venerdì 29 gennaio 2010

Integrazione, il modello San Bartolomeo in Galdo

di Giancristiano Desiderio

San Bartolomeo in Galdo, nell’Alto Sannio, al confine con la Puglia, è un paese di circa cinquemila abitanti con una piccola ma pur consistente presenza di stranieri in cerca di lavoro. C’è una nutrita presenza di badanti provenienti dall’Est, un numero non piccolo di operai di origine africana – Marocco, Libia, Algeria – e qualche presenza sudamericana. Centocinquanta stranieri su una popolazione di cinquemila abitanti non sono pochi. Ma qui, tra le montagne e le valli della Val Fortore non potrebbero mai accadere “i fatti di Rosarno” o, peggio, “i fatti di Castel Volturno”. E non per il numero esiguo, sia pure non piccolo per il comune sannita, degli extracomunitari, bensì per la riuscita integrazione che c’è tra gli stranieri e i sanbartolomeani. Qui, infatti, il Rotary Club ha organizzato un “corso di approccio alla lingua italiana e accenni alla costituzione, istituzione e servizi per stranieri”. Risultato? Un successone.

Il 2 dicembre c’è stata la prima lezione. Ogni settimana, il mercoledì sera alle 19,30, per un totale di nove lezioni – ma visto la grande affluenza si vorrebbe continuare con qualche altro incontro – le insegnanti, i docenti e i professionisti di San Bartolomeo si ritrovano insieme con badanti ucraine e rumene, operai marocchini e insegnano loro la lingua italiana e si soffermano su alcuni articoli della Carta costituzionale. “Devo dire che è un vero piacere fare questi incontri”, dice l’avvocata Lina Fiorilli, “perché non ci aspettavamo una presenza così nutrita ed entusiastica: stiamo bene insieme, tanto che agli incontri vengono anche i figli delle badanti e degli operai stranieri”. Gli stranieri, arrivati fin sulle montagne innevate di San Bartolomeo, hanno il regolare permesso di soggiorno e svolgono un lavoro o nella famiglie di San Bartolomeo dove c’è bisogno di assistenza per anziani e persone sole o nelle fabbriche di questa gente operosa. L’integrazione ha raggiunto concretamente un ottimo livello dal momento che gli stranieri hanno tutti un buon tetto sulla testa: condizione, questa, che è necessaria per non creare situazioni di disagio per gli stranieri e per gli italiani. Il modello San Bartolomeo sembra funzionare e, forse, non sarebbe neanche difficile da adottare altrove. L’accoglienza e l’integrazione si sposano, del resto, anche con un certo orgoglio di San Bartolomeo a difendere le proprie tradizioni e persino il proprio dialetto: oggi in paese si presenta un dizionario del dialetto sanbartolomeano o galdese.

San Bartolomeo in Galdo è un vero crocevia situato com’è strategicamente tra Campania, Puglia e Molise. Il suo territorio cade nella provincia di Benevento, ma la condizione delle strade e la vicinanza alla Puglia portano i sanbartolomeani a frequentare la Capitanata. Negli ultimi anni e decenni da San Bartolomeo sono partiti interi nuclei familiari: ancora negli anni Sessanta il paese raggiungeva i quindicimila abitanti. Da un po’ di tempo, però, la comunità sembra essere nuovamente in crescita e il fenomeno dell’immigrazione degli stranieri dell’Europa dell’Est e dell’Africa conferma la tendenza e arricchisce il paese di un elemento umano. I sanbartolomeani sembrano saperne fare tesoro.

www.sanniopress.it

mercoledì 27 gennaio 2010

San Bartolomeo, presentato il dizionario


di Leonardo Bianco

Nei locali del Circolo Frentano sabato sera è stato reso omaggio alla delicata e faticosa opera di Michelangelo Pizzi e Antonio Spallone, autori del “Dizionario dialettale di San Bartolomeo in Galdo”, un opera omnia sul parlato locale con tanto di, fonemi, fraseologia e profilo storico del nostro idioma popolare.

“Un corpus completo del dialetto di San Bartolomeo in Galdo”, lo ha definito durante la presentazione il segretario Generale della Comunità Montana del Fortore Gianfranco Marcasciano, “un omaggio alla lingua dei nostri padri, particolare e affascinante ma poco conosciuto, specie ai giovani, un linguaggio che ci racconta del nostro passato, dello sviluppo storico, politico e sociale della nostra città”.
“La lingua vera, quella del silenzio, che i nostri padri praticavano e che nel tempo si è persa” ha aggiunto Giancristiano Desiderio giornalista, storico e scrittore “E’ un documento che completa qualsiasi altra iniziativa a tema dall’800 ad oggi”. Infine la parola all’autore Michelangelo Pizzi,. Lui, il dialetto, ha preferito definirlo “linguaggio”, “perché dialetto è svilente”. E la sua opera l’ha voluta dedicare ai giovani, “perché non si perda nelle generazioni future”.

Al passo coi tempi, presto potrebbe incidere un cd che sia di supporto alla non semplice fonesi già indicata nel dizionario cartaceo. Un dizionario che, vogliamo ricordare; contiene più di 6000 voci dal dialetto all’italiano, 3000 dall’italiano al dialetto, più un appendice dedicato a ” tradizioni e vita” di San Bartolomeo in Galdo, tutti ripescati minuziosamente dagli autori nei cassetti delle proprie memorie e messi a punto in sei anni di prezioso lavoro.

domenica 24 gennaio 2010

Baselice, inaugurato il Punto di ascolto del cittadino


Il Punto di ascolto del cittadino. Un luogo voluto dal Comune di Baselice dove ognuno può recarsi per esporre i propri problemi. L’obiettivo della nuova maggioranza è quello di essere più vicina ai cittadini ascoltando, appunto, le loro problematiche e cercando di risolverle nel modo migliore.

Il punto è stato inaugurato questa mattina nei locali comunali di via Luigi Capuano (di fronte all’ex caserma dei carabinieri) ed ha visto la partecipazione di buona parte della cittadinanza interessata alla nuova idea del Comune fortorino.
«E’ un’iniziativa unica nel panorama locale – afferma il sindaco Domenico Canonico – che ha lo scopo di avvicinare sempre più l’amministrazione comunale alla gente. La promessa era stata fatta in campagna elettorale e abbiamo mantenuto l’impegno. Da oggi i cittadini di Baselice non saranno più soli e troveranno nel Punto di ascolto delle professionalità in grado di risolvere ogni tipo di problema, per il momento tre volte a settimana ma con l’obiettivo di potenziare il servizio».
Il Punto sarà operativo il martedì dalle 9.30 alle 12 e il mercoledì e venerdì dalle 17 alle 19.

Inoltre, dal 26 gennaio prossimo presso il Comune sarà ripristinato il servizio “Qui Enel”.
Google