venerdì 26 novembre 2010

Baselice, domani consiglio comunale


Il consiglio comunale di Baselice si riunirà domani mattina, alle ore 10.30, per trattare i sueguenti punti all'ordine del giorno.
Provvedimenti per le strade provinciali ex ss 369 (San Bartolomeo) e ss 17 (Amborchia). Patto tra i sindaci locali per un protocollo sulle politiche energetiche. Proposta del gruppo di minoranza per il regolamento dell'accesso agli atti. Aprrovazione del nuovo statuto comunale. Approvazione schema convenzione per progetto Poin energie rinnovabili-risparmio energetico. Approvazione contributo assistenziale. E infine interrogazione consiliare della minoranza.

giovedì 25 novembre 2010

Discarica di Sant'Arcangelo e i colori del cinema

Nell’ambito della rassegna "I colori del cinema, rassegna della biodiversità e della coesione sociale", venerdì 26 novembre alle 20,30, presso la libreria Masone Alisei di Benevento, Bmagazine e Codisam, comitato difesa salute e ambiente di Sant’Arcangelo Trimonte, proietteranno alcuni video di loro produzione.

Interverranno Emilio Fabozzi, fondatore di Bmagazine, Alessio Masone (Art’Empori) su "Le pratiche partecipate per un giornalismo responsabile". Seguirà la proiezione dei video: "Lungo Sabato Boulevard. Un'opera finita e dimenticata" e "Luci, voci e camion dalla discarica di Sant'Arcangelo Trimonte" di Alessandro Paolo Lombardo, Alessandro Caporaso, Luigi Furno ed Emy Martignetti.

La seconda parte della serata, dedicata all’emergenza rifiuti, prevede un’introduzione di Nicola Colangelo (Codisam di Sant’Arcangelo Trimonte). Seguirà la proiezione di un video che testimonia il percolato prodotto dalla discarica di Sant’Arcangelo Trimonte. A concludere il dibattito con un intervento su "La provincializzazione dei rifiuti", Maria Pia Cutillo, referente per i rifiuti della Rete Arcobaleno.

A conclusione dell'evento ci sarà un aperitivo con prodotti del territorio e con stoviglie ecocompatibili.

mercoledì 24 novembre 2010

Baselice, in arrivo i fondi per la sicurezza delle scuole

Tra i comuni ammessi ai fondi per gli interventi Cipe c'è anche Baselice.
In base infatti a tale delibera 15 sono i Comuni della provincia di Benevento ammessi al finanziamento per la messa in sicurezza, prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi anche non strutturali degli edifici scolastici.

In particolare gli interventi ammessi riguardano i Comuni di:
Frasso Telesino per un importo di 500.000 euro; Ceppaloni - fraz Beltiglio (591.000 euro) e fraz. S Giovanni (400.000 euro); S.Bartolomeo in Galdo per un importo (615.000 euro); Baselice (350.000 euro); Bonea (540.000 euro); Limatola (590.000 euro); S Leucio del Sannio (320.000 euro); Fragneto Monforte (469.000 euro); Airola (400.000 euro); Buonalbergo (309.000 euro); Reino (318.000 euro); Tocco Caudio (515.000 euro); Castelpoto (336.000 euro); Cusano Mutri (427.000 euro); Telese Terme (485.000 euro).

martedì 23 novembre 2010

Baselice e il suo lardo

Ammetto la mia ignoranza. Non sapevo che il lardo di Baselice fosse così famoso. Per questo postiamo stralci di un articolo apparso ieri sul «Corriere del Mezzogiorno» in cui si parla proprio del nostro lardo.

Ecco il titolo del pezzo: «Il foro dei baroni», formula D'Addio: una cucina d’autore a prezzi da trattoria-Alta qualità ma prezzi bassi, così lo chef sannita sfida la crisi.

BENEVENTO - Chi è un critico gastronomico? Secondo Gualtiero Marchesi è uno che dice di sapere la strada, ma non sa guidare. Io invece so guidare, ma sbaglio continuamente strada. Non quando sono diretto a Puglianello, però: al «Foro dei Baroni» vado infatti con regolarità dal 2003, anno dell’apertura, e non ne sono mai tornato deluso. Men che mai questa volta, e dire che alcune notizie — il fatto che l’elegante locale-madre (ora aperto solo su prenotazione) fosse stato abbandonato per il meno ambizioso spazio adiacente, la scelta di affiancare al servizio ristorante anche quello pizzeria — mi avevano fatto temere che il titolare e chef, Raffaele D’Addio, avesse deciso di ridimensionare le legittime ambizioni per adottare il basso profilo dei tempi di crisi. Tranquilli: il 31enne ex allievo di Colonna ha solo cambiato l’involucro e rinunciato ad alcune bellurie accessorie, ma la cucina si conferma tra le più accurate; i piatti non scendono di un millimetro rispetto alla qualità d’un tempo, anzi adesso il «Foro» (squadra nuova e motivata, Luigi Carbone sous-chef e Vincenzo Esposito ai tavoli) è la plastica dimostrazione che per assaporare una cucina d’autore a prezzi da trattoria non è indispensabile arrivare fino a Cornaredo, da Davide Oldani.

Qui il menu degustazione costa 25 euro, e alla carta, scegliendo i piatti più cari, non si superano i 39. Risultato? Locale sempre pieno, e la democratica convivenza tra coppie gourmet e tavolate di pazzi per la pizza è ventata d’aria fresca in una ristorazione di rango che altrove s’avvita nell’autoreferenzialità senza prenotazioni. Tra le note negative, i troppi televisori disseminati in sala: ma, a richiesta, quello più vicino ve lo spengono. Così potete gustare con la dovuta calma le preparazioni dello chef, immortalate in un menu con copertina ricavata da tela per i quadri: l’artista vi elenca innanzitutto i tre antipasti «cucinati». Uno lo conosciamo bene (crema di patate e pancotto con cime di rapa), dunque ci dedichiamo con fondato entusiasmo agli altri due: coniglio (Puglianello) porchettato (mousse di lardo di Baselice) accompagnato a deliziosa zuppetta con i fagioli (Gioia Sannitica) detti «di cera» per l’aspetto lucido; e filetto di maiale croccante, squisita emulsione di senape e chutney di annurca e pera (…).

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it

lunedì 22 novembre 2010

La Campania e la (in)sanità pubblica

Oltre alla mai risolta vicenda dei rifiuti, il centrodestra ha vinto le elezioni in Campania anche grazie al disastro sanità. Ma una volta al governo come cerca di risolvere il problema la giunta Caldoro? Semplice. Mettendo i ticket sulle prestazioni, tagliando i servizi essenziali, aumentando del 100 per cento il cosiddetto codice bianco per il pronto soccorso, chiudendo gli ospedali e sopprimendo i posti letto. Tutto a sfavore dei cittadini. Con 2400 posti in meno, infatti, molti pazienti dovranno rivolgersi ai privati per ricoverarsi. Per i più ricchi non c’è problema, per i più deboli la solita fila di attesa oppure rinunciare addirittura alla prestazione sanitaria. Lo chiamano “piano di rientro”, ma sarebbe meglio chiamarlo piano di smantellamento della sanità pubblica.

Per questo sabato scorso a Benevento c’è stato un incontro pubblico per la costituzione di un Comitato provinciale che farà parte di quello più ampio di difesa della sanità pubblica.
«Il tutto – scrive in una nota l’Unione sindacale di base provinciale – senza nessun controllo democratico della spesa e della qualità del servizio da parte dei cittadini che, inermi e passivi, dovrebbero mettere mano alla tasca e accettare un piano di risanamento realizzato dagli stessi burocrati e politici che hanno portato al disastro della sanità campana».

Inoltre, l’Usb si è fatta promotrice di un’iniziativa regionale che, attraverso la creazione di comitati provinciali mira a raccogliere 100.000 firme per una petizione popolare.

p.s. Tra gli ospedali chiusi c'è anche quello di San Bartolomeo in Galdo. Un ospedale che non è mai stato aperto, ma che la Regione ha deciso di chiudere per sempre (sic!).
Google