giovedì 3 settembre 2009

Rocky Marciano, un triplice gemellaggio tra Ripa Teatina, San Bartolomeo e Brockton


Unire in un patto di gemellaggio le tre cittadine che sono legate al nome di Rocky Marciano, Ripa Teatina, paese natale del padre, Querino Marchegiano, San Bartolomeo in Galdo (Bn), paese natale della madre, Pierina Picciuto, e Brockton (Massachussets), dove il campione nacque e visse: è questa la proposta, congiuntamente formulata dai sindaci Mauro Petrucci e Vincenzo Sangregorio, al termine della celebrazione per il quarantennale della morte del pugile italo-americano, svoltasi il 31 agosto scorso a Ripa Teatina.

«Rocky Marciano: un mito che va oltre il tempo-A quarant'anni dalla morte del “bombardiere di Brockton”», questo il titolo della manifestazione, tenutasi presso la sala polivalente del Comune, ha visto la partecipazione di numerosi appassionati del campionissimo, morto il 31 agosto 1969, alla vigilia del suo compleanno, a causa di un incidente aereo: la sua leggenda, alimentata dal fatto di essere l'unico campione del mondo dei pesi massimi a non avere mai perso un incontro, entrava definitivamente nel mito.

A celebrare Marciano, oltre ai sindaci di Ripa Teatina e San Bartolomeo in Galdo (Petrucci e Sangregorio), c'erano l'assessore provinciale allo Sport, Silvio Tavoletta, che ha ricordato l'esempio di sportivo pulito, senza uso di anabolizzanti e steroidi, che ha fornito Rocky alle giovani generazioni, e il prof Bartolo Iossa, appassionato di storia del pugilato, che ha commentato un video che raccoglieva gli incontri più significativi dei 49 sostenuti dal pugile, che non ha mai perso in carriera. Moderatore dell'incontro il giornalista Stanislao Liberatore, storico presentatore delle edizioni del “Premio Rocky Marciano”.

Presso la Sala Polivalente è stata riallestita parte della mostra “Da Rocco a Rocky”, che ha contato oltre 4000 visitatori nell'estate 2007, integrata con i pannelli realizzati da San Bartolomeo in Galdo, che è stato presente alla celebrazione con una delegazione di 15 tra amministratori, appassionati e cultori del mito di Marciano, tra cui lo scrittore Errico Pizzi che ha dedicato numerosi saggi alla figura del “Bombardiere di Brockton”, com'era soprannominato negli Stati Uniti.

Al termine della celebrazione, l'assessore allo Sport del Comune di Ripa Teatina, Gianluca Palladinetti, ha dato appuntamento per l'edizione numero sei, in programma l'estate prossima, del “Premio Rocky Marciano”, che ormai ha assunto una valenza internazionale.

mercoledì 2 settembre 2009

Archeologia nel Fortore alla luce dei nuovi studi


Archeologia nel Fortore alla luce dei nuovi studi.
Per un progetto di Carta del Patrimomio Culturale


Riccia, Piano della Corte, 5 settembre 2009, ore 17.00

L’Associazione Trediciarchi ha tra i suoi compiti statutari quelli di svolgere attività di studio, di ricerca, di informazione e di documentazione per favorire la conoscenza dell’area del Fortore molisano-pugliese-campano e contribuire sia al recupero del suo patrimonio storico, artistico, demoetnoantropologico, archeologico, naturalistico e ambientale, sia alla riscoperta di una comune identità che trova fondamento nelle affinità etniche, culturali ed economiche di una popolazione evolutasi in un territorio orograficamente omogeneo.

L’area del Fortore è stata frequentata fin dai tempi remoti da gruppi umani che hanno lasciato tracce più o meno consistenti del loro passaggio e della loro permanenza. La valle, il fiume ed i suoi affluenti maggiori sono stati utilizzati come vie di comunicazione privilegiate, nell’ambito di un territorio particolarmente impervio.

Oggetti più antichi, arnesi e armi di selce, si ritrovano cospicui in molte zone, ma è grazie alle migrazioni prima di popoli Umbro-Sabellici (Sanniti) e poi di quelli favoriti dai Romani (Liguri Bebiani e Liguri Corneliani) che nell’intero areale fortorino fioriranno piccoli e grandi insediamenti, le cui testimonianze si rinvengono negli agri di Riccia, Macchia Valfortore, Gambatesa, Tufara, Gildone, Jelsi, Colle Sannita, S. Bartolomeo in Galdo, Baselice, S. Croce del Sannio, S. Marco dei Cavoti, Circello, Carlantino, Celenza Valfortore, Pietramontecorvino.
Nel contesto di questo risvegliato interesse archeologico si inserisce l’organizzazione, da parte dell’Associazione Trediciarchi e del Comune di Riccia, di un Convegno, con il quale fare il punto sugli studi intrapresi e sui progressi delle campagne di scavo che da diversi anni interessano l’area.

Alla manifestazione – intitolata “Archeologia nel Fortore alla luce dei nuovi studi. Per un progetto di Carta del Patrimomio Culturale” e prevista per Sabato, 5 settembre 2009, alle ore 17, a Riccia, presso la Sala Convegni “Beato Stefano” situata nel centro storico del paese – hanno dato il loro sostegno le tre Comunità montane fortorine, numerose amministrazioni locali, accademici e studiosi di archeologia che da diverso tempo operano nei suddetti luoghi.

Il Convegno, coordinato dal presidente dell’Associazione Trediciarchi Antonio Santoriello, sarà introdotto dal sindaco di Riccia, Micaela Fanelli e, a seguire, porteranno i loro saluti i rappresentanti delle tre Comunità montane: Mario Giuseppe Martino (Comunità montana del Fortore molisano), Zaccaria Spina (Comunità montana del Fortore), Ernesto Cicchetti (Comunità montana dei Monti Dauni Settentrionali) e i sindaci dei comuni fortorini presenti. La relazione introduttiva, intitolata “Il Sannio e il progetto Valle Tappino – Media Valle del Fortore”, sarà tenuta dal noto studioso Gianfranco De Benedittis. Sarà affidato a quattro giovani ricercatori il compito di presentare i ritrovamenti archeologici di alcune principali località dell’area e le loro considerazioni in materia: Enzo Cocca, “Baselice dalla preistoria al Medioevo: aree a rischio archeologico”; Antonio Mandrone, “La zona archeologica di Castelmagno a San Bartolomeo in Galdo”; Antonella Frangiosa, “Carlantino tra storia degli studi e nuovi spunti di ricerca archeologica”; Andrea Capozzi, “Riccia: i siti di Campo San Pietro, Pesco del Tesoro, Cerignano”.
Google