giovedì 24 aprile 2008

Napolitano: mantenere viva la memoria del 25 aprile


"Gli italiani mantengano costantemente viva la memoria e consapevole la coscienza delle diverse tappe del processo di maturazione e di lotta che ha condotto il nostro paese alla liberazione". Lo ha detto Giorgio Napolitano ricevendo al Quirinale le associazioni d'arma e combattentistiche. "Se l'indifferenza è quello che resta dopo tanti anni", gli ha appena detto il generale Calamani, eroe di quella parte della Resistenza che fu combattuta dai militari regolari delle forze armate, "quello che abbiamo fatto non è servito a niente: a Cefalonia, a Montelungo, a Sant'Anna di Stazzema. Lo sappia chi dice che il 25 aprile deve essere abolito".
"La Liberazione", gli risponde il capo dello stato, "non fu solo il coronamento di una luminosa rinascita, lungamente sognata durante tutto l'oscuro periodo del nazifascismo e della guerra, ma anche e soprattutto una promessa: di un'Italia nuova, di una vera Costituzione dei cittadini, di una democrazia reale. Una promessa di sviluppo economico e sociale per tutto il paese". (Agi del 24 aprile)

Provincia, è spaccatura nel Partito democratico


Ricompaiono le divisioni interne al Partito democratico sannita a meno di due settimane dalla vittoria elettorale del centrosinistra alla Provincia di Benevento. I neo consiglieri provinciali Carlo Falato e Renato Lombardi, eletti nella lista “Progetto Sannio” e vicini alle posizioni di Carmine Nardone, non hanno aderito al gruppo democratico alla Rocca dei Rettori che si è costituito oggi.

A provocare la spaccatura è stata soprattutto la trattativa sulla composizione della futura Giunta Provinciale dalla quale, al momento, sembra restare fuori Giorgio Carlo Nista, assessore provinciale uscente. Il suo disimpegno potrebbe scaturire dalla decisione dei vertici del Partito democratico di coinvolgere nella squadra del neo presidente Aniello Cimitile solo i consiglieri provinciali eletti nonostante il patto pre-elettorale sottoscritto, alla presenza del
delegato nazionale di Walter Veltroni, prevedesse il coinvolgimento di Nista seppur non candidato alla Rocca dei Rettori.
(tratto da ilquaderno.it)

Idv, Montanelli interrompe lo sciopero della fame

Dopo 42 giorni Wanda Montanelli ha interrotto lo sciopero della fame. Tuttavia ha deciso di continuare la sua battaglia in favore delle donne. Tramite questo blog voglio esprimerle tutto il mio affetto e la mia solidarietà. Ecco il lancio di agenzia che comunica la notizia.

Condotta d'urgenza in ospedale dopo un episodio di lipotimia, Wanda Montanelli, presidente della Consulta donne Idv, ha deciso di accettare l'invito del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e di tutti i suoi sostenitori sospendendo il digiuno iniziato 42 giorni fa. Lo si legge in un comunicato nel quale si precisa che il dott. Mengarelli, che segue il decorso di cure della Montanelli, ha chiamato l'autoambulanza per aver riscontrato un ulteriore scadimento delle condizioni fisiche e un pericoloso livello di valori glicemici. L'esponente Idv, sottoposta ad accertamenti e cure all'ospedale Grassi, appena si è ripresa dall'episodio critico, ha sottoscritto la cartella clinica per essere dimessa anticipatamente dall'ospedale. Contemporaneamente ha deciso di sospendere lo sciopero della fame, convertendo la sua protesta in ''pasto frugale di sopravvivenza''. Montanelli si domanda per quale motivo la sua battaglia per il riconoscimento delle pari opportunità all'interno dell'Idv, continui a essere ignorata dai media.
(tratto da Adnkronos del 23)

mercoledì 23 aprile 2008

Il Sud e la nuova emigrazione


Per chi come me ha fatto il percorso inverso, leggere oggi sul “Corriere della sera” l’inchiesta sulla nuova emigrazione, non può fare altro che restare allibito. Ciò che speravamo finito per noi meridionali è ricominciato alla grande. Ogni anno 270 mila persone vanno al Nord per studiare e lavorare. “Ogni anno – si legge sul quotidiano – , infatti, si spostano dalle regioni meridionali verso quelle del Centro-Nord circa 270 mila persone: 120 mila in maniera permanente, 150 mila per uno o più mesi, dice l'istituto di ricerca Svimez. Un dato vicino a quello dei primi anni Sessanta, quando a trasferirsi al Nord erano 295 mila persone l’anno”.

Un esodo biblico. Come negli anni postbellici. Ma questa volta con caratteristiche diverse. Se in quegli anni erano soprattutto operai a spostarsi al Nord (inviando nei paesi di origine le cosiddette rimesse, i soldi risparmiati), questa volta le famiglie del Sud, non solo pagano i costi per l’istruzione dei propri figli, ma addirittura li debbono aiutare economicamente a mantenersi.
“Parlare di 270 mila uomini e donne – continua l’inchiesta – che ogni anno vanno da Sud a Nord per lavorare o per studiare significa immaginare una città come Caltanissetta che si sposta tutta intera per trovare un futuro. Anche i contorni economici del fenomeno sono profondamente diversi da quelli del dopoguerra. Allora le rimesse degli emigranti generavano un flusso di risorse discendente, dalle regioni settentrionali a quelle del Mezzogiorno: servivano a mantenere le mogli o i genitori anziani rimasti al paese e magari a mandare avanti i lavori per costruire o ampliare la casa. Oggi, al contrario, i soldi risalgono la Penisola, per sostenere gli studenti meridionali nelle Università del Nord o i lavoratori precari che non ce la fanno ad arrivare alla fine del mese, ma che tirano avanti con l’aiuto delle famiglie d’origine (comprese le pensioni dei nonni) con l’obiettivo di raggiungere poi il contratto a tempo indeterminato”.

Ancora una volta dunque il Nord produttivo si avvantaggia dell’esercito di riserva che trova al Sud per arricchire la propria economia. Alla faccia del federalismo fiscale della Lega. Qui ci vorrebbe un federalismo umano del Mezzogiorno. I ragazzi ce li formiamo noi. E a noi dovrebbero restare. Questo sì che sarebbe vero federalismo. Altro che i bla bla bla che ci vengono a propinare in campagna elettorale i vari Viespoli, Mazzoni, Izzo, Boffa e Pepe. Tanto i loro figli non emigrano mai.

Idv: Montanelli, ricoverata dopo 42 giorni di sciopero fame

Postiamo un lancio dell’Ansa sulle condizioni fisiche di Wanda Montanelli. Wanda da anni è la responsabile nazionale delle donne dell’Italia dei valori. E da anni si batte per avere una maggiore rappresentatività delle donne sia nel suo partito sia nell’ambito delle istituzioni.
Mi lega a lei un profondo rapporto di amicizia e collaborazione giornalistica. Insieme abbiamo fondato “Orizzonti nuovi”, organo dell’Italia dei valori. Anch’io – pur riconoscendo la giustezza della sua battaglia - mi associo all’appello del presidente della Repubblica Napolitano di sospendere lo sciopero della fame. E le esprimo tutta la mia solidarietà affinché le sue rivendicazioni trovino ascolto nei piani alti della politica.


La leader delle donne dell'Italia dei Valori, Wanda Montanelli, è stata ricoverata nel pomeriggio (di ieri, nda) all'ospedale Giovanni Battista Grassi di Roma per una precipitazione dei valori ematici. Montanelli è stata provata dai quarantadue giorni di digiuno per protesta contro la ''desertificazione delle opportunità femminili in Idv come nella politica e nella società italiane''.
Wanda Montanelli non ha ancora accettato di tornare ad alimentarsi malgrado i molteplici inviti, tra i quali spicca quello del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Ora la leader delle donne dell'Idv è sotto le cure necessarie per il reintegro nutritivo''. (Fonte Ansa 22 aprile)

martedì 22 aprile 2008

Anche i piccoli comuni partecipano all'Earth day


I Piccoli Centri Europei si mobilitano per sensibilizzare la pubblica opinione internazionale e promuovere la conservazione dell’ambiente in cui viviamo attraverso politiche di sviluppo serie, coerenti ed ecosostenibili. Informare la pubblica opinione sullo stato di salute della Terra ed invitare a un cambiamento dei comportamenti individuali un compito irrinunciabile. “Il nostro riferimento mondiale è Al Gore, il Nobel per la Pace, - a dichiararlo al forum web “Earth Dai e nuove responsabilità”, il Portavoce dei Piccoli Comuni, Virgilio Caivano - Il nostro obiettivo, la costruzione di una stagione di nuova responsabilità collettiva, senza la quale risulterà impossibile consegnare alle future generazioni un mondo vivibile e davvero ecocompatibile.

Spesa cara? Con un sms saprai i prezzi giusti


Ottantaquatttro i prodotti monitorati. Si potrà conoscere il loro costo giornaliero corretto, al nord, centro e sud del Paese
Basta un Sms per sapere se ti stanno fregando quando fai la spesa. E' infatti sufficiente inviare un messaggio con il cellulare al numero 47947 , indicando il nome del prodotto alimentare che si sta acquistando e il servizio «Sms consumatori» risponderà immediatamente, indicando il prezzo di vendita rilevato giornalmente e suddiviso nelle tre macro aree Nord, Centro e Sud. E' un'iniziativa voluta dal ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali che ha predisposto un elenco di 84 prodotti alimentari a largo consumo contemplati nel paniere. Collegandosi al sito internet www.smsconsumtori.it è possibile avere ulteriori informazioni e inviare segnalazioni alle associazioni consumatori.
(fonte: corriere.it)

Musica, il jazzista sannita Aquino su Radio Rai


Nato a Benevento nel 1974, Luca Aquino è oramai un affermato musicista nel panorama artistico nazionale grazie soprattutto alle emozioni che riesce a trasmettere con la sua tromba, che ha iniziato a suonare all’età di 19 anni.
Giovedì 24 aprile ore 1.00 antimeridiane il jazzista beneventano presenterà il suo album "Sopra le Nuvole" in diretta nazionale su Radio Rai1.
(fonte: 82cennto.it)

lunedì 21 aprile 2008

Azzerare le comunità montane, c’è il ddl

Il vicepresidente della Regione Campania Antonio Valiante ha incontrato a Palazzo Santa Lucia i rappresentanti della rete degli enti locali, ai quali ha presentato il disegno di legge che sarà approvato dalla giunta per il riordino delle comunità montane. Alla riunione hanno preso parte i delegati di Anci, Upi, Uncem, Lega delle Autonomie e Aiccre.
Nel corso dell'incontro Valiante ha illustrato il disegno di legge che prevede una consistente riduzione degli enti, dei consiglieri e degli assessori.
Le comunità montane, sulla base del testo predisposto, scendono da 27 a 19, mentre i loro componenti (presidenti, assessori e consiglieri) da 1458 a 271. In particolare, le Comunità fino a 12 comuni avranno solo 2 assessori, quelle con oltre 12 comuni 4 assessori. I comuni partecipanti passano dagli attuali 365 a 271. Il ddl prevede inoltre che siano direttamente i sindaci dei comuni interessati a rivestire il ruolo di componenti delle comunità. In questo modo sarà possibile attuare una consistente riduzione dei costi di funzionamento di questi organismi.
I delegati degli enti locali presenti all'incontro hanno accolto la proposta come una 'buona base di discussione'.
Lunedì 28 si terrà un nuovo incontro, cui seguirà la Conferenza delle autonomie locali che completerà la fase della consultazione.

(Tratto dall'Ansa del 21 aprile)

Concorso letterario scolastico: premiata baselicese



Tra i premiati del concorso scolastico letterario “Santa Lucia” (riservato agli alunni delle classi terze delle scuole medie di Benevento e provincia) c’è anche la baselicese Veronica Ferro, che insieme ad altri due ragazzi hanno ricevuto premi da 250 e 200 euro “per gli spiccati sentimenti socialmente umanitari rintracciati negli elaborati”. La commissione era composta dal presidente dell’associazione "Santa Lucia", da un docente di lettere, da un dirigente scolastico, uno psicologo e dal direttore spirituale dell’associazione. La premiazione si è svolta sabato scorso presso l’auditorium del Museo del Sannio di Benevento.