiva temporale a lungo termine. La soluzione immediata non esiste e la sopravvivenza delle future generazioni richiede un impegno rivolto in varie direzioni, ma che abbiano un unico fine: vale a dire verso l’acquisizione di una coscienza di preservazione e di rispetto per l’ambiente.

L’approccio verso questa tematica deve tenere conto che l’individuo va considerato un soggetto attivo e che la comunità diventa lo spazio ideale e reale della partecipazione e del cambiamento. Nel 2010 l’assessorato all’ambiente e l’assessorato all’istruzione della provincia di Benevento, hanno realizzato una campagna di comunicazione per ridurre il consumo di bottiglie di plastica, puntando sulla partecipazione attiva degli studenti, in particolare, e ha sperimentato l’installazione dei naturizzatori in 10 istituti superiori della provincia di Benevento. Scegliendo una modalità di comunicazione attiva e interattiva, la sensibilizzazione dei cittadini si è realizzata attraverso azioni concrete e condivise che hanno potuto accrescere concretamente la coscienza ambientale delle diverse categorie sociali.

Il progetto acqua 2.0, iniziato a marzo di quest’anno, proseguirà con la realizzazione di una serie di iniziative che punteranno al massimo coinvolgimento del territorio che sarà attraversato dal CARAVAN 2.0, appunto il camper dell’assessorato all’istruzione che fermerà nei diversi istituti della provincia di Benevento per informare e formare sul tema dell’acqua e dell’ambiente in generale.

giovedì 2 dicembre 2010

Psaut di San Bartolomeo, che fine ha fatto?


Vincenzo Sangregorio*

Il primo dicembre è arrivato e del PSAUT non abbiamo ricevuto più notizie (ufficiali)! Nel frattempo, anche il direttore del (ex) Distretto sanitario di San Bartolomeo in Galdo, Domenico Iuliano, è andato in pensione, rimarrà solo il direttore del (ex) Distretto sanitario di Morcone, dott. Mastrocinque. Un’altra battaglia intrapresa dal popolo di San Bartolomeo in Galdo (vedi manifestazione del 19 novembre 2009 contro la soppressione del Distretto di San Bartolomeo in Galdo e l’accorpamento con quello di Morcone): il Distretto di San Bartolomeo è stato accorpato con quello di Morcone, contro la volontà dell’assemblea dei sindaci, tenuta a Benevento il 19 novembre 2009, che, all’unanimità votò contro.

L’unica cosa che mi meraviglia, a questo punto, è come mai ancora non si è pensato di riaprire la discarica di Serra Pastore di San Bartolomeo in Galdo per risolvere l’ennesima emergenza rifiuti in Campania! Ma, forse, è solo questione di giorni…

Le vie istituzionali non funzionano, alla mobilitazione popolare si fa orecchie da mercante: cosa deve fare il popolo della Valfortore per far sentire la propria voce?

*sindaco di San Bartolomeo

mercoledì 1 dicembre 2010

Fortorina, militari visitano il cantiere

Una delegazione di volontari in ferma prefissata per un anno del Comando Militare Esercito 'Campania' ha visitato oggi (l’altro ieri per chi legge) il cantiere dei lavori della nuova variante alla strada statale 212 'Pietrelcina-San Marco dei Cavoti', a Benevento, relativo all'appalto di circa 140 milioni di euro per 15,5 km.

A ricevere la delegazione dei militari, nei pressi del comune di Pietrelcina, erano presenti il Capo Compartimento Anas della Campania, Francesco Caporaso, il Dirigente dell'Area Tecnica Esercizio Anas della Campania, Nicola Nocera, il direttore dei Lavori, Luigi Mupo, il dirigente dell'Area Tecnica Nuove Costruzioni Anas Campania, Renato Maria Giampaolino, il direttore tecnico dell'impresa appaltatrice Mauro Nanni e il rappresentante legale dell'impresa Rillo Costruzioni.

Durante la vista sono state illustrate le varie fasi lavorative del cantiere. Sono stati visitati sia i tratti in rilevato stradale e gli svincoli sfalsati relativi ai primi 4 km del tracciato (lato Pietrelcina) che gli imbocchi della prima delle quattro gallerie, denominata Cerzone e, gli scavi della stessa galleria naturale. Inoltre, e' stato visitato il viadotto Tammaro I e II lungo circa 1.300 metri in acciaio corten e calcestruzzo, con campata centrale sul fiume Tammaro di 88 metri e pile alte 26 metri. Infine, sono stati mostrati i mezzi operativi con i quali l'Anas affronta le emergenze invernali.

www.epicentrobenevento.it

martedì 30 novembre 2010

Il Fortore e Marte


Mentre la Puglia stanzia 12 milioni di euro per la manutenzione del fiume Fortore (per il tratto che le compete), la Provincia di Benevento dimentica che questo corso d’acqua nasce nel suo territorio e lo percorre per diversi chilometri. Infatti, nei giorni scorsi un tavolo tecnico ha discusso dei cosiddetti Contratti di fiume (strumento in cui i criteri valore sociale, sostenibilità ambientale intervengono in modo paritario nella ricerca di soluzioni efficaci per la riqualificazione di un bacino fluviale).
Evidentemente il Fortore e i suoi affluenti (non dimentichiamo lo straripamento proprio di questi giorni del Cervaro, vedi foto) non hanno un «valore sociale» al di là del Casone Cocca.

Il tavolo Tecnico era stato convocato – si legge in una nota – per migliorare lo stato ecologico complessivo dei corsi d'acqua, in maniera negoziale con gli altri principali obiettivi in gioco: riduzione del rischio idrogeologico, valorizzazione della risorsa idrica per gli usi antropici, fruizione del corso d'acqua e gli altri obiettivi di carattere ambientale e territoriale che emergeranno durante il percorso. Inoltre, obiettivo di tali misure è individuare pratiche positive di partecipazione dei cittadini e delle associazioni, rispetto alla gestione dell'acqua a livello locale, in base ai principi di democrazia partecipata.

Ma per una parte di questa provincia questi diritti non esistono. Da tempo chiediamo qual è lo stato di salute del Fortore (soprattutto dopo l’annuncio che nelle sue acque è stato trovato il batterio della salmonella), ma le istituzioni tacciono.
Si è parlato poi dei «gravi problemi inerenti la manutenzione dei corsi d'acqua dell'intero territorio provinciale», ma intanto i progetti discussi «riguardano la manutenzione delle aste fluviali dei fiumi Calore, Sabato-Tammaro e Isclero».
E il Fortore? E’ un fiume del pianeta Marte.

lunedì 29 novembre 2010

GIORNATA DI MOBILITAZIONE NAZIONALE PER L'ACQUA PUBBLICA. MORATORIA SUBITO!


Oltre un milione e quattrocentomila donne e uomini di questo Paese hanno firmato i tre quesiti referendari per la ripubblicizzazione dell’acqua.Con la loro firma, quelle donne e quegli uomini hanno posto un’imprescindibile questione di democrazia: sulla gestione di un bene fondamentale per la vita. Questa importante decisione non può essere delegata ad alcuno, ma deve appartenere a tutti attraverso il referendum.

Per questo, per non tradire la fiducia e le aspettative della popolazione, chiediamo la MORATORIA: un provvedimento di legge immediato che posticipi le scadenze previste dalla “legge Ronchi”.

Per riaffermare l'acqua come bene comune con una gestione pubblica e partecipata... VI ASPETTIAMO IN PIAZZA! Ore 17:30 appuntamento in Piazza Pepe a Campobasso, sotto la prefettura, per consegnare al Prefetto l'appello per la moratoria. Stand informativi e animazione, musica e creazione di graffiti e una scultura estemporanea il cui tema è l'acqua bene comune.
Google