sabato 2 ottobre 2010

Fortore giù il sipario!


Vi sono notizie che nella vita non vorremmo mai apprendere, invece, ahinoi, l’apprendiamo. Baselice perde un illustre cittadino. Il prof Alfonso Mascia. Perde l’intellettuale più organico alla sua gente. Un’avanguardia culturale, come si diceva una volta. Colui che meglio ha saputo interpretare la coscienza collettiva di un popolo e raccontarne le più profonde contraddizioni.

Mascia è anche il filologo che ha dato dignità al dialetto locale, tanto da scriverne, uno dei pochi, un dizionario. L’amore per la sua terra è stato totale, assoluto, anche se a volte non compreso.

Ma Mascia è soprattutto il commediografo che ha portato in scena quella società contadina che stava per scomparire per sempre, il dramma del brigantaggio, della guerra, dell’emigrazione, della modernità. Tutto colorito da una vena ironica di cui era maestro.

Alfonso Mascia non faceva teatro. Alfonso Mascia è il teatro. Grazie alle sue opere oggi i baselicesi, e più in generale i fortorini, possono rivedere se stessi. Come in un grande specchio della storia, che poi è quella di sempre, la storia degli uomini. Forse è questa la più grande lezione che ci lascia. Guardare meglio dietro alle apparenze delle cose, è lì che si nasconde quell’umanità che la sua intelligenza sapeva portare a galla.

«Mi è piaciuto leggere – scrive nella prefazione della raccolta riveduta “Fortore, su il sipario”, dato alle stampe pochi mesi fa – nel gran libro della storia le pagine della mia gente, abbarbicata a questi monti e in queste valli, alzare il sipario sulla realtà storica, umana, sociale, e culturale di ieri e forse ancora oggi e dar voce ai suoi umili eroi. Nei canti corali qua e là, canti per lo più mesti e solenni, ho voluto che respirasse l’anima della gente fortorina».

Ultimamente lo si vedeva poco in giro. Preferiva il contatto con la natura. Con il bel tempo se ne andava in campagna a coltivare la sua amata vigna. Ed è proprio la sua terra che se l’è portato via per sempre. Per una volta è il caso di dire “Fortore, giù il sipario”.

Mascia lascia un vuoto incolmabile, una ferita profonda, ma lascia anche un patrimonio inestimabile di opere in cui poter ritrovare se stessi.

E mentre tiriamo giù il sipario con somma mestizia, lo ricordiamo con queste parole: “Nessun uomo è un'isola, intero per se stesso. Ogni uomo è un pezzo del continente, una parte della terra. Se una zolla viene portata dall'onda del mare, l'Europa ne è diminuita, come se un promontorio fosse stato al suo posto, o una magione amica, o la tua stessa casa. Ogni morte di uomo mi diminuisce perché io partecipo dell'umanità” (John Donne).

(ha collaborato Antonio Cormano)

venerdì 1 ottobre 2010

Professore muore accendendo le stoppie

Questo blog in genere non pubblica fatti di cronaca, se anche questa volta lo facciamo è esclusivamente per informare chi vive fuori da Baselice.

Un docente in pensione è morto nell’incendio di alcuni arbusti a pochi metri dalla sua abitazione. È accaduto alla via Coste alla periferia di Baselice. La vittima è Alfonso Mascia 70 anni. Il docente, claudicante, era solito recarsi nella sua abitazione in campagna e svolgere alcuni lavori nei campi. Secondo una prima ricostruzione lo avrebbe fatto anche nel pomeriggio di ieri.

A tarda sera un figlio del docente si recato preso la casa di campagna ed ha trovato il corpo del padre accanto ad un rogo di arbusti con delle gravi ustioni sul corpo. Ha avvisato i carabinieri della stazione di Baselice. Sono giunti anche i carabinieri della Compagnia di San Bartolomeo che hanno informato il sostituto procuratore della Repubblica Capitanio. Sul posto il medico legale Monica Fonzo. Dai primi accertamenti si ipotizza che le fiamme hanno avvolto l’uomo che non è riuscito ad allontanarsi e porsi in salvo. Si ipotizza una disgrazia. In pratica il professore non sarebbe riuscito a controllare le fiamme che aveva provocato nell’eseguire lavori nei campi.

www.ilmattino.it

giovedì 30 settembre 2010

Le strade e la Provincia

La Giunta provinciale di Benevento ha approvato il progetto per i lavori di ripristino del piano viabile e la regimentazione delle acque superficiali sulla strada provinciale numero 54 Baselice–Ponte Carboniera. A renderlo noto l'ufficio stampa della Provincia.

"L’intervento - informa il comunicato - comporta una spesa di 150mila euro. La strada n. 54 è estesa oltre diciassette chilometri ed attraversa una zona particolarmente inclemente dal punto di vista morfologico e meteorologico: le accentuate precipitazioni alluvionali e nevose degli ultimi due anni hanno creato una condizione di accentuato degrado della sede stradale con pesanti disagi alla sicurezza stradale compromettendo la stessa transitabilità".

martedì 28 settembre 2010

Baselice, bando per il servizio civile


Il Comune di Baselice è stato ammesso al bando per la selezione di 4 volontari da impiegare nel progetto di servizio civile denominato “Insieme si può” . Lo comunica l’assessore alle Politiche del lavoro, Salvatore Brancaccio, che invita i giovani interessati, con età compresa tra i 18 ed i 28 anni, a presentare la domanda presso la segreteria dell’ente, utilizzando esclusivamente l’apposito modello da ritirare in Comune entro le ore 13 del 4 ottobre. La domanda deve essere corredata da copia fronte-retro di un documento di riconoscimento.

«E’ un’opportunità – afferma Brancaccio – per quei giovani che vogliono fare un’esperienza nuova ed interessante. Invito pertanto i giovani a presentare domanda, per qualsiasi tipo di informazione sono a loro disposizione»

Per ulteriori informazioni si può visitare anche
il sito www.serviziocivile.it .

lunedì 27 settembre 2010

Anche Canonico a Ripa Teatina


Secondo atto del gemellaggio San Bartolomeo in Galdo-Ripa Teatina, rappresentati rispettivamente dai sindaci Enzo Sangregorio e Mauro Petrucci. Le delegazioni si sono ritrovate, in nome di Rocky Marciano, sabato scorso nella sala polivalente del Palazzo comunale del comune abruzzese, alla presenza del presidente del Consiglio regionale, del prefetto, del presidente della Provincia e del sindaco di Chieti.
Il primo atto si è svolto il 22 agosto a San Bartolomeo in Galdo. In quell’occasione fu consegnata al sindaco del Comune abruzzese, la chiave della città fortorina.

A partecipare all’iniziativa c’era anche il sindaco di Baselice, Domenico Canonico.
Nel suo intervento Canonico, in qualità di rappresentante del Fortore, zona di origine della madre del campione, Giuseppina Picciuto, ha portato i saluti della comunità ed ha posto l’accento sulle analogie e caratteristiche comuni tra le due aree geografiche come il fenomeno dell’emigrazione, le caratteristiche orografiche del territorio e soprattutto quelle culturali ed enogastronomiche.
Il sindaco ha ricordato poi come queste due zone siano importanti per la produzione vitivinicola l’una per il Moscato di Baselice l’altra per il famoso Montepulciano d’Abruzzo.
Infine, ha invitato tutti presenti a visitare i comuni del Fortore.
Google