mercoledì 24 dicembre 2008

BUONE FESTE A TUTTI!

martedì 23 dicembre 2008

Serra Pastore, Aceto chiede l'intervento di Bertolaso

Sullo stato di pericolo per la salute pubblica della discarica di Serra Pastore di San Bartolomeo in Galdo e sulle numerose problematiche ancora aperte circa la gestione del ciclo dei rifiuti, l'assessore all'ambiente della Provincia di Benevento, Gianluca Aceto, ha chiesto al Sottosegretario Bertolaso di attivare un tavolo istituzionale finalizzato ad individuare le azioni necessarie a superare tutte le gravi incertezze del momento.

In particolare, in una lettera inviata allo stesso Sottosegretario all'emergenza rifiuti ed all'assessore regionale all'ambiente, Walter Ganapini, nonché alle altre Province campane, ai Consorzi rifiuti ed alle Comunità montane, nel mentre si sottolinea che dalla discarica di Serra Pastore il percolato minacci di disperdersi nella diga di Occhito che fornisce d'acqua Puglia e Molise, Gianluca Aceto ha presentato ufficialmente quelle che sono le preoccupazioni e le osservazioni scaturite dall'assemblea dei Sindaci tenutasi presso la Provincia di Benevento il 5 dicembre scorso, da cui è emersa la necessità di confrontarsi in maniera sistematica sui seguenti temi:

bonifiche delle discariche di San Bartolomeo in Galdo, Fragneto Monforte, Casalduni, etc.; riconversione e gestione dell'impianto STIR di Casalduni; determinazione e localizzazione degli impianti; finanziamento delle isole ecologiche, atteso che molti Comuni avevano già presentato progettazioni esecutive.

E' da precisare infine che sulla discarica di Serra Pastore, grazie all'iniziativa del Presidente del Consorzio BN 3, Franco Cocca, si terrà a Benevento il prossimo 29 dicembre, un'apposita riunione.

Polizia Forestale: critiche le condizioni della discarica Serra Pastore

“Ritornano critiche le condizioni della discarica consortile Serra Pastore di San Bartolomeo in Galdo gestita dal Consorzio BN3”. E’ quanto si legge in una nota del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale si Benevento che aveva sottoposto a sequestro l’area il 12 febbraio del 2007.

“La discarica – si legge inoltre nella nota - è continuamente monitorata dai forestali dei Comandi Stazione di San Bartolomeo in Galdo e San Marco dei Cavoti nonchè dal personale Arpac di Benevento. Infruttuosi si sono dimostrati gli interventi di messa in sicurezza del sito attuati dal Consorzio BN3 e consistenti in una trincea drenante lungo un lato del corpo di discarica e in una paratia di micro pali. L'abbondante fuoriuscita di percolato che attualmente si osserva lungo il lato sud - ovest del corpo di discarica si è riversata nei terreni privati e nei pozzi a valle, di cui uno è completamento ripieno. Il personale della Stazione Forestale di San Bartolomeo in Galdo è intervenuto tempestivamente per verificare il fenomeno in atto e segnalare le criticità emergenti ai competenti organi, a salvaguardia della pubblica e privata incolumità".
(tratto da ilquaderno.it)

lunedì 22 dicembre 2008

Ospedale San Bartolomeo, interrogazione dei deputati radicali


I deputati Farina Coscioni, Maurizio Turco, Zamparutti, Bernardini, Mecacci e Beltrandi hanno rivolto un’interrogazione al ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali e al ministro dell'economia e delle finanze.

Per sapere - premesso che: il supplemento Salute del quotidiano La Repubblica (edizione del 18 dicembre 2008) nella rubrica “Medicina-Sanità” curata dal giornalista Paolo Cornaglia Ferraris ha pubblicato la seguente notizia: “È un palazzo di cinque piani in costruzione dal 1958. Un ospedale che non funziona, costato sinora 20 milioni di euro. L'ospedale Padre Pio è stato inaugurato nel 1997 con cerimonia solenne, ma non funziona. Però la Campania stanzia fondi per parcheggi ed eliporto. Nel frattempo a San Bartolomeo in Galdo, il 118 impiega, mezz'ora per arrivare. Il malato viaggia verso Lucera (45 minuti), Campobasso (50 minuti). “L'ospedale mai aperto è un vuoto monumento alla disonestà e all'incapacità di chi ne è stato, e ne è l'artefice. Cosa deve fare questa gente per farsi ascoltare? Deve organizzare una rivolta”, chiede il parroco. Ma l'ospedale non serve più. Va riconvertito, non sarebbe economico. Un monumento allo spreco e alla vergogna che investe l'intera Campania. Questa regione produce 2 miliardi e 700 milioni di euro in Drg (prestazioni sanitarie con inappropriatezza diffusa, vedi i parti cesarei), ma costa tre miliardi e 900 milioni. Si chiama lottizzazione clientelare.
Malattia diffusa. Un esempio? Esiste un ospedale calabrese con 100 letti di degenza e 600 impiegati amministrativi a busta paga.Tra questi, pare che solo in 20 timbrino ogni giorno il cartellino.

-:se, anche nell'ambito del piano di rientro dal deficit sanitario della regione Campania, non intendano attivarsi per superare queste vergognose situazioni; se, a fronte dei rilevatissimi sprechi segnalati, non intendano richiedere una verifica ai servizi ispettivi di finanza pubblica.
Fonte: epicentrobenevento.it)

Piccoli Comuni: il Pd dica no al terzo mandato ai sindaci

Il Pd dica no alla possibilità che il Parlamento voti la norma del terzo mandato ai sindaci dei piccoli Comuni – a chiederlo il Portavoce di Piccoli Comuni, Virgilio Caivano, a margine di un incontro avuto nei giorni scorsi con amministratori e dirigenti di scuole calcio a Lacedonia(Avellino) - “Il sistema istituzionale locale è profondamente malato e necessita di un forte ricambio nelle persone e nei comportamenti. Il terzo mandato ai sindaci - avverte il Portavoce di Piccoli Comuni - consolida soprattutto nel Sud, un sistema di potere molto spesso clientelare e fuori dalle regole. I piccoli Comuni rischiano di essere definitivamente preda delle lobbies dei tecnici e dei cementificatori. Occorre un grande ricambio generazionale a partire dai piccoli enti per creare le condizioni di un generale rinnovamento delle classi dirigenti nel nostro Paese. La nostra proposta è che ci sia un vincolo di mandato anche per i Consiglieri Comunali per impedire che le Istituzioni restino prigioniere di gruppi o autentici clan familiari. E’ questo il tempo per ridefinire ruoli e competenze nuove per i Comuni, altrimenti condannati ad essere meri moltiplicatori per nulla rispondenti alle reali necessità dei cittadini”.

Provincia, tutto resta immutato

Dunque alla fine il leader dell’Idv Di Pietro sembra aver trovato una formula che salvaguardia la giunta provinciale di Benevento. Infatti, a quanto riporta l’agenzia di stampa Reuters “l'Italia dei valori esce da tutte le amministrazioni della Campania coinvolte in inchieste su politica e malaffare. Lo ha detto oggi in una conferenza stampa a Napoli Antonio Di Pietro”. Non ci dovrebbero essere problemi così per l’esecutivo della Rocca dei rettori dove l’Idv ha un assessore e un consigliere provinciale.