venerdì 18 aprile 2008

Provinciali, l'analisi del voto


Chiuse le urne e conteggiate le schede elettorali è tempo di bilanci per i quattro baselicesi che si sono candidati al parlamentino provinciale. A questo punto il più soddisfatto non può che essere Michele Maddalena (Idv), il quale classificandosi secondo nella lista di appartenenza (con il 12,8 per cento in tutto il collegio) avrebbe ipotecato la possibilità di occupare uno scranno alla Rocca dei Rettori. L’ostinazione alla fine l’ha premiato. E' stata la terza candidatura consecutiva.
La sorpresa, tuttavia, è stata quella di Salvatore Brancaccio. Candidato con la lista di centrodestra Forza Sannio, ha ottenuto solo a Baselice 398 voti. Compreso San Bartolomeo e Castelvetere raggiunge quota 497 (l’8,4 per cento dei consensi). Una buon’affermazione per il presidente del circolo di An di Baselice e dirigente provinciale che ha saputo condurre un’ottima campagna elettorale – è il candidato che ha fatto più comizi – ma soprattutto è riuscito a catalizzare intorno a sé gli scontenti della politica locale. Sicuramente l’elettorato ha saputo apprezzare, oltre che una certa capacità oratoria, la sua proposta politica. Tutto ciò gli ha permesso di rosicchiare voti anche nell’elettorato di centrosinistra. Insomma, ha azzeccato tutte le mosse che aveva a disposizione.
Risultato inferiore alle attese invece per Antonio Paolozza. Il candidato del Partito democratico a Baselice ha avuto 352 consensi (466 in tutto il collegio, il 7,6 per cento), dimezzando così i settecento voti che la neoformazione veltroniana aveva preso il giorno precedente alle elezioni politiche. D’altra parte se Brancaccio ha raggiunto il quinto posto nella lista di appartenenza, il dirigente diessino si è classificato penultimo tra tutti i candidati del neo Partito democratico. Due gli errori commessi. Primo: non è riuscito a farsi percepire come veramente il nuovo (anche se questo è stato il leit motiv della sua campagna elettorale). Secondo: non ha saputo compattare il partito intorno alla sua figura. Tutto sommato un risultato accetabile.
Un discorso a parte merita Desiderio Marucci candidato nella lista civica la Costituente di centro. Una scelta arrivata all’ultimo momento, senza preavviso ma anche senza molto pretese. I 58 voti di tutto il collegio sembra, per sua stessa ammissione, accontentarlo. Contento lui contenti tutti.

giovedì 17 aprile 2008

Un Consiglio dei Ministri dedicato ai piccoli Comuni


“Al nuovo presidente del Consiglio dei Ministri, Silvio Berlusconi, dopo il Consiglio dei Ministri dedicato all’emergenza rifiuti in Campania, chiediamo un Consiglio dei Ministri straordinario dedicato all’emergenza desertificazione dei piccoli Comuni italiani. Una tragedia che colpisce dieci milioni di cittadini che vivono nelle piccole comunità locali destinate all’estinzione”. A chiederlo è il Portavoce dei Piccoli Comuni italiani, Virgilio Caivano, al radio web sul voto. “L’elettorato italiano ha espresso con il voto il nuovo Governo, adesso, le due grandi forze politiche PDL e PD presenti in Parlamento, diano, ognuno per la propria parte e ruolo, quelle risposte necessarie alla ripresa del Paese ed alla salvezza dei nostri 5000 piccoli Comuni”. “Ci aspettiamo – ha concluso il leader di Piccoli Comuni - che gli impegni assunti in campagna elettorale sulla chiusura delle Comunità Montane, delle Province, sul taglio del numero dei parlamentari, dei consiglieri regionali e comunali ci siano provvedimenti conseguenziali e coerenti per la doverosa riduzione dei costi della politica con poltrone inutili e costose a danno dei servizi, dell’efficacia e dell’efficienza della risposta istituzionale e politica”

Provincia, il nuovo consiglio tra conteggi e surroghe


Dopo il voto di domenica e lunedì comincia a profilarsi la geografia del parlamentino della Rocca dei Rettori. Per il quadro definitivo bisognerà aspettare la proclamazione ufficiale e l’indicazione degli assessori

(Epicentrobenevento.it) Proviamo a ipotizzare la geografia del nuovo Parlamentino, ossia del nuovo consiglio provinciale, alla luce della tornata elettorale di domenica 13 e aprile 14 e della relativa vittoria su Aniello Cimitile. La prudenza è d’obbligo perchè in corso la verifica dei voti e la semplice ri-attribuzione anche di uno soli degli stessi può determinare oscillazione nelle varie liste. Prudenza, dunque; anche perchè per avere il quadro completo bisognerà comunque aspettare la composizione della giunta (otto elementi). Gli assessori, è noto, non possono essere anche consiglieri. Dimettendosi, si scala nella lista d’appartenza.
Cominciamo quindi con i dati certi. A differenza del 2003, grazie ai risultati di Mino Izzo ed Erminia Mazzoni, l’opposizione avrà dieci consiglieri contro i 14 della maggioranza. Non è la stessa cosa che averne 16 da una parte e 8 dall’altra. Quattordici più il presidente è un numero sufficiente, stabilito dalla legge, ma richiede attenzione e presenza continua. Perchè qualche assenza, giustificata o ingiustificata, rientra nel campo degli aspetti fisiologici.
In ogni caso, secondo l’elaborazione della Prefettura di Benevento gli eletti dovrebbe essere i seguenti:

Partito democratico (5 seggi)

Eletti in ordine di percentuale: Claudio Ricci, Carmine Valentino, Carlo Petriella, Pietro Iadanza e Giuseppe Lamparelli
Primi dei non eletti in ordine di percentuale: Francesco Cocca, Cosimo Lepore e Domenico Mortaruolo

Progetto Sannio (2 seggi)

Eletti in ordine di percentuale: Carlo Falato e Renato Lombardi
Primi dei non eletti in ordine di percentuale: Paolo Visconti e Angelo Giuseppe Paolucci

Sannio Democratico (1 seggio)
Eletto in ordine di percentuale: Giovanni Mosè Bozzi
Primo dei non eletti in ordine di percentuale: Francesco Damiano

Udeur (3 seggi)

Eletti in ordine di percentuale: Pompilio Forgione, Giuseppe Maria Maturo e Alfredo Cataudo
Primi dei non eletti in ordine di percentuale: Angelo Capobianco, Donato Agostinelli e Luigi Scarinzi

Costituente di Centro (1 seggio)
Eletto in ordine di percentuale: Maria Cirocco
Primo dei non eletti in ordine di percentuale: Nino Lombardi

Italia dei Valori (1 seggio)
Eletto in ordine di percentuale: Nicola Augusto Simeone
Primo dei non eletti in ordine di percentuale: Michele Maddalena

Partito Socialista (1 seggio)
Eletto in ordine di percentuale: Mario Marotta
Primo dei non eletti in ordine di percentuale: Mario Meola

Popolo della libertà (5 seggi + 1)
Mino Izzo (candidato presidente). Eletti in ordine di percentuale: Lucio Rubano, Gennaro Capasso, Luca Ricciardi, Aurelio Bettini e Catello Di Somma
Primi dei non eletti in ordine di percentuale: Fernando Petrucciano e Teodoro De Cianni

Democrazia Cristiana: (1 seggio)
Eletto in ordine di percentuale: Dante Molinaro
Primo dei non eletti in ordine di percentuale: Pasquale Gianni Fusco

Izzo presidente (1 seggio)
Eletto in ordine di percentuale: Remo Del Vecchio
Primo dei non eletti in ordine di percentuale: Giuseppe Creta

Forza Sannio (1 seggio)
Eletto in ordine di percentuale: Spartico Capocefalo
Primo dei non eletti in ordine di percentuale: Arturo Leone Vernillo

Udc (1 seggio)
Erminia Mazzoni (candidato presidente)
Primo dei non eletti in ordine di percentuale: Raffaele Nazzaro

mercoledì 16 aprile 2008

Baselice, Maddalena probabile consigliere provinciale


È un fatto storico per la piccola comunità fortorina. Baselice eleggerà molto probabilmente Michele Maddalena (Italia dei valori) al parlamentino provinciale. Nessuno prima d’ora vi era riuscito. Ma si è dovuto attendere sino a tarda serata per avere la conferma dal sito del ministero dell’Interno. Un risultato al cardiopalma. All’ultimo voto. Settecentocinquantanove consensi in tutto il collegio, il 12,8 per cento. Pochissimo infatti lo scarto, una decina di schede elettorali, rispetto al collega di partito di Apice che ha permesso a Maddalena di collocarsi in seconda posizione nella lista del partito di Antonio di Pietro. Formazione politica che riesce a prendere un seggio e che sarà assegnato al primo classificato (Nicola A. Simenone col 13,2 per cento) il quale dovrebbe andare a ricoprire la carica di assessore provinciale lasciando così il posto di consigliere proprio a Maddalena.

martedì 15 aprile 2008

Provinciali, i voti dei candidati baselicesi

Elezioni provinciali (sezioni di Baselice)

Michele Maddalena (Idv) 625
Salvatore Brancaccio (Forza sannio) 398
Antonio Paolozza (Partito democratico) 352
Marucci Desiderio (Costituente di centro) 47

La sinistra l'arcobaleno 9
Progetto sannio 8
Partito socialista 6
Sannio democratico 6
Udeur 66
Dc 7
Izzo presidente 14
Pdl 98
La sinistra per il Sannio 5
Udc 26
Forza nuova 3

Elezioni politiche, i risultati di Baselice

CAMERA DEI DEPUTATI

Partito comunista dei lavoratori 10
Mpa 34
Pdl 498
Idv 222
Partito democratico 704
La Sinistra L’Arcobaleno 27
La destra 33
Sinistra critica 8
Udc 124

CAMERA DEL SENATO

Partito comunista dei lavoratori 8
Mpa 33
Pdl 408
Idv 217
Partito democratico 630
La Sinistra L’Arcobaleno 27
La destra 27
Sinistra critica 3
Udc 110
Google