venerdì 16 luglio 2010

Milano città Mediterranea?

Nei giorni scorsi è stato inaugurato a Milano il MedForum 2010. Un convegno internazionale per ridare slancio all’affascinante progetto dell’Unione per il Mediterraneo. Ancora una volta, le città del Sud non giocano nessun ruolo in questo processo. ''Milano ha la vocazione di essere il ponte economico e culturale tra l'area del Mediterraneo e l'Europa continentale'', ha dichiarato il sindaco Letizia Moratti.

"Appare quantomeno miope - si legge in una nota ufficiale del movimento meridionalista L’ALTRO SUD -, la scarsa considerazione che, da parte dell’attuale Governo, hanno avuto città come Napoli, Palermo e Bari nel processo di costruzione dell’Unione per il Mediterraneo. Mai che fossero state proposte per un ruolo, come quello di sede dell’Upm o quantomeno dei Forum Euromediterranei. Men che meno si è pensato al potenziamento infrastrutturale delle aree del Mezzogiorno per far si che esse possano svolgere una reale funzione di piattaforma logistica del Mediterraneo.
Appare sempre più evidente l’istinto di rapina, di una certa parte politica, nei confronti del Mezzogiorno d’Italia: dopo la sottrazione di fondi per la coesione territoriale (i cosiddetti Fondi Fas), si è cominciato ora a sottrarre alle regioni del Mezzogiorno anche quel naturale ruolo di centro del Mediterraneo che la natura ha voluto dargli, ma che secondo alcuni non meriterebbe".

giovedì 15 luglio 2010

Fortore, la Comunità montana e i salari dei dipendenti in mobilità

Che fine ha fatto la vicenda dei 17 dipendenti messi in mobilità dalla Comunità montana del Fortore? Secondo gli accordi presi qualche mese fa tra le parti sociali, nella sede dell'Ufficio del lavoro di Benevento, si era deciso di applicare ad essi i cosiddetti contratti di solidarietà. Cioè diminuire gli stipendi a tutti gli impiegati dell'ente per garantire una parte degli stessi salari ai 17 in mobilità. Su questo punto tra l'altro aveva votato anche il consiglio della Comunità.
Ma ad oggi le procedure per attivare questi benedetti contratti di solidarietà sono state avviate? E' chiaro che per un'operazione del genere bisogna consultare gli altri dipendenti. Ma tutto ciò è stato fatto oppure no?

Intanto, i segretari provinciali della Funzione pubblica di Cgil, Cisl e Uil, Felice Zinno, Antonio Forgione e Antonio Pagliuca, sono ritornati, con una nota, sulla vicenda sottolineando come "i numerosi dipendenti collocati in mobilità lamentano la mancata corresponsione delle spettanze salariali comunque dovute anche se in misura ridotta".

"E' inconcepibile il modo con cui l'Amministrazione dell'ente montano - continuano - in primis del suo presidente, tratta questi lavoratori, scelti per sopperire a delle carenze che accomunano sicuramente tutti gli enti montani nazionali, e che però hanno visto la Comunità Montana del Fortore muoversi prima degli altri nel risolvere il nodo licenziando sic et simpliciter in un momento in cui la discussione intorno a tali problematiche a livello nazionale è ancora nel vivo. A pagarne le conseguenze saranno certamente altrettante famiglie, ridotte in stato di estrema precarietà nonostante siano creditrici di tali dovuti pagamenti. Una situazione che si descrive da sola, in un momento in cui la politica è chiamata a dare risposte urgenti a temi scottanti come la disoccupazione e l'impoverimento dei territori, per superare una crisi che attanaglia in particolare le zone più povere del sud Italia come quella del Fortore, appunto. Invitiamo pertanto, l'Amministrazione della Comunità Montana del Fortore a smentire tali atteggiamenti, ed a farsi parte propositiva per il sostentamento di situazioni urgenti che toccano la pancia di coloro che ne subiscono quotidianamente i contraccolpi".

mercoledì 14 luglio 2010

Provincia, i nuovi collegi elettorali

Nuovi collegi provinciali. La proposta è stata trasmessa dalla Prefettura alla Provincia di Benevento. Per quanto riguarda il Fortore, quello di San Bartolomeo, oltre a Baselice e Castelvetere, vedrebbe l’ingresso di Foiano, Ginestra, Castelfranco e Montefalcone.

Il tutto in base alla legge 42/2010 sul contenimento della spesa pubblica che prevede una riduzione del 20% dei consiglieri. Alla Rocca dei Rettori il numero di consiglieri scenderà dunque dagli attuali 24 a 19 e il collegio deve essere composto da 15mila abitanti, concessa una variazione del 20% in più o in meno. Entro fine novembre il documento dovrà essere inoltrato al ministero dell’Interno.

martedì 13 luglio 2010

Baselice, idrosemina per Palazzo Lembo


La tecnica utilizzata per la sistemazione del costone di Palazzo Lembo (che alcuni mesi fa fu oggetto di una spaventosa frana) è quella dell'idrosemina: un processo secondo il quale il seme, l`acqua, il fertilizzante, l`ormone e la pacciamatura a fibra legnosa vengono mescolate e applicate direttamente sul terreno.
Le fibre del legno aiutano ad evitare l`erosione del vento e dell`acqua, proteggono i semi nuovi dal sole e aiutano a conservare la temperatura ideale del terreno.
Una soluzione che ha evitato lo sbancamento dell'area sottostante mantenendo intatto il costone originale, con un tocco di verde in più.

(Clicca sulla foto per ingrandirla)

lunedì 12 luglio 2010

L'Altro Sud denuncia Radio Padania

Il movimento meridionalista L’Altro Sud, ha inviato un esposto al Procuratore della Repubblica di Milano chiedendo un’attenta analisi della propaganda razzista di radio Padania.

"Sono anni che questa radio conduce una vergognosa propaganda razzista ed antimeridionale ed è inaccettabile che lo faccia impunemente. Siamo certi che nella condotta dell’emittente siano configurabili gli estremi del reato di 'Discriminazione, odio o violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi" che la Legge 205/1993 punisce con pene fino a tre anni di reclusione', si legge in una nota ufficiale del movimento.

"L’ultimo episodio è quello di un commento sull’assassinio di due cittadini meridionali in Germania per una banale lite con un cittadino tedesco su una partita di calcio. Un radioascoltatore, il 9 luglio scorso, commentava l’episodio in tal senso: questi criminali 'ndranghetisti ti spazzano via: quel poveraccio di Hannover probabilmente si è sentito in pericolo e si è difeso come poteva, quindi non è da rimproverare, noi li conosciamo bene i sudisti. Mi spiace solo che ne pagherà le conseguenze. Il tutto andava in onda con il sottofondo delle risatine beffarde del conduttore. E’ impensabile come tutto questo possa essere trasmesso da una radio con un bacino d’utenza enorme, come se nulla fosse", conclude la nota.

Nota: link alla telefonata a cui si fa riferimento nel comunicato: http://danielesensi.blogspot.com/2010/07/telefonata-shock-su-radio-padania-i-due.html

Il Fortore e il piano antincendio

L’arrivo della bella stagione risolleva il problema degli incendi boschivi, fenomeni che ogni anno distruggono ettari ed ettari di macchia mediterranea. La Comunità Montana del Fortore ha approvato anche quest’anno un piano antincendio boschivo al fine di organizzare al meglio le operazioni di allerta, intervento e spegnimento degli incendi nei comuni di sua competenza.

Le superfici boscate danneggiate dal fuoco negli ultimi dieci anni ammonterebbero a circa mille ettari, equivalente a circa 10 chilometri quadri. Gli incendi più devastanti si sarebbero verificati nel 2000 e nel 2007 a causa soprattutto delle avverse condizioni climatiche e dalla scarsità dei mezzi d’ intervento. Per cercare di ridurre ed arginare questi fenomeni, che vengono sempre più spesso causati anche dall’incuria dell’uomo, la Comunità Montana ha stilato il Piano AIB 2010 che prevede un centro operativo – C.O.E.D.- con il compito di coordinare tutte le attività connesse con il servizio di prevenzione e lotta agli incendi, con sede presso la Comunità Montana del Fortore a San Bartolomeo in Galdo.

Il centro, dotato di telefono e ricetrasmittente, sarà in contatto continuo con le squadre operative (N.O.E.D.) e con il C.O.P. Provinciale. Il servizio presso il C.O.E.D. verrà effettuato dalle ore 8,00 alle 20.30 con reperibilità 24 ore su 24. Sul territorio della Comunità saranno costituiti 3 nuclei operativi enti delegati.

Si potrà inoltre attivare un servizio di avvistamento degli incendi ricorrendo all’utilizzo del personale ubicato presso 7 stazioni fisse dislocate nei comuni di: Foiano, Montefalcone, Castelvetere, Molinara, Baselice, Castelfranco in Miscano, Buonalbergo.
Google