sabato 6 novembre 2010

Formalizzata la proposta dei nuovi collegi elettorali

Conclusi gli adempimenti preliminari, il Prefetto di Benevento ha formalizzato la proposta di ridefinizione delle circoscrizioni dei collegi provinciali, depositandola al ministero dell’Interno per la successiva approvazione con decreto del Presidente della Repubblica che sarà emanato entro il 30 novembre prossimo per trovare applicazione già nella prima tornata elettorale utile per il rinnovo degli organi elettivi della Provincia di Benevento.

Ecco la proposta per il Fortore:

San Bartolomeo in Galdo
Capoluogo: San Bartolomeo in Galdo
Baselice, Castelfranco in Miscano, Castelvetere in Val Fortore, Foiano di Val Fortore, Ginestra degli Schiavoni, Montefalcone di Val Fortore e San Bartolomeo in Galdo

San Marco dei Cavoti
Capoluogo: San Marco dei Cavoti
Castelpagano, Circello, Colle Sannita, Molinara, Reino e San Marco dei Cavoti

venerdì 5 novembre 2010

Licenziamenti di Stato

Da oggi è iniziata la mia collaborazione con il sito www.laltrosud.it organo dell’omonimo movimento politico meridionalista, che tra l'altro voglio ringraziare pubblicamente per avermela offerta. Da questa rubrica dall’ironico titolo “La bustina suddista” è tratto il “pezzo” che segue.

Apriamo questa rubrica con il racconto del dramma del lavoro. Della tragica vicenda dei diciassette dipendenti messi in mobilità dalla Comunità montana del Fortore, con sede a San Bartolomeo in Galdo, provincia di Benevento. Caso unico in Campania. E di cui nessuno parla. Diciassette famiglie da mesi senza stipendio nella realtà più povera della regione.

Eppure, i vertici della Comunità non hanno perso tempo a far recapitare all’inizio dell’anno la lettera della cosiddetta messa in disponibilità. La scelta si giustifica – secondo l’ente – con i tagli voluti dal governo centrale. Senza soldi si riesce a malapena a coprire lo stipendio di soli 15 dipendenti su 32, per cui gli altri 17 si arrangino. L’elenco degli esuberi però è stato fatto in base ad una graduatoria che non tiene dell’età di queste persone, quasi tutti ancora giovani per la pensione ma vecchi per un nuovo lavoro. L’assurdo è che l’ente ora pensa a una «nuova dotazione organica del personale». Ma come, non mancavano i finanziamenti?
Da parte loro i sindacati confederali (per una volta uniti) nei mesi scorsi hanno iniziato una serie di mobilitazioni fino a giungere ad un tentativo di conciliazione presso l’Ufficio del lavoro del capoluogo sannita, al quale per ben due volte i vertici della Comunità non si sono presentati.

Dopo un lungo braccio di ferro si è arrivati a un accordo che prevede una sorta di “patto di solidarietà”: gli altri dipendenti rinunciano a una parte dello stipendio in favore dei colleghi messi in mobilità. Peccato che chi doveva solidarizzare non è stato mai interpellato, così ad oggi i diciassette impiegati sono ancora lì ad aspettare l’ottanta per cento della loro retribuzione, così come previsto dalla legge. Situazione, quest’ultima, criticata anche dalla Cisl provinciale: «L’unica cosa – scrive in una nota – che la Comunità montana è stata capace di produrre è stata la messa in disponibilità, e quindi il licenziamento, di diciassette lavoratori ai quali, da mesi, viene negato il salario».

Il sindacato ha anche inviato un esposto al ministro Brunetta e alla Corte dei conti. Arriveranno gli ispettori ad effettuare le verifiche contabili? Vedremo. Intanto la casta ha altro a cui pensare, nemmeno quando a licenziare è lo Stato.

www.laltrosud.it

giovedì 4 novembre 2010

Eolico, nuovi impianti nel Fortore


Nuovi impianti eolici nel Fortore. Dopo i recenti progetti presentati a Foiano Valfortore (ad opera della Econergia srl di Cervinara e della Sanmarco Power srl di Napoli), Buonalbergo (Parco eolico Buonalbergo srl di Roma), Benevento (Voltwind srl), San Marco dei Cavoti (Ecoenergia srl) ed in attesa dell’inizio dei lavori di tre nuove centrali eoliche di cui 2 già autorizzate dalla Regione ad opera della Edison (a Foiano Valfortore e San Giorgio La Molara) ed una che ha già ottenuto il VIA (Compagnia Generale degli Investimenti srl a Circello), tocca ora alla Sorgenia Spa di Milano, che comunica di aver dato avviso di avvio di procedimento per la costruzione ed esercizio di un impianto di produzione di energia elettrica da fonte eolica nei Comuni di Castelvetere in Valfortore e Colle Sannita.

Fonte: www.viadalvento.org

mercoledì 3 novembre 2010

Campo sportivo, la replica di Canonico


«La bussola che seguiamo nel nostro operare è sempre e solo la legalità. Dal rispetto delle leggi e dal mantenere i conti in ordine non si può prescindere». È la risposta che il sindaco di Baselice, Domenico Canonico, dà alle accuse, fatta nei giorni scorsi, dalla minoranza consiliare di concedere i lavori di ristrutturazione del campo sportivo comunale a ditte esterne e non locali.

«D’altra parte – continua il primo cittadino – mi sembra che in questo primo anno e mezzo di amministrazione stiano lavorando tutte le ditte locali. Non capisco, dunque, questo voler strumentalizzare a tutti i costi un atto che è stato fatto alla luce del sole e, ripeto, dando a tutte le ditte la pari opportunità così com’è prescritto dalla legge».

E conclude: «Non voglio polemizzare, ma chiedo alla minoranza: com’è che negli anni scorsi non vi siete mai interessati a quante e quali ditte lavoravano a Baselice? È possibile che solo ora vi appassionate a questa tematica? Evidentemente all’epoca, quand’eravate maggioranza, eravate un po’ distratti».

martedì 2 novembre 2010

Baselice, spostata la guardia medica


La guardia medica di Baselice è stata spostata nei giorni scorsi da via Tintiera nei locali pubblici del secondo edificio della scuola elementare.
I cittadini che hanno bisogno del servizio sanitario possono recarsi in via Luigi Capuano.
Google