sabato 7 febbraio 2009

Salvaguardia faunistica, mancano i fondi

La Regione Campania ha azzerato ogni risorsa finanziaria nella ripartizione alle Province campane per la delega in materia faunistico-venatoria. Lo denuncia l’assessore provinciale di Benevento, Gianluca Aceto, in una nota inviata al presidente ed all’assessore all’agricoltura della Regione nella quale definisce “insostenibile” la situazione venutasi a creare.

La cancellazione dei fondi, introdotta con le leggi regionali n. 1 e 2 del 2009, ha creato - afferma l’assessore - grave disagio sia all’Ente Provincia che a tutto il mondo venatorio: il blocco delle risorse, infatti, non si ripercuote soltanto nella reintroduzione sul territorio di fauna stanziale, ma anche sull’attuazione delle linee di programmazione concertate con il Piano Faunistico Venatorio Provinciale per gli anni 2007/2011. In sostanza, viene impedita la gestione delle Zone di Ripopolamento e cattura, il controllo conservativo di alcuni predatori, il monitoraggio sanitario di alcune specie selvatiche, i censimenti e la valutazione del prelievo dell’avifauna, il monitoraggio delle specie rare. In sostanza, sul territorio del Sannio ed in tutta la Campania è bloccato ogni tipo d’intervento di salvaguardia del patrimonio faunistico.

Ma c’è di più, avverte Aceto: la mancanza di fondi si ripercuote sull’attività delle Commissioni, istituite ai sensi della legge regionale n. 8 del 1996, e sul risarcimento dei danni alle produzioni agricole da fauna selvatica, e dall’attività venatoria, che negli ultimi anni ha avuto un notevole incremento sia nelle domande di risarcimento che degli importi liquidati. Come se non bastasse, oltre all’azzeramento per l’anno in corso, l’assessore Aceto evidenzia la seguente ciliegina sulla torta: il mancato accreditamento dei fondi già assegnati alla Provincia di Benevento per l’anno appena trascorso e per il quale erano ovviamente già state programmate e portate a termine le attività descritte. L’assessore Aceto, alla luce di tutto questo, ha dunque chiesto un urgente incontro alla Regione al fine di valutare la possibilità di rivedere con atti alternativi le disposizioni di cui alla legge finanziaria regionale.
(Fonte: 82cento.it)

venerdì 6 febbraio 2009

La disinformazione

Repubblica del 5 febbraio riporta le dichiarazioni del Presidente Berlusconi sulle azioni del suo governo per arginare la crisi finanziaria.

"Un governo che si è mosso subito e per primo... Sono stato il primo il 10 ottobre ad annunciare agli italiani che non avrebbero dovuto avere timore per i depositi che avevano nelle banche e a mettere la garanzia dello Stato contro il loro fallimento: questa nostra iniziativa è stata poi esportata in Europa... Sono riuscito a convincere Bush e i suoi collaboratori, inerti di fronte al fallimento della Lehman Brothers, che lo Stato doveva intervenire. La prima idea, la prima iniziativa, il primo spunto abbiamo l'orgoglio di dire che è venuto da noi".

Giusto orgoglio, condividiamo. Ma quello che è incomprensibile è che di questa leadership mondiale non vi è traccia sulla stampa internazionale. Su Google è facile trovare link che parlano del piano Paulson (il Tarp, cioè l’acquisto degli asset "tossici"), del piano Brown (la ricapitalizzazione delle banche) o del piano Zingales (il debt-for-equity swap). Ma quando si parla di piano Berlusconi ci si riferisce al massimo al salvataggio di Alitalia. Peggio ancora, il 13 ottobre scorso, appena tre giorni dopo che Berlusconi aveva indicato al mondo la via di salvezza, i media britannici (anche quelli tradizionalmente legati ai conservatori) attribuivano il ruolo di leader e modello al loro premier, Gordon Brown.

E' chiaro che qua ci sono solo due possibili spiegazioni. La prima è l'eccessiva modestia del nostro primo ministro, il quale ha dato di nascosto le idee giuste ai leader mondiali che le hanno fatte proprie senza ringraziarlo e citarlo. La seconda è che siamo invece di fronte ad un caso clamoroso di disinformazione. Dei media internazionali, ovviamente. Fanno dunque bene i media italiani a dare ampio risalto al Silvio's plan.

Fausto Panunzi
(tratto dal sito www.lavoce.info)

giovedì 5 febbraio 2009

Mostra/denuncia de l’Altro sud: "Identità in frantumi"‏

Carissimi, scrivo per informarvi che, su proposta dell’amico Giuseppe De Martino, abbiamo deciso di dar vita ad un’iniziativa volta a valorizzare il patrimonio artistico meridionale e la nostra identità.

Daremo vita ad un’attività di raccolta di foto di monumenti ed opere d’arte malamente conservati, non curate e dimenticate dalle istituzioni preposte alla loro tutela per poi fare, con quelle più significative, una mostra/denuncia.
Abbiamo tutti sotto gli occhi il pessimo stato di conservazione, soprattutto al Sud, di opere che in altri paesi sarebbero un attrattore turistico di primaria importanza. Questo immenso patrimonio va valorizzato ed attraverso di esso va recuperato, da parte di noi meridionali, l’orgoglio di appartenere ad una comunità per secoli unita ed egemone in Europa.

Per dare all’iniziativa uno spirito propositivo, nella realizzazione della mostra fotografica indicheremo anche una possibilità di recupero dell’opera stimando le spese che sarebbero necessarie. Si occuperà di questo aspetto tecnico, Bruno Pappalardo, architetto e docente di storia dell’arte, direttore del nostro dipartimento storico-artistico.

Chi è interessato all’iniziativa ed è di Napoli, può mettersi in contatto con noi. Sarebbe preferibile che venisse a trovarci in sede il martedì dalle 17.30 alle 20.
Chi non è di Napoli o comunque ha difficoltà a raggiungere la sede può inviarci proposte, suggerimenti e foto all’indirizzo e mail: pibix52@libero.it.
Indicando l’autore delle foto, l’opera fotografata e l’ubicazione. Chi è interessato a scattare le foto in questione può naturalmente già cominciare anche se intendiamo partire formalmente in una data precisa (da stabilire) informandone anche la stampa. Nell’attesa dei vostri contributi e della vostra collaborazione, vi saluto tutti.
Gaetano Pietropaolo
(coordinatore nazionale)

www.laltrosud.it

mercoledì 4 febbraio 2009

Elezioni Baselice, Canonico sfida l'attuale maggioranza

Elezioni comunali 2009. È certo a sfidare la maggioranza uscente, al Comune di Baselice, sarà la compagine guidata da Domenico Canonico. In gioventù militante della sinistra storica baselicese. A un certo punto scompare dallo scenario politico locale per dedicarsi alla sua professione: l’agronomo. Voluto da un gruppo di giovani e professionisti, di diversa estrazione politica, gli tocca raccogliere l’eredità lasciatagli dall’ex capogruppo di minoranza Aldo Lepore (purtroppo scomparso prematuramente).

Canonico si pone in continuità con la vecchia minoranza ma con l’obiettivo di rinnovare gli uomini che faranno parte della lista che il sei e sette giugno competeranno per la poltrona da sindaco del piccolo comune fortorino.
D’altra parte il gruppo che lo sostiene ha rifiutato in un primo momento la proposta da capolista offerta da Doriano Bianco, marito dell’attuale vicesindaco. E proprio in questi giorni quella dell’attuale consigliere provinciale dell’Idv, Michele Maddalena, cognato dell’attuale consigliere di maggioranza nonché ex assessore alla comunità montana del Fortore, Emanuele del Grosso. Dunque nessun compromesso con l’altra parte. Gli elettori baselicesi apprezzeranno questa scelta? Staremo a vedere.

Sul versante opposto l’attuale sindaco Nicolino del Vecchio, dopo due legislature - e visto che ormai il terzo mandato è rimandato alle calende greche - dovrà scegliere il suo successore. Diversi i nomi fatti in questi mesi, ma non è escluso che potrebbe candidarsi nelle seconde file per poi assumere la carica di vicesindaco. Come non è escluso che possa restarsene a casa dando l’imprimatur a qualche uomo di sua fiducia, il quale possa garantire gli interessi del “blocco sociale” che lo sostiene da trent’anni a questa parte. Per il momento sono ipotesi. L’attuale primo cittadino nulla ha fatto trapelare sulle sue prossime mosse. Una cosa è certa il rivale Canonico è pronto a dare battaglia.

P.S. Il dottor Doriano Bianco ci ha contattati per smentire categorigamente quanto riportato nel passaggio che lo riguarda, affermando che non si è mai offerto come capolista del gruppo che sostiene la candidatura a sindaco di Domenico Canonico e di non aver mai partecipato a nessuna riunione politica.

martedì 3 febbraio 2009

Natura. Passione del Sannio. Ma non per il Fortore


Spesso ci viene il dubbio: ma il Fortore fa parte del Sannio? E più in generale: fa parte della Campania?

Per dissipare l’incertezza basta leggersi la nota della Provincia di Benevento denominata "Natura. Passione del Sannio". Ebbene se si va ad analizzare il programma dell’iniziativa si legge: “Il progetto - Comunicato stampa numero 482 del 02 febbraio - intende esaltare i paesaggi e la natura del Sannio e la sublimazione artistica di questi elementi in un pacchetto di iniziative culturale nelle quali intervengono diverse discipline e professionalità. Il progetto si suddivide in tre fasi: la prima da 4 al 14 aprile ha le proprie tappe a Cusano Mutri e Pannarano dal titolo "I viaggi nella Natura"; la seconda il 4 aprile in Pietrelcina con il titolo "Madre Natura, Madre Madonna"; la terza, dal 7 aprile al 30 settembre, è invece focalizzata presso il Museo d'arte contemporanea Arcos di Benevento con la Mostra "I paesaggi e la natura dell'arte". E continua: “Gli eventi legati a ‘I viaggi nella Natura’, ovviamente, hanno come obiettivo il turismo e la riscoperta di angoli nascosti del Sannio e consistono principalmente in escursioni di diverso grado di difficoltà in alcune delle perle territoriali locali: l'Oasi del Wwf di Pannarano, le Gole di Caccaviola, il Salto dell'Orso, I Sentieri del Monte Cigno e le Forre di Lavelle”.

E bla bla bla. Ma in questo comunicato non c’è nulla che possa riguardare le bellezze naturalistiche e architettoniche, per non parlare dei musei, del Fortore. Un’amnesia? Una dimenticanza? Una gaffe? Oppure il Fortore è un angolo talmente nascosto di cui ci si ricorda solo in campagna elettorale?
Se si va a vedere poi il programma politico dei partiti alle scorse elezioni politiche. Tutti parlano di sviluppo del Fortore. Tutti hanno in debita considerazione (sempre in campagna elettorale) quest’area che è l’area più povera del Sannio. E questo è vero. Ma i fortorini di passioni e di legami alla propria “montagna” ne hanno talmente tanta che sanno che la loro terra – nonostante i saccheggi subiti – è tra le più ricche di cultura dell’intero Sannio. Ma evidentemente questo al Palazzo non interessa. E' arrivata forse l'ora di chiedere asilo politico al vicino Molise?

lunedì 2 febbraio 2009

Allarme usura



da EpicentroBenevento

“I dati sull’aumento dell’usura forniti dall’Eurispes sono seriamente preoccupanti e conseguenza diretta della crisi economica insieme alla contestuale stretta delle banche al sostegno al credito”. E’ quanto afferma il presidente della Cidec di Benevento, Milena Petrucciani, sui dati diffusi ieri dall’Eurispes.
Secondo l’Eurispes – sottolinea Petrucciani- l'usura e' un fenomeno sempre più diffuso in Italia ma che continua a rimanere sommerso.

Napoli (62) è tra le province italiane quella più interessata dal delitto di usura, seguita da Bari (18), Torino (17), Milano e Roma (15). Napoli (205) risulta capolista anche nella graduatoria che prende in esame gli anni tra il 2004 e il 2008, con uno scarto consistente su Roma (100), Torino (87), Milano (79) e Bari (72).

Le vittime maggiormente colpite dal fenomeno sono soprattutto (48%) piccole imprese operanti nel commercio, seguite da altre tipologie di imprese (25%), da artigiani (10%), liberi professionisti e lavoratori dipendenti (rispettivamente 7% e 8%) e da una bassa percentuale di disoccupati e pensionati (2%).
Il numero dei commercianti vittime di usura e' aumentato negli ultimi anni, provati da una crisi che ha fatto registrare fra l'altro la chiusura di 357.000 attività commerciali dal 2000 a oggi. Elevatissimi i tassi di interesse che oscillano fra il 120% e il 240% annui, con un 15% di casi che arriva fino al 500% annuo e un 10% che li supera.

“Quando un imprenditore non riesce a trovare risposta nelle banche ed ha difficoltà nell’accesso al credito, preso spesso dalla disperazione, si rivolge a ‘canali alternativi’ che offrono prestiti a tassi più elevati di quelli bancari, alimentando così il circolo pericoloso dell’usura. Ecco perché – afferma il presidente Petrucciani - la Cidec da tempo sollecita una maggiore sensibilizzazione del sistema bancario verso la piccola impresa attraverso un sostegno e una maggiore personalizzazione dei servizi di finanziamento. La nostra Confederazione, negli ultimi mesi ha messo in campo numerose iniziative che adesso proverà a rafforzare e replicare su tutti i territori. A Palermo è stato attivato lo sportello legalità, a Salerno abbiamo stretto un accordo con l’Arma dei carabinieri per monitorare il fenomeno ed a livello nazionale è nata da pochi mesi la Federazione antiusura per l’attivazione di un fondo che agevoli il credito a favore degli associati La nostra Federazione – continua Petrucciani – continuerà a lavorare in stretta collaborazione con le forze dell’ordine per assistere le imprese associate aiutando chiunque si trovi stretto nella morsa del racket, delle estorsioni e dell’usura”.

“Un sistema, quello di Cidec - conclude il presidente Milena Petrucciani - per serrare le file contro la criminalità organizzata e sostenere i commercianti e gli artigiani che hanno bisogno di non sentirsi soli”.
Google